sei consigli per superare indenni san valentino

NON. MANDATE. QUEL. MESSAGGIO.

di Sophie Peacock
|
14 febbraio 2018, 2:34pm

L'hanno inventato dei vecchietti etero
San Valentino è il patrono dell'amor cortese. Il romanticismo è stato creato da gente medievale un po' arrapata che voleva spacciare questo benedetto amor cortese per un must-have per Cavalieri Bianchi ed Etero. Sì, sono tipi come Geoffrey Chaucer che hanno reso il 14 febbraio quello che è oggi. È per questo che adesso ci preoccupiamo di quali fiori mandare, in quale ristorante sia meglio prenotare e quale completino intimo dovremmo sfoggiare per l'occasione. L'amore millennial tra GIF con cuoricini e l'ennesimo Groupon si basa sulle fanfare di un millennio fa, praticamente.

Se state uscendo con qualcuno è il caso di comportarsi sempre da esseri umani decenti
Che siate una coppia, che siate un gruppo poligamo, che siate una comunità di gente a cui piace travestirsi da unicorni poco importa: San Valentino è un giorno strano per tutti. Il mio consiglio è quello di far finta che non esista e di essere sempre persone okay, senza sforzarsi di esserlo troppo solo il 14 febbraio. Comprate fiori perché all'altro, all'altra o agli altri piacciono i fiori, non perché vi sentite obbligati. Offritegli o offrite loro una cena al ristorante perché sapete che odiano cucinare. Come dice Karley Sciortino: "dobbiamo imparare il linguaggio dell'altra persona, non provare a imporre il nostro su di loro." Ecco, questo è l'unico tipo di romanticismo di cui abbiamo bisogno.

Se siete single è il caso di carpe San Valentino diem
Qui siamo a favore dei party anti-San Valentino. Radunate amici e amiche, festeggiate l'esistenza dei suddetti amici e amiche ed evitate di mandare maledizioni ad ex e affini. Tanto non serve a nulla, se non a farvi ripensare a momenti non troppo okay.

Se invece avete voglia di uscire con qualcuno, fatelo e carpe San Valentino diem. È un giorno in cui tutti hanno gli ormoni a palla, quindi le possibilità di ricevere un "sì" come risposta alla domanda "ci beviamo qualcosa insieme?" sono molto più alte del solito. Altra opzione: usate il 14 febbraio come scusa per buttarvi, ma affilate le frecce di Cupido la settimana dopo, così ci sarà meno pressione.

Fregatevene
Certo il fatto che il maggior numero di rotture sentimentali avvenga tra gennaio e febbraio non aiuta molto, ma una cosa è certa: sparare a zero su San Valentino diventa sempre meno cool una volta superati i 16 anni. Il rischio è di sembrare eccessivamente incazzati con la vita oppure eccessivamente alla ricerca della propria metà (due sentimenti assolutamente legittimi, magari però non così socialmente accettabili). Fingete che non esista, evitando di criticarlo. Fate finta che sia l'anniversario di matrimonio di qualche decrepita prozia e basta. Fortunatamente, quest'anno San Valentino cade di mercoledì, quindi non ci saranno così tante feste a tema e, comunque, non andarci non sarà un gran problema.

Invece, se avete voglia di uscire e divertirvi, fatelo! Ci sono un sacco di altre persone incazzate con la vita e alla ricerca della loro metà, esattamente come voi. Chi lo sa, magari incontrerete lì il partner della vostra vita. O solo qualcuno con cui fare yoga la domenica.

Godetevela
Fate qualcosa di carino per voi stessi. Non perché è San Valentino, ma perché questo è un consiglio universalmente valido e che porta davvero qualcosa di buono nelle vostre vite. Non mi riferisco alla masturbazione, ma se è a questo che avete pensato leggendo la frase precedente, sono comunque d'accordo.

NON. MANDATE. QUEL. MESSAGGIO.
Lasciate il cellulare a qualche vostro amico e chiedetegli di nascondervelo. Non è il momento giusto per quel messaggio. Sono seria. Non scrivete a quella persona in particolare. Bloccatela su Instagram. Non avete bisogno di chi fi fa soffrire.

A mettere insieme questa guida salvavita sono stati i nostri colleghi di i-D UK.

Tagged:
LGBTQ
amore
san valentino
guida di i-d