Grand Canyon National Park, National Park Service, Grand Canyon, AZ, 1974

queste foto di gruppo improbabili ci ricordano che l'america è bella perché è varia

Il fotografo di New York Neal Slavin scatta gruppi di persone dal 1972.

di Emily Manning
|
09 novembre 2016, 11:07am

Grand Canyon National Park, National Park Service, Grand Canyon, AZ, 1974

Nel 2000 Robert D. Putnam ha pubblicato Bowling Alone, un libro di scienze sociali che esplora il declino americano in termini di capitale sociale dagli anni '50 in poi. Osserva che, oltre a una minore partecipazioni alle attività di gruppo come il bowling o i raduni dei Boy Scouts, la gente ha meno a cuore i propri doveri civili, come votare. Il modo in cui trascorriamo il tempo libero in maniera sempre più individuale a causa dallo sviluppo tecnologico ci scoraggia a partecipare attivamente alle attività culturali e politiche del nostro Paese. Bowling Alone è stato però ampiamente criticato: davvero le attività di gruppo stanno sparendo? Siamo sicuri che i partecipanti ai raduni dei Simpson mensili non sono affatto d'accordo, e il fotografo Neal Slavin ha 40 anni di scatti per provare che Putnam si sbagliava di grosso.

Cemetary Workers & Greens Attendants, Ridgewood, NY, 1974

Slavin ha scattato attività di gruppo in tutto il mondo dal 1972. La prima mostra del fotografo in 30 anni di carriera si terrà nella sua città natale, New York City, domani alla Laurence Miller Gallery, e metterà assieme immagini di gruppi scattate con colori vividi. A New York Slavin ha scattato venditori di hot dog, lo staff della Statua della Libertà, gli operai della Staten Island Ferry e hare krishna che cantano in stazione alle 6 del mattino. 

Life Models, Bath Art School, Bath, UK, 1984

Slavin attualmente sta lavorando a The Prayer Project, un libro e un film che racconta e celebra i diversi incontri di gruppo di vari gruppi religiosi. Oltre agli incontri di hare krishna e rabbini, Slavin ha scattato cerimonie buddiste, donne musulmane e servizi nei templi indù - tutto questo a NY. "Voglio che i miei scatti raccontino la nostra identità individuale come persone pubbliche, la gioia dello stare assieme piuttosto che da soli. La mia intenzione è di catturare lo spirito umano attraverso l'obbiettivo," ha scritto Slavin nella presentazione della mostra. Ci ricorda dell'importanza della varietà dell'America, del cameratismo e dell'accettazione ora che il futuro degli USA e del mondo sembra più che mai in pericolo.

Neal Slavin, 'A 40 Year Chronicle Of Groups And Gatherings' sarà in mostra dal 10 novembre al 23 diecembre 2016 all Laurence Miller Gallery a New York.

Santa Clauses, 1986

Muslim Women Bowing, NYC, 2014

Electrolux Vacuum Cleaner Convention, 1974

Sabrett Hot Dog Vendors, NYC, 1974

Staff of the Statue of Liberty, 1974

Crediti


Testo Emily Manning
Foto Neal Slavin

Tagged:
america
New York
Cultură
neal slavin