È ufficiale: il 2020 ha rovinato la salute mentale della Gen Z