a berlino nessuno è di berlino!

Il fotografo George Nebieridze cattura i mille volti della città più cosmopolita d'Europa nella serie 'Nobody's From Berlin in Berlin'.

di Anastasiia Fedorova
|
23 agosto 2016, 2:40pm

Cathy from Taipei, Taiwan

Berlino è un luogo speciale per la cultura giovanile: la complessa storia di questa città l'ha portata a diventare la meta prescelta di molti creativi durante il XX secolo. I cabaret decadenti della Repubblica di Weimar degli anni '30, il fascino turbolento della Berlino dell'Est negli anni '70 e '80 e la rivoluzione techno degli anni '90 hanno contribuito a forgiare il concetto europeo di modernità. Oggi, mentre assistiamo impotenti all'ascesa dei partiti di estrema destra in tutto il mondo, la capitale tedesca sembra continuare ad essere la reale definizione di 'cosmopolitismo' e anche se i politici non smettono a parlare di muri e confini, Berlino rimane aperta a tutti. Il fotografo George Nebieridze ha scelto di immortalare proprio i diversi volti della città.

Originario della Georgia, George Nebieridze, si è trasferito a Berlino tre anni fa - e si è sentito a casa quasi subito. "È successo molto rapidamente", dice lui. "Anche un turista potrebbe chiamarla 'casa'. Trasferirmi qui è stato un sollievo per me: io sono diventato parte di Berlino e Berlino è diventata parte imprescindibile di me".

Per celebrare questa città in costante evoluzione Nebieridze ha dato vita ad una serie che s'intitola Nobody's From Berlin in Berlin: una collezione di foto rubate alle feste, per strada, nei parchi e nelle stanze in affitto. "Nelle fotografie per questo progetto ho ritratto gli angeli e i demoni incontrati durante i tre anni passati qui. Si tratta soprattutto di amici - e altri che sono in procinto di diventarlo. Molti di loro li ho conosciuti alle feste, ovviamente. Ci sono molti aspetti che mi affascinano in una persona, a volte mi sembra di fare scouting e altre volte mi sento come se stessi collezionando ritratti", racconta il fotografo.

I soggetti di Nebieridze non sono nati a Berlino: proprio come lui, sono arrivati nella città partendo dagli angoli più remoti del mondo: Australia, Stati Uniti, Portogallo, Taiwan, Russia e Sudafrica. "Vivo a Berlino da quasi tre anni e onestamente non credo di conoscere più di cinque persone originarie di questa città. Non è perchè sono sempre chiuso a chiave in camera mia o perchè odio i berlinesi, è che questa città è fatta così! Questa folle quantità di persone di diverse origini che si possono incontrare alle feste o nell'ambiente dell'arte e della moda fa sì che questa città risulti particolarmente dinamica. Io considero questa varietà estremamente bella e affascinante," spiega Nebieridze. "Queste persone sono diventati dei veri e propri berlinesi, individui che contribuiscono a plasmare la cultura di questo luogo. Se non ci fossero loro Berlino sarebbe l'ennesima città industriale grigia senza personalità."


Catalin di Bucarest, Romania

Davanti all'obbiettivo di Nebieridze le differenti nazionalità sembrano svanire e ogni personaggio diventa parte integrante di questa nuova tribù berlinese. Non importa come siano finiti qui - se siano partiti in cerca di occasioni in ambito creativo, della possibilità di esprimere la propria sessualità liberamente o semplicemente di rave con della buona musica - ciò che è certo è che rappresentano una nuova e fresca energia che non conosce limiti. I ritratti di Nebieridze, però, sono molti più di un semplice manifesto dell'immigrazione; sono degli spaccati intimi e onesti della vita berlinese. "Nelle mie fotografie emerge quanto le persone siano tranquille perchè nulla è studiato, è tutto spontaneo", spiega Nebieridze. "Li fotografo in situazioni in cui si sentono liberi. Per ogni scatto ci impiego davvero pochi secondi e per questo motivo non hanno nemmeno il tempo di sentirsi sotto pressione. Molti di loro sono abituati a posare per grandi campagne pubblicitarie e fotografie patinate, ma con me sembrano mostrare la loro vera personalità con un'onestà maggiore."

Steven di Leingarten, Germany

"Amo fotografare le persone in generale, ma raramente mi sono limitato ai ritratti come in questo caso", aggiunge. "Ero solito unire le persone al paesaggio, ma questa volta ho dedicato tutto me stesso alle creature che mi ispirano ogni giorno. Quando penso a Berlino, penso a questi angeli e demoni. Nessun museo o monumento potrà mai sostituirli". La serie di Nebieridze si traduce in un affascinante documentario sulle diverse espressioni di stile dei cool kids berlinesi che i giovani di tutto il mondo ammirano e copiano. Nei ritratti si possono vedere abbinamenti di sportswear, eco-pelle, facce toste e senso dell'umorismo. "Vorrei evitare di definire lo stile di Berlino con una semplice frase, anche se è vero che gran parte delle persone qui seguono un'estetica precisa", dice Nebieridze. "Lo sporty/trash non ha cessato di essere popolare, per esempio. Poi c'è l'health goth e lo stile scandinavo. Però le persone che ritraggo nelle mie foto non si limitano a seguire dei trend, creano una propria definizione di stile che è davvero difficile ignorare. Anche i grandi brand di moda hanno iniziato a prendere spunto dai look di queste persone. Guardi le sfilate di Vetements e Gosha Rubchinskiy e non puoi fare a meno di pensare: 'Questo fa tanto 2014'".

Graham di Fresno, USA

Berlino è l'esempio di una città che pullula di creatività importata da giovani di tutto il mondo: è il luogo prescelto per la nascita di un futuro multiculturale. Si tratta forse di un'utopia? Nebieridze sente che il progetto non si concluderà a breve. "So che c'è ancora tanto da fotografare", afferma. "Queste persone sono un'enorme fonte d'ispirazione per me e per molti altri. Un'altra cosa davvero affascinante è che le persone vanno e vengono da questa città rapidamente e continuamente. Questo significa che il flusso non si ferma mai. È pazzesco e e continuerà ad esserlo, ancora e ancora".

Ande di New York, USA
Davide di Napoli, ItaliaGeorge di Tbilsi, Georgia

Jonathan di Jacksonville, USA. Matthew di Brisbane, Australia
Kewin di Parigi, Francia

Nicolas di Vienna, Austria
Temulin di Ulaanbaatar, Mongolia

Karsten di Herne, Germania. Alexandra di Chisinau, Moldavia
Braulio di Lisbona, Portogallo

Tagged:
Cultură
berlino
giovani
Foto
george nebieridze
nobody's from berlin in berlin