Fotografia di Mitchell Sams

donatella porta in passerella la vera storia del clan versace

Che non è quella di 'American Crime Story'.

|
feb 24 2018, 7:13pm

Fotografia di Mitchell Sams

Chi?
Versace, Versace, Versace. Tutti ci siamo chiesti come la maison fondata da Gianni avrebbe proseguito dopo la sfilata-tributo della primavera/estate 18, quando per celebrare il ventesimo anniversario della sua tragica morte Donatella ha riunito le top model simbolo degli anni '90 e reinterpretato le stampe più iconiche del fratello. Una di quelle sfilate che ha fatto la storia, e tutti ce ne siamo accorti nel momento esatto in cui stava accadendo. Ma anche il 2018 sarà un anno dalle atmosfere retrospettive, perché segna invece il 40esimo anniversario dalla nascita della storica maison. "Il Clan Versace sa che oggi nulla è dovuto, ma che i successi arrivano grazie al proprio lavoro: ecco perché, per me, tutte queste donne sono delle regine," ha commentato Donatella Versace. Ed è proprio Clan il nome dell'intera collezione, che ha unito e contrapposto tutto ciò che rende Versace Versace, rendendo intanto omaggio alla devota clientela del brand. "Siamo la famiglia Versace e ognuno di noi è diverso: ci sono donne misteriose vestite in nero, altre più cool che indossano sneaker—è per ogni tipo di donna, di ogni generazione," ha spiegato. "Donne che hanno il coraggio di esprimere le proprie opinioni e distinguersi dagli altri attraverso scelte di stile uniche, donne che governano la propria vita e si aiutano sempre a vicenda, donne che non hanno paura di seguire la loro strada e dire quello che vogliono dire, senza mai dimenticare che sono nate per essere audaci."

Cosa?
I diversi clan di Versace erano rappresentati dalla diverse stampe. Da Natalia Vodianova ad aprire lo spettacolo in trench bordeaux, fino a Raquel Zimmermann in chiusura con logo t-shirt, corsetto e gonna voluminosa, le donne di casa Versace hanno giocato con tutti i simboli della maison. Ma a livello più astratto, il loro essere unite nonostante le differenze è stato un messaggio ben preciso: dimentichiamoci di The Assassination of Gianni Versace: American Crime Story, perché per sapere quel che serve su Versace basta osservarne le sfilate.

Dove?
Tenutasi all'interno di Palazzo Reale, antico edificio situato in Piazza del Duomo che racconta dieci secoli di storia milanese, Versace continua a regnare supremo anche in questo 2018, esplorando la sua stessa storia e presentando al pubblico una visione sempre nuova del futuro.

Wow!
Momento più instagrammato della sfilata: l'uscita di Selena Forrest in quadrettato, felpa con logo versace e sciarpa da simil-tifosa di calcio; l'associazione con il film del 1995 di Amy Heckerling Ragazze a Beverly Hills. Altri look erano invece rivolti a chi indossa il velo. "Aggiungono il mistero, che è sempre affascinante", ha dichiarato la stilista. Tanto nero, tanto colore, Binx Walton che ci fa dire Wow! per il suo look incredibilmente audace, tanta inclusività, volendo riassumere.

Crediti


Fotografia di Mitchell Sams

Questo articolo è apparso originariamente su i-D UK.