e ora parliamo di ezra miller