Pubblicità

blue girls burn fast: il corto scritto, diretto e girato interamente da amandla stenberg

Il commovente corto di 20 minuti Blue Girls Burn Fast tocca temi come l'amicizia e l'identità (e chiama in causa anche Rachel Dolezal).

di i-D Staff
|
14 aprile 2016, 11:05am

Il primo film virale di Amandla Sternberg è stato il famoso Don't Cash Crop My Cornrows, un corto che ha creato con un'amica per un corso di Storia nonché una personalissima risposta al problema dell'appropriazione culturale. A partire da quel momento, l'attrice è diventata una delle voci più interessanti nella lotta per l'uguaglianza razziale, non perdendo occasione per parlare delle proprie esperienze attraverso progetti che spaziano dalla poesia a film sul movimento Black Lives Matter. A febbraio ha annunciato attraverso Instagram che sarebbe stata dietro la telecamera, con un selfie accompagnato dalla caption "state guardando una studentessa di regia dell'Università di New York." Ora ha deciso di condividere il film che ha scritto, diretto, girato ed editato per la sua candidatura.

VOTE for us at this year's Webby Awards for Best Fashion And Beauty Website

"L'ho realizzato con la mia migliore amica, con una fotocamera digitale e molto amore," ha scritto su Instagram la scorsa notte. "Ci tengo molto. Spero vi piaccia!"

Questa storia anticonvenzionale racconta la vita di una ragazza di nome Andy, tra famiglia affidataria e amicizie: 20 minuti di emozioni contrastanti e vedute bellissime. Temi come l'identità sono stati affrontati in modo sobrio, drammatico, diretto e culturalmente profondo. In una scena Andy chiama la madre affidataria Rachel Dolezal dopo il suo tentativo di farsi le treccine, in un'altra descrive il ragazzo bianco che le piace dicendo che non si tratta di 'un fuckboy alla Demarco, ma più un tipo triste alla Elliott Smith.' Guardatelo qui:

Crediti


Testo Hannah Ongley
Foto Oliver Hadlee Pearch