Screenshot dal trailer di Baby 2

cosa vale la pena guardarsi su netflix a ottobre

Il film di "Breaking Bad", la seconda stagione di "Baby", gli ultimissimi episodi di "BoJack Horseman", tipo.

di Benedetta Pini
|
30 settembre 2019, 8:13am

Screenshot dal trailer di Baby 2

Settembre è il mese degli inizi, o meglio, dei ri-inizi, in cui tutte quelle cose che avete rimandato e bussano alla porta delle vostre to do list. E ottobre? Beh, ottobre è ovviamente il mese in cui tutte quelle cose che avete ignorato chiudendo a doppia mandata la porta delle vostre to do list fanno irruzione sfondando ogni barriera difensiva. È la resa dei conti. Anche perché l'estate è ormai solo un ricordo lontano, le prossime ferie altrettanto (no, non mettetevi a fare il conto alla rovescia per Natale, perché altrimenti è la fine) e anche la scusa di dover pensare che cosa fare a Capodanno è un po' troppo presto per sfoderarla.

Eccoci di nuovo qui in pieno autunno. Divano, copertina, Netflix e siamo pronti per entrare in letargo. Non a caso questo è uno dei mesi più ricchi di nuove uscite, che peccato dover stare dietro a tutto rinunciando a uscire, vedere gente e fare cose... proprio un peccato. Va beh, sarà per l'anno prossimo.

Whiplash (1 ottobre)

Whiplash prende il cinema e lo tinge di jazz, lasciandoci tutti senza fiato. Ma non fraintendete, non si tratta del solito musical americano tutto sorrisi e buoni sentimenti: il film si regge interamente su una dinamica opprimente tra Andrew (Miles Teller), un giovane talento dalla determinazione malsana e distruttiva, che suona la batteria finché non gli sanguinano le mani, e Fletcher (J. K. Simmons), l'insegnante morbosamente attaccato alla propria ambizione. In un duello serratissimo a ritmo di jazz (tanto da far ottenere al film un Oscar al Miglior montaggio) i due vi grideranno letteralmente in faccia quanto in là può spingersi un'ossessione.

Intervista col vampiro (1 ottobre)

Film cult degli anni ’90, Intervista col vampiro ha un cast che vi farà schizzare gli ormoni alle stelle: Brad Pitt, Tom Cruise, Christian Slater, Antonio Banderas e una giovanissima Kirsten Dunst. E sono anche tutti vampiri (chi prima, chi dopo). Quindi, sì, il film trasuda letteralmente sesso da ogni poro. La trama ruota attorno a un'intervista del reporter Daniel Molloy (Christian Slater) al misterioso vampiro Louis (Brad Pitt), che ripercorre la propria vita riflettendo sui suoi gesti riprovevoli ma necessari per sopravvivere, sulle contraddizioni tra i sentimenti umani e la spietatezza da vampiro e sulle stratificazioni del concetto di immortalità. Insieme a Dracula di Bram Stoker di Coppola (1992), Intervista col vampiro costituisce uno spartiacque nella rappresentazione cinematografica delle entità vampiresche, che diventano creature sensuali e lussuriose dal fascino irresistibile, e più sono spietate più sono attraenti; decisamente agli antipodi rispetto al canone della "vecchia scuola" - pensate al respingente Nosferatu di Murnau (1922).

Nell'erba alta (4 ottobre)

Nel 2012 usciva il romanzo omonimo di Stephen King e ora il regista italiano Vincenzo Natali ha deciso di trarne un adattamento cinematografico. Chiaramente stiamo parlando di un horror, che stando al trailer riprende la migliore tradizione del genere e sembra avere un grande potenziale. I protagonisti sono i fratelli Becky e Cal, che un giorno, mentre si trovano nel nulla della campagna del Kansas, sentono le grida disperate di un ragazzino provenire da un campo. Quando si addentrano tra questa inquietante erba verde fittissima una forza oscura li rapisce. A quel punto iniziano le angosce: come riuscire a farsi trovare per essere liberati?

Donnie Darko (5 ottobre)

Un film che non ha bisogno di presentazioni. 2 ottobre 1988, il motore di un aereo in avaria sfonda il tetto della casa di Donnie Darko, il tipico weirdo del liceo, solitario, silenzioso e tendente a instabilità emotiva da depressione; quello che tutti definirebbero uno "sfigato". Per completare il quadro, Donnie è affetto da schizofrenia e sonnambulismo. Dal fatidico momento dell'incidente, in cui Donnie sfiora la morte per poi salvarsi - o così sembra inizialmente -, si innesca una serie di coincidenze e fatti misteriosi, interpretabili come indizi che la fine del mondo incombe su tutti noi. Tra viaggi nel tempo, wormhole e multiverso, il film ha scatenato una serie di teorie tanto deliranti quanto la sua trama, che se vi appassionano serie come Lost troverete pane per i vostri denti. Unico avvertimento: potrebbe essere un trip dal quale non uscirete mai più.

El Camino: il film di Breaking Bad (11 ottobre)

Fan di Breaking Bad, fedeli a Heisenberg e Pinkman da ormai sei anni, è arrivato il momento che stavate aspettando. Finalmente arriva il film sequel tratto dalla serie, scritto, prodotto e diretto dal creatore Vince Gilligan. Tutto parte da una sola, semplice domanda: che cosa ne è stato di Jesse Pinkman? Fuggito dall'edificio dov'era stato rinchiuso per produrre la meth, è riuscito a salvarsi dal massacro che ha provocato la morte del suo maestro e ormai anche compagno di vita Walter White e trova aiuto dai suoi vecchi amici, mentre cerca di liberarsi del peso del trauma e escogita una tremenda vendetta. Come è evidente, sarà lui il protagonista del film. Se non avete visto Breaking Bad o lo spin-off Better Call Saul, state tranquilli: lo stesso Gilligan ha dichiarato che El Camino può tranquillamente essere visto anche da chi non conosce la serie originale.

Insatiable - seconda stagione (11 ottobre)

La prima stagione ci aveva lasciati parecchio perplessi, come di fronte a una battuta che non fa ridere e fa calare il gelo. Ecco, peccato che qui le battute disarmanti si susseguivano una dietro l'altra e la sensazione di disagio aumenti esponenzialmente. Tra banalità e tentativi sciatti di fare satira, Insatiable sparava a zero su bodyshaming, bullismo, molestie sessuali, vendetta, omosessualità, attivismo, dinamiche familiari e amore ai tempi del liceo, senza riuscire mai a cogliere davvero il punto. Malissimo la prima, ma bisogna sempre concedere una seconda possibilità, o no?

The Witch (14 ottobre)

Ambientato all’epoca della caccia alle streghe, The Witch si basa su un'ampia ricerca d'archivio che ha portato alla luce i documenti dell'epoca, evitando i facili stereotipi sulla stregoneria, spesso sfruttata dal cinema senza cognizione di causa. Siamo nel New England nel 1630 e la storia è quella di una famiglia capitanata dal predicatore William, che con la moglie e i cinque figli è costretto ad allontanarsi dalla comunità puritana in cui hanno sempre vissuto per via del suo estremismo. Per sopravvivere si rifugiano in un bosco, dove riescono a cavarsela in autonomia dedicandosi all'agricoltura e all'allevamento. Ma quel luogo cela una presenza oscura che innesca una reazione a catena di odio, superstizioni, bugie, diffidenza e stranezze inquietanti. Tra stregoneria e crisi mistiche, la paranoia più totale si impossessa di tutti, che uno dopo l'altro si abbandonano a deliri psicologici disturbanti che, ve lo assicuriamo, non vi faranno dormire di notte. Neanche un minuto. Film horror psicologico da maneggiare con cautela.

Baby - seconda stagione (18 ottobre)

Per chi si fosse perso qualche pezzo, Baby è la serie ispirata allo scandalo delle baby squillo dei Parioli, scoppiato nel 2013 a Roma. Al centro della storia Chiara (Benedetta Porcaroli) e Ludovica (Alice Pagani), che si fanno portavoci degli adolescenti di oggi, tra amori, gelosie, bullismo, contrasti familiari e desiderio di evasione. Insomma, un po' Gossip Girl, un po' Elite, senza dimenticare un po' di mood wasted alla Skins e un bell'intreccio alla Pretty Little Liars. L'ambizione è un'estetica al neon alla Refn e una visione rarefatta di Roma alla Sorrentino, ma il risultato non è stato, finora, all'altezza. Divise tra pazzie notturne e vita regolare da liceali, le protagoniste nella prima stagione cercavano una via di fuga, mentre nella seconda dovranno sobbarcarsi le conseguenze delle proprie azioni, cercando di negoziare come riescono con i valori della società e delle loro famiglie altoborghesi. Anche perché le superiori sta per finire, e la vita, quella vera, è appena dietro l'angolo. Un salto nel buio spaventoso.

Panama Papers (18 ottobre)

Panama Paper indica un fascicolo riservato digitalizzato composto da 11,5 milioni di documenti confidenziali in possesso della Mossmack Fonseca, una società che permetteva ai suoi clienti, oltre 200 mila, di nascondere i propri soldi dal controllo statale attraverso società fittizie, conti offshore e attività illecite di riciclaggio di denaro. Quando quei dati compromettenti furono fatti uscire allo scoperto dal giornalista investigativo e vincitore del premio Pulitzer Jake Bernstein, leader politici, capi di stato e funzionari di governo di oltre 40 Paesi furono messi spalle al muro. Il film, firmato da Steven Soderbergh e tratto dal report Secrecy World: Inside the Panama Papers Investigation of Illicit Money Networks and the Global Elite, parte da questo scandalo storico per costruire un film di indagine che vede come protagonista Ellen Martin (Meryl Streep), una donna vittima di una frode assicurativa. Ma il suo caso non è che la punta dell'iceberg: tra evasioni fiscali e tangenti, emerge il sistema corrotto che domina il mondo. Ed è spaventoso.

BoJack Horseman - sesta stagione, prima parte (25 ottobre)

Sì sa, tutte le cose belle finiscono, e BoJack Horseman non fa eccezione - ovviamente, figurati se dopo cinque stagioni di depressione, disagio e tristezza, ci poteva dare una gioia. Almeno, sarà divisa in due parti, quindi possiamo illuderci che questi episodi non significhino davvero che è arrivata la fine, rimandata al 31 gennaio 2020. "Abbiamo trascorso dei momenti magnifici facendo BoJack. Mi sono innamorato di tutti i personaggi, così come è capitato a tutti gli altri, ma purtroppo Netflix ha pensato che fosse giunto il momento di chiudere le tende e così eccoci qui. Ci hanno dato una casa per sei begli anni. Non abbiamo potuto fare nulla". Questa la spiegazione di Aaron Paul a un utente che si lamentava dopo l'annuncio che questa stagione sarebbe stata l'ultima.

Se questi titoli non ti bastano, puoi fare affidamento anche sui nostri consigli di settembre:

Crediti

Testo di Benedetta Pini

Tagged:
BREAKING BAD
Netflix
Streaming
BABY!
Donnie Darko
Insatiable
serie tv