questa residency racconta napoli grazie ad opere e artisti internazionali

Una città è viva quando tra le sue strade nascono progetti culturali e artistici. E sta accadendo a Napoli, proprio ora.

|
giu 27 2018, 11:11am

Si dice che i momenti di crisi portino a grandi svolte. Nel 2018 sembra che qualcosa di simile stia succedendo anche in Italia. Da sempre vittima dei suoi stessi stereotipi, Napoli è il motore di una sorta di nuovo Rinascimento contemopraneo e diventa oggi incubatrice di progetti nuovi e interessanti.

Tra questi spicca sicuramente Residency 80121, un programma di residenza artistica fondato nel capoluogo partenopeo lo scorso anno sotto la direzione artistica di Raffaela Naldi Rossano e il coordinamento di Mariagisella Giustino. Il nome arriva dal CAP del quartiere Chiaia di Napoli e segnala il forte attaccamento al territorio del progetto. Pensato come uno spazio condiviso di ricerca artistica legato a setting specifici tra Napoli e Sorrento, 80121 vuole permettere ai suoi partecipanti di instaurare un dialogo continuo tra identità storica, scena locale e artisti internazionali.

Exhibition View Residency 80121 Sulle Forme dell’Abitare Zehra Arslan

Dal 2017, Residency 80121 porta in tutto il territorio incontri pubblici, performance, studio visit e mostre. Dopo una prima edizione con Zehra Arslan, Santiago Reyes Villaveces e Susanne Winterling da cui è poi nata insieme a Jimmie Durham e Maria Tereza Alvez la mostra Otium - Corruption and the Dash, il percorso di quest'anno culminerà nell’esposizione Sulle Forme dell’Abitare, allestita a Napoli nella sede dell’associazione. Si tratta di un un two person show di Zehra Arslan e Raffaella Naldi che nell'ottobre scorso ha segnato l'apertura della sede e delle attività dell'associazione.

Se siete curiosi di entrare nel mondo di Residency 80121, segnatevi in agenda la data del 5 luglio: dal calar del sole fino notte inoltrata l’evento MONACIELLO DISCO animerà infatti il Museo Filangieri di Napoli con musica e performance. L'obiettivo è per celebrare inclusività, diversità e condivisione creativa. Come in un rituale iniziatico, le performance di Fabio Cirillo e della nostra contributor Matilde Cerruti Quara si uniranno prima ai suoni di Delia Gonzalez e poi alle musiche di Alessandro Bava. Ma Residency 80121 sta già pensando al prossimo passo: l'evento è anche un’occasione di raccolta fondi per un Artists Book collettivo a cadenza annuale come testimonianza dell’intero progetto.

Raffaela Naldi Rossano at Residency 80121. Credits Claudia Mozzillo

Se passate da Napoli, ora avete una tappa obbligata.

Exhibition View Residency 80121 Sulle Forme dell’Abitare Raffaela Naldi Rossano

Segui i-D su Instagram e Facebook.

Il Rinascimento di Napoli prende mille forme e volti diversi. Con il progetto 'Partenope Vive' ve ne raccontiamo alcuni:

Crediti


Testo di Benedetta Pini
Immagini su gentile concessione di Residency 80121