la designer italiana che unisce underground anni '90 e distopie del futuro