La digital art di Timo Helgert e il sogno utopico di metropoli immerse nella natura

Esploriamo l'universo escapista del digital artist tedesco in occasione della sua collaborazione con RED Valentino per la Spring 21 del brand.

di Amanda Margiaria
|
25 novembre 2020, 7:57am

Dietro l’account Instagram @vacades c’è un artista digitale tedesco che trasforma la natura in città e la città in natura. Si chiama Timo Helgert ed è il creatore di surreali paesaggi virtuali dalla forte vena escapista.

Conosciuto per le sue installazioni innovative, Timo trasforma la quotidianità in momenti magici, spingendo l’osservatore a tuffarsi metaforicamente all’interno delle sue opere per diventare parte integrante di questi mondi onirici.

Integrando tratti spiccatamente virtuali a elementi naturali come prati in fiore, farfalle e spazi boscosi, l’artista tedesco crea artwork a cavallo tra realtà e finzione, romanticismo e ribellione, realismo e astrazione, natura e spazi urbani.

Questo equilibrio tra visioni contrastanti nutre da sempre la visione estetica di RED Valentino, brand che fa del senso di libertà contemporaneo un pilastro della propria poetica, celebrando tutte le sfaccettature della youth culture contemporanea con gioia e leggerezza, ma riservando sempre un posto d’onore all’espressione di sé.

La collaborazione tra Timo e RED Valentino, dunque, non è che il compimento di un percorso naturale e spontaneo già iniziato da tempo. L’unione di forze tra visioni complementari ha permesso così all’artista di reinterpretare con originalità la nuova collezione Spring 21 del brand, che verrà presentata esclusivamente attraverso progetti dedicati.

Nello specifico, Timo ha lavorato a una serie di scatti digitali per presentare la collezione Spring 21 di RED Valentino utilizzando sfondi digitali in cui paesaggio urbano e natura diventano un armonico insieme. Per scoprire com’è nata questa collaborazione, ma anche cosa vuole comunicare Timo attraverso i suoi artwork, abbiamo deciso di fargli qualche domanda.

063 LB RED PRE SS21.jpg

Ciao Timo, raccontaci qualcosa di te e del tuo background per sciogliere il ghiaccio!
Sono un visual artist e vivo in Germania. Il pubblico probabilmente mi conosce per le mie installazioni virtuali, che su Instagram sono diventate piuttosto note. Il mio lavoro si ispira al tema dell’escapismo e della fuga della realtà, che combino però con elementi della vita moderna, in modo tale da generare sensazioni precise nell’osservatore. Il mio obiettivo è creare qualcosa che permetta alle persone di sognare e di essere ispirate.

Per farlo mi servo ovviamente di numerose tecniche digitali: scansione 3D, effetti speciali, realtà aumentata, IA, fotografia e così via. Nel complesso, definirei il mio approccio come molto sperimentale e tecnico, ma sempre ispirato da ciò con cui è possibile interfacciarsi nel mondo là fuori.

In che modo quelle che erano le tue inclinazioni personali sono diventate un lavoro a tutti gli effetti? Te lo chiedo perché è qualcosa che capita spesso: capiamo cosa ci piace, ma non sappiamo come trasformare tutto ciò in un lavoro.
Ho iniziato a sperimentare con video ed effetti speciali all'età di 14-15 anni circa, pubblicando poi i primi artwork online. Fin da subito ho ricevuto offerte di collaborazione da parte di agenzie e realtà cinematografiche, ma a quel tempo non tolleravo l’idea di lavorare con altre persone, perché per me la digital art era solo un hobby. Non ho mai avuto un lavoro “vero”, perché a 18 anni ho registrato il mio marchio e da lì non ho più smesso di creare.

Con il passare degli anni, naturalmente, non ho migliorato solo le mie capacità tecniche, ma anche gli aspetti più commerciali di questa attività, ed è così che, passo dopo passo, quello che era iniziato come un modo per occupare il tempo libero si è evoluto in una carriera a tutti gli effetti.

Intervista a TIMO HELGERT per la collaborazione con RED Valentino per la collezione Spring 21

Facciamo un balzo in avanti nel tempo per arrivare fino ad oggi: come è nata la collaborazione con REDValentino per la collezione Spring 21 del brand?
Qualche mese fa il brand mi ha contattato, e immagina il mio entusiasmo quando ho visto nell’inbox un'email da RED Valentino che mi offriva una nuova, incredibile opportunità. Lì è iniziato tutto, e devo dire che ancora oggi mi sento onorato ed emozionato all’idea di far parte di questo progetto.

Lavorando con loro ho scoperto l'attenzione ai dettagli che si nasconde dietro ogni capo o accessorio e sono rimasto altrettanto stupito dallo storytelling che RED Valentino ha scelto: raccontare una favola romantica ed elegante, ma in cui coesistono molte influenze diverse. La ricchezza di culture ed epoche da cui traggono ispirazione è stata un'influenza enorme per me, che ho poi tradotto in un concept e, infine, in una serie di artwork.

Esatto, parliamo un po’ delle ispirazioni da cui questo progetto è nato!
L'ispirazione arriva dall’attuale situazione internazionale. Durante i periodi di lockdown e isolamento molte persone hanno affrontato momenti difficili senza neanche poter godere di qualcosa di così semplice come la natura.

Ho creato questa serie quindi per cercare di aiutare, per quanto possibile, chi vive momenti complessi e sente dentro di sé un desiderio d’escapismo, portando loro la natura nelle loro case e immaginando ambienti familiari in modi diversi e insoliti.

Intervista a TIMO HELGERT per la collaborazione con RED Valentino per la collezione Spring 21

Essendosi sviluppato nell’arco del 2020, immagino che questo progetto sia stato influenzato dalla situazione attuale anche in termini pratici, esatto?
Sì, la nostra collaborazione si è sviluppata proprio durante il periodo della pandemia. Abbiamo sviluppato tutto online, affidandoci a Zoom e sviluppando un nuovo flusso di lavoro internazionale. Io vivo in Germania, mentre Valentino è in Italia, quindi il divieto di spostarsi ci ha costretti a trovare nuove soluzioni.

Credevo sarebbe stato molto complesso, invece in realtà non abbiamo incontrato troppe difficoltà, dimostrando che si può creare un progetto anche da remoto, sfruttando le tecnologie come il rendering 3D o gli effetti speciali a nostro favore.

Intervista a TIMO HELGERT per la collaborazione con RED Valentino per la collezione Spring 21
Courtesy of REDValentino

Crediti

Testo di Amanda Margiaria
Immagini courtesy of REDValentino

Tagged:
Cultură
digital art
Digital Artist
red valentino
timo helgert
vacades
spring 21