Iconografia religiosa, clubbing e intimità: il diario visuale di Gabriele Alongi