Esploriamo l'erotismo queer attraverso il designer emergente Matteo Carlomusto