new genuary: vi presentiamo lola paprocka

Anno nuovo, talenti nuovi. Per tutto il mese di Gennaio vi presentiamo i fotografi che definiranno il 2017. Scattano il mondo che li circonda, interpretandolo attraverso il prisma delle loro esperienze, ogni fotografo ha la sua storia da raccontare, e...

di i-D Staff
|
11 gennaio 2017, 1:39pm

Lola Paprocka, 32

Raccontaci qualcosa di te e del posto in cui sei cresciuta.
Sono una curatrice ed una fotografa che vive a Londra. Gestisco una casa editrice e una piattaforma che si chiama Palm Studios, in più curo e coordino IPF LDN (Independent Photography Festival). Sono originaria della Polonia ma mi sono trasferita nel Regno Unito negli ultimi anni dell'adolescenza.

Come sei entrata in contatto con la fotografia?
Mia madre mi diede la sua vecchia macchina fotografica Zenit, l'ho portata con me durante il mio primo viaggio in Australia nel 2010 e da allora non ho più smesso di fotografare.

Come e dove hai imparato il tuo metodo?
Sono una fotografa autodidatta e negli ultimi anni ho iniziato a prendere questa forma d'arte in maniera più seria. Ho imparato nuove cose e ho collaborato con il mio partner che è un fotografo anche lui.

 È necessaria una laurea per intraprendere la carriera di fotografa?
Non credo. Molti dei fotografi che ammiro non hanno studiato fotografia o belle arti.

Chi o cosa ti ispira?
Scatto la maggior parte delle fotografie mentre sono in viaggio, quindi diciamo che mi ispira molto il cambio di prospettiva, ciò che mi circonda, le persone e i film.

Come descrivi la tua estetica?
Le mie immagini sono piuttosto naturali, mai posate.

Il momento più importante della tua carriera fino ad ora?
L'uscita del mio primo libro Blokovi: Novi Beograd, che ho pubblicato da sola qualche mese fa. Ha anche vinto il premio Unveild Photo Book Award 2016.

Cosa ti aspetti dal 2017?
Una nuova pubblicazione e il festiva IPF a maggio a Londra!

Quali sono i buoni propositi per l'anno nuovo?
Non sono solita fare buoni propositi per l'anno nuovo... fare più attività fisica?

A cosa stai lavorando al momento?
Sto lavorando ad una nuova pubblicazione di Pani Paul e Brian Kanagaki.

Per cosa ti batti?
Per la verità.

Quali sono le tue speranze e i tuoi sogni per il futuro?
Far si che Palm Studios diventi una grande casa editrice e promuovere nuovi talenti attraverso mostre e libri. 

Chi ti piacerebbe scattare di più?
Rossy de Palma.

Qual'è il fotografo di cui ammiri maggiormente il lavoro?
Amo i lavori di Jan Kempenaers e recentemente sono diventata una fan di Torbjorn Rodland.

Dove ti piacerebbe scattare nel mondo?
Mongolia e Groenlandia.

Dove vai per sentirti creativamente ispirata?
Viaggio se posso; se no intraprendo una lunga camminata.

Con chi ti piacerebbe collaborare?
Gentlewoman.

Crediti


Fotografia Lola Paprocka 

Tagged:
Serie
Cultură
Talento
Foto
Lola Paprocka
new genuary