Come Zoe Kravitz è diventata la meno finta (e stronza) di hollywood