E se "Emily in Paris" fosse un'assurda analisi del Sogno Americano nel 2020?