Perché riguardiamo sempre gli stessi film? E, soprattutto, perché ci fa stare bene?