Screenshot dal video Grigio Fucile

15 domande a: i fiori di cadillac

Debutta oggi il loro primo video, che trovate qui in anteprima. Un viaggio visuale che racconta dualità e contraddizioni di ognuno di noi, ma con poesia rara.

di Amanda Margiaria
|
25 ottobre 2019, 8:45am

Screenshot dal video Grigio Fucile

I Fiori di Cadillac sono tre amici di Salerno che hanno trasformato una passione comune, cioè la musica, in qualcosa di più. È appena uscito per l'etichetta INRI il loro singolo, Grigio Fucile, un pezzo che parla d'introspezione, ma anche di togliersi i vestiti e stringersi a chi ci si deve stringere. Hanno un sogno semplice: scrivere canzoni belle. Per ora ci stanno riuscendo.

Comunque, qui su i-D esce in anteprima il videoclip di Grigio Fucile. Consigliamo la visione dopo aver letto l'intervista, ma se proprio non resistete, lo trovate qui sotto.

Ciao Luigi, Valerio e Alfonso AKA Fiori di Cadillac, che fate oggi?
Stamattina, come ogni mattina, Alfonso è andato in ufficio, presso lo studio grafico dove lavora. È uscito un’ora prima perché alle 17:00 spaccate avevamo fissato le prove per l’allestimento del tour. Valerio ha perso la mattinata cercando di riparare sua Yamaha FZ1, poi è corso alle prove, in auto. Luigi ha riflettuto a lungo su come rispondere alle domande di i-D; senza risposte, ha aperto la porta dello studio ad Alfonso e Valerio. Alle 17:30, con mezz’ora di ritardo, sono cominciate le prove.

Dove siete cresciuti, e com’è stato crescere dove siete cresciuti?
Siamo cresciuti a Salerno, una città un po’ alla periferia del mondo. Ci siamo divertiti, ci siamo annoiati, ci siamo dedicati alla musica riversandoci tutte le nostre energie, il nostro tempo. Nel nostro caso, ha fatto un po’ da salvagente. Ha smorzato un po’ la noia dovuta ai pochi stimoli che una provincia del sud inevitabilmente restituisce. E probabilmente quel sentimento un po’ nostalgico ci si è mescolato anche, finendo dentro le nostre canzoni.

Come, da tre perfetti sconosciuti, siete diventati una band?
Siamo amici da molto tempo. La sera uscivamo insieme; concerti, festival, lunghe chiacchierate sui nostri artisti preferiti, una pizza, un drink, e poi si sa come va a finire…

1571992287705-Schermata-2019-10-25-alle-090856

Qual è stato il successo più grande della vostra carriera finora?
Un nostro amico ci ha confessato di aver fatto l’amore con una nostra canzone in sottofondo.

Descrivete i Fiori di Cadillac in 4 parole.
Tardi – Fame – Cestinare - Brothers

Descrivete anche la musica dei Fiori di Cadillac in 4 parole!
Sincera – Fresca – Sbrilluccicante – Spettacolare – Fantastica - Forsebruttamachisenefrega. Sono 5, anzi 6.

1571992302951-Schermata-2019-10-25-alle-091112

Cosa sbagliano sempre le persone su di voi?
A pensare che siamo dei “cattivi guaglioni”, invece teniamo il cuore nello zucchero. Che da noi significa che abbiamo il cuore tenero, che ci emozioniamo per nulla e che mettiamo emozione ed empatia nelle cose che facciamo e nei rapporti.

Tre musicisti da tenere d’occhio nei prossimi tempi? A parte i Fiori di Cadillac, ovvio.
Al Siren Festival sentimmo quattro ragazzi surfare su delle Mustang colorate, si chiamano The Zephyr Bones, sono spagnoli, spaccano. Un’altra band che ultimamente ci capita di ascoltare spesso sono i Balthazar, vengono dal Belgio ed hanno delle bellissime camice. Anche Yellow Days ci fa volare.

Qual è la cosa che vi rende più fieri del vostro singolo Grigio Fucile?
La cosa che più ci rende orgogliosi di questa prima canzone è il fatto di aver potuto collaborare con persone speciali, appassionate, dei veri professionisti.

1571993025724-Schermata-2019-10-25-alle-091049

Dove vi vedete nel 2029? Sempre sul palco?
Sul palco e in studio. Portare in giro la nostra musica ma soprattutto conservare la voglia di comporne sempre di nuova.

Il paradiso esiste?
No. Ma crediamo nei cimiteri. Per il nome della band ci siamo ispirati ad un piccolo paesino nel sud-ovest della Francia, Cadillac sur Garonne. In questo posto sono stati seppelliti quattromila persone, definite "diverse". Nessun nome, nessuna targa, nessuna lacrima versata. Persone invisibili, mai cercate, né reclamate da qualcuno. Pazzi per alcuni, fiori per altri. Sembra un po’ dark come cosa, ma noi ci vediamo solo poesia.

Come raccontereste la genesi del video di Grigio Fucile, che qui presentiamo in anteprima?
In prima battuta ci siamo rivolti a Simone Furlan, che poi ha contattato la regista Chiara Broggi. Con lui stiamo seguendo un percorso di immagine che riguarda tutto il concept estetico e visivo del progetto, dagli artwork delle cover ai video musicali. Confrontandoci con lui è nata l’idea di contrapporre il viaggio compiuto da Vincenzo (viaggio sia in senso sia introspettivo/romantico che performativo) ai ritratti della band, ma sempre in contesti paralleli.

1571993071437-Schermata-2019-10-25-alle-091007

Perché fate musica?
C’è una parte di noi che riusciamo ad esprimere solo attraverso questa forma d’arte. A volte anche una sola parola, appoggiata su dei suoni, su delle melodie, dice molto più di qualsiasi discorso, di qualsiasi discussione, di qualsiasi pensiero.

Quali sono i vostri sogni e speranze per il futuro?
La nostra speranza è da sempre quella di scrivere belle canzoni, che sappiano comunicare la nostra essenza, raccontare delle storie, che sappiano emozionare. Questa è la nostra più grande ambizione.

Cosa farete domani?
Scriviamo questa intervista a meno di tre giorni dall’uscita del singolo. È da un po’ che aspettiamo questo momento. Domani aspetteremo, ancora.

1571993093293-Schermata-2019-10-25-alle-091020

Segui i-D su Instagram e Facebook

Crediti

Intervista di Amanda Margiaria
Screenshot dal video Grigio Fucile

Video

Produzione di Chubby Films
Regia di Chiara Broggi
Starring Vincenzo d'Ambrosio con Luigi Salvio, Valerio Vicinanza e Alfonso Palumbo
Art Direction & Styling di Simone Furlan
Trucco e Capelli di Federico Terni
Graphic Design di Vincenzo Memoli
Color di Marco Valerio Caminiti
Etichetta INRI
Edizioni Metatron Publishing SRL
Un ringraziamento speciale a Ricardo @Daylightstudio

Tagged:
video musicali
Simone Furlan
interviste di musica
vincenzo d'ambrosio
15 domande a
fiori di cadillac
anteprima video
grigio fucile