Una lezione storico-estetica sullo sport post-sovietico, in foto