la collezione di chromat è la più futurista tra le sfilate newyorkesi

Abiti in 3D che cambiano forma, pezzi hi tech che misurano il tuo livello di adrenalina, top brevettati per raffreddare il corpo nelle giornate di caldo torrido. Il brand di Brooklyn è il futuro della moda.

|
14 settembre 2015, 2:08pm

Negli ultimi 5 anni, Becca McCharen ha sfruttato la sua laurea in architettura per creare abiti piuttosto che progetti edili. Ma la collezione primavera/estate 16 del direttore creativo di Chromat si ispira agli edifici, in particolare ai grattacieli. "Come gli edifici si adattano a chi li utilizza -- aperti o chiusi, riscaldati o raffreddati -- mi aspetto che gli abiti riescano a capire cosa sta accadendo al nostro corpo e attorno a noi," ha spiegato nel backstage la stilista. "Con questa collezione abbiamo sviluppato l'idea che i vestiti possono dare più potere al corpo e farti sentire più forte." 

Dopo il successo dello scorso anno grazie alla collaborazione con Opening Ceremony, questa volta McCharen ha fatto gruppo con Intel per creare una serie di pezzi per la collezione primavera/estate 16 che sembrano usciti direttamente dal film Her. Potenziati con Curie Module di Intel (che prende il nome da una delle donne più toste della scienza), gli abiti di Chromat si trasformano in base all'ambiente in cui si trovare chi li indossa. Pezzi come Areos Sports Bra misurano la temperatura del corpo, il livello di adrenalina e il livello di stress, attivando un sistema di ventilazione che raffreddano il corpo nel caso si surriscaldi. 

Se vi sembra fantascienza, questa è tuttavia la collezione più minimale di Chromat fino ad ora. Le fasce elastiche scultoree tipiche del brand del brand sono state sostituite con dettagli più discreti -- come cenni di blu cobalto o top sportivi molto semplici. Inserti in rete su pantaloni baggie da basket e t-shirt corte hanno dato un tocco chic agli elementi tecnologici. 

Ma McCharen sa come accontentare i fan cyborg --  arrivati in massa per celebrare l'anniversario di Chromat -- e ha preparato qualche pezzo notevole tra tutti questi abiti sportivi. Tra questi: l'Adrenaline Dress. Composto da pannelli 3D in fibra di carbonio, il vestito si espande assumendo la forma delle ali di pipistrello quando avverte qualche picco di adrenalina in chi lo indossa. 

Anche se questa stagione è stata segnata da miglioramenti all'avanguardia apportati da Intel, il futuro di Chromat non sarà solo hi tech. Dalla sua prima apparizione sulle passerelle nel 2010, McCharen ha scelto le donne che secondo lei rafforzano l'etica di Chromat. La bellezza sudanese e cover star di i-D Alek Wek ha dato il via alla sfilata e a seguire ha sfilato un cast che includeva modelle di qualsiasi forma e colore - come Denise Bidot, nota modella curvy. 

"È importante per me mostrare le persone che ci ispirano e che stanno facendo cose stupende in campi differenti," ha detto McCharen della sua crew di "Chromat babes." "Chromat promuove ragazze forti, potenti e che non hanno paura di nulla: quste sono ragazze che scegliamo per le sfilate. Non contano la taglia e il gender."

Crediti


Testo Emily Manning
Foto Jason Lloyd Evans