petra collins e juergen teller celebrano la bellezza delle periferie

Una mostra collettiva a Parigi mostra la magia dei sobborghi dimenticati visti attraverso gli occhi degli artisti che riescono a coglierne la vera bellezza.

di Hannah Ongley
|
11 luglio 2016, 9:25am

petra collins, julia at sunset, 2014, © petra collins

Marciapiedi sporchi, giardini incolti, piscine vuote, staccionate malridotte: i sobborghi sono stati romanzati senza sosta, diventando una fonte di ispirazione inesauribile per opere d'arte a volte anche di spessore. Basta pensare a Family on the Lawn One Sunday in Westchester, N.Y. di Nan Goldin, o il film di fantascienza cult Donnie Darko. Questi luoghi sono certamente più magici se vengono ritratti da chi - per ragioni artistiche o economiche - si immerge completamente in quelle cittadine dimenticate dal resto del mondo. Petra Collins, Juergen Teller, Thomas Struth, Ed Templeton, e Harry Gruyaert sono solo alcuni degli artisti che hanno analizzato queste aree urbane per scoprine i tesori nascosti. Li ritroviamo tutti ora in una grande mostra collettiva a Parigi, 'Cause the Grass Don't Grown and the Sky Ain't Blue, che ritrova la bellezza in questi luoghi, rivendicandone l'importanza. 

Micky Clément, Nageurs, 2012, © Micky Clément & Galerie Derouillon, Paris

La mostra analizza anche il rapporto tra le piaghe urbane, le iniziative del governo e il flusso di giovani artisti che decide di abitare le terre desolate delle periferie. "L'atmosfera che prevale nei sobborghi delle nostre città intriga, diventa oggetto di discussione e una fonte d'ispirazione," dicono i curatori Clémence Duchon e Flavie Loizon. "Il cento della città raramente dà emozioni simili come la paura, ma paradossalmente non è mai stato oggetti di simili fantasie. Anche se la periferia è piena zeppa di spunti visivi, ed è stata screditata dalla cultura mainstream, queste aree della classe operaia vengono troppo spesso abbandonate. Questa mostra è l'occasione per chi conosce i sobborghi così bene di dire la sua, e mostrare le periferie sotto una luce diversa, presentare il punto di vista di persone che sono riuscite a domare questi territori sconosciuti." 

Dai palazzi della Cina di periferia al letto di William Eggleston, ogni artista presenta un mondo immaginario e al contempo reale che cela bellezze nascoste in ogni dove. 

Juergen Teller, Stella Schnabel, New York, 2012 © Juergen Teller & Suzanne Tarasieve, Paris

Petra Collins, Julia at sunset, 2014, © Petra Collins

Harry Gruyaert, Evry, France, 1984 © Harry Gruyaert & Gallery Fifty One, Antwerp

Thomas Struth, Hailar, 2002 © Thomas Struth & Galerie Marian Goodman, Paris

Juergen Teller, William Eggleston and Charlotte Rampling, No. 1, Marc Jacobs, 2007  © Juergen Teller & Suzanne Tarasieve, Paris

Crediti


Testo Hannah Ongley
Immagini su gentile concessione di Praz-Delavallade Gallery

Tagged:
Petra Collins
periferie
città
jürgen teller
sobborghi