vetements ha spostato il suo quartier generale a zurigo

Paradiso fiscale o incubatore di idee creative? Entrambe le cose, forse.

|
mar 20 2017, 11:25am

Is Zürich

Zurigo è la nuova Berlino? Una domanda difficile da evitare, ora che Demna e Guram Gvasalia hanno deciso di spostare nella città svizzera il quartier generale del loro brand. Dopo soli tre anni, gli avanguardisti enfant-prodige del design europeo hanno scelto di abbandonare Parigi per trasferire oltre il confine svizzero la sede di Vetements. 

"Parigi è un veleno mortale per la creatività. L'ambiente che si respira lì è così glamour da essere distruttivo. Per i parigini l'apparenza è tutto, non sopporto la superficialità di questa città," ha dichiarato Guram Gvasalia al quotidiano svizzero Tages-Anzeiger. "Ovviamente, anche il regime fiscale svizzero è uno dei motivi del nostro trasferimento," ha ammesso, specificando però che "non è la ragione principale." Infatti, in una precedente intervista per il magazine online WWD, il direttore esecutivo del marchio più hyped del momento ha affermato che a Zurigo "la scena underground non ha nulla da invidiare a quella berlinese." Guram ha inoltre confermato l'avvenuto trasferimento di 40 dipendenti, mentre il resto dello staff arriverà a Zurigo entro settembre.

Il nuovo quartier generale Vetements, un'ex fabbrica Phillips, è un edificio di quasi 5.000 metri quadrati su quattro piani. "È il posto giusto. Finalmente nell'atelier ci sarà una buona luce," continua Guram. "Voglio trovare un equilibrio nella mia vita, per me, per il marchio e per Demna."

Un po' di equilibrio non potrà che far bene al duo creativo. Come ha confessato Guram a i-D lo scorso anno infatti "lavoriamo davvero troppo, anche se non è così male. Quando ami quello che fai, non la vivi in modo negativo. E se vogliamo staccare, ce ne stiamo semplicemente a casa per un po' con il wi-fi spento." L'unica differenza, oggi? Le case dei due fratelli non sono più a Parigi, ma a Zurigo.

Crediti


Testo Isabelle Hellyer
Fotografia Mitchell Sams
Moda Caroline Newell