Il glorioso debutto nel menswear di Raf Simons e Miuccia per la F/W21 Prada

La collezione uomo F/W21 di Miuccia e Raf, intitolata "Possible Feelings" è l'equivalente della moda di un lungo, caldo abbraccio.

di Osman Ahmed
|
18 gennaio 2021, 11:46am

Miuccia Prada e Raf Simons, le autorità genitoriali del mondo della moda, vogliono che, per l’inverno che verrà, tu stia al caldo e al sicuro. L’iconico duo ha presentato la loro prima collezione menswear co-progettata nella cornice della Milan Digital Fashion Week e, proprio come il loro debutto per la collezione donna presentata a settembre, era esattamente in linea con le aspettative degli insider e dei fan.

La morale della collezione? Forse in questo momento non possiamo toccarci l’un l’altro, e addirittura può sembrarci quasi strano il contatto fisico, ma quel bisogno di fisicità può essere soddisfatto dalla materialità dei tessuti e delle fibre, delle texture della maglieria e dell’intimo invernale, strati su strati protettivi di accoglienti capi Prada. Per dirla in maniera più semplice: la F/W21 di Miuccia e Raf è il (rarissimo) equivalente della moda di un lungo, caldo abbraccio.

Maglieria dal sapore anni ‘70, a contrasto con i capi e i colori simbolo della filosofia ugly-chic Prada e quegli iconici pattern da carta da parati; tutto questo era presente nella collezione, come se il duo ci avesse preso la mano con un hobby da quarantena, diventato improvvisamente ossessione.

Morbidi cardigan coprivano polo e maglie a collo alto. In realtà, tutto era coperto, inglobato e inguantato. Le silhouette erano in alcuni casi attillate e coprenti (si pensi all’intimo maschile in maglia presentato in diversi pattern e colorazioni), in altri oversize e sbilanciate (impossibile non citare in questo caso i capospalla e le giacche). Il tailoring ha invece preso un ruolo secondario, calibrando i look con pantaloni a vita bassa e blazer dalle maniche arrotolate, atte a rivelare maglie attillate in jacquard.

E poi le giacche. Tante, tantissime giacche! Cappotti in velluto tagliato in diagonale o in denso satin dai colori traslucidi; altri in soffice shearling tinto in lilla o color carta da zucchero; taglienti giacche “rettilinee” con enormi bottoni a chiudere il doppiopetto; bomber oversize in toni metallici con pochette triangolari applicate alle maniche XXL; parka di nylon riciclato foderate da tessuti in maglia con gli ormai amati pattern da carta da parati.

Se la collezione ci parlava di tatto e texture, il tocco sensuale di quando senti una superficie soffice sotto i piedi nudi potrebbe esserne l’espressione tattile perfetta per questo concetto. E il set giocava infatti tra sensazioni di duro e morbido, colori caldi e freddi, temperature alte e basse. Progettato dall’archistar preferito di Prada, Rem Koolhaas, (che ha progettato anche l’epica Fondazione Prada di Milano) la presentazione ha preso forma all’interno di grandi gallerie interconnesse, le cui pareti erano completamente foderate da finta pelliccia in colori brillanti, marmo verde chiaro, resina color pistacchio e gesso rosa.

La techno di Plastikman batteva il ritmo della sfilata, in cui l’incredibile casting con taglio alla Willy Wonka (anche loro, come le modelle della sfilata di settembre, erano tutte new faces in passerella) era intento o ad agitarsi furiosamente immerso nella musica, oppure a sfilare deciso tra le stanze della passerella. Il livestreaming ha catturato la delirante, perplessa vita interiore che tutti noi abbiamo conosciuto durante questi mesi: un minuto prima ci troviamo a ballare in salotto in mutande, quello dopo stiamo camminando per strada con mascherina, sciarpa e cappuccio che ci nascondono il volto.

Prada AW21: Il debutto di Miuccia Prada e Raf Simons alla Milano Digital Fashion Week Uomo:

“Per la collezione uomo, è presente un’idea di protezione, ma radicalmente diversa,” ha affermato Raf in una conversazione con Miuccia per il The New York Times prima della sfilata. “Un diverso tipo di comfort. L’idea di riduzione, di tatto, ha molto a che vedere con il fatto che il mondo, in questo momento, sembra dirigersi nella direzione opposta.” Miuccia ha poi aggiunto: “Entrambi ci sentivamo come se fosse liberatorio distaccarci da qualsiasi possibile conclusione tipo: ‘Oh, è così provocatorio; oh, questo è così glamour.’ Volevamo avviare un processo di riduzione, e il capo intrecciato era sicuramente il più simbolico di tutta la collezione.”

Ma questo non è il capo intrecciato che abbiamo incontrato per la prima volta nella loro collezione donna S/S21: quello ci parlava del gesto tipicamente Prada di stringersi il cappotto al petto; un gesto di protezione, di conforto e, ovviamente, estremamente chic. Quello della collezione uomo, invece, era un capo involucro nel senso di coprente, come se si trattasse di una seconda pelle. L’intimo-pigiama in maglia ne era il simbolo, un misto tra un design paradossalmente retrò e forse il capo perfetto per il vestiario da lockdown invernale. “Rappresenta qualcosa totalmente sconnesso dal concetto di uniforme,” ha spiegato Raf durante il Q&A di fine sfilata a cui hanno partecipato studenti da tutto il mondo, portando al centro del discorso l’espressione che aveva definito la scorsa stagione.

Intimo e giacche? Bè, non serve specificare che Miuccia e Raf stessero giocando con le nozioni di privato e pubblico, di interiore ed esteriore. La loro ultima collezione indagava il ruolo della tecnologia come parte integrante della nostra vita e l’idea delle uniformi come vestiario a cui attenersi o ribellarsi. Questa collezione è un’altra intrigante e incredibilmente desiderabile riflessione su come viviamo oggi.

Prada AW21: Il debutto di Miuccia Prada e Raf Simons alla Milano Digital Fashion Week Uomo:
Prada AW21: Il debutto di Miuccia Prada e Raf Simons alla Milano Digital Fashion Week Uomo:
Prada AW21: Il debutto di Miuccia Prada e Raf Simons alla Milano Digital Fashion Week Uomo:
Prada AW21: Il debutto di Miuccia Prada e Raf Simons alla Milano Digital Fashion Week Uomo:
Prada AW21: Il debutto di Miuccia Prada e Raf Simons alla Milano Digital Fashion Week Uomo:
Prada AW21: Il debutto di Miuccia Prada e Raf Simons alla Milano Digital Fashion Week Uomo:
Prada AW21: Il debutto di Miuccia Prada e Raf Simons alla Milano Digital Fashion Week Uomo:
Prada AW21: Il debutto di Miuccia Prada e Raf Simons alla Milano Digital Fashion Week Uomo:
Prada AW21: Il debutto di Miuccia Prada e Raf Simons alla Milano Digital Fashion Week Uomo:
Prada AW21: Il debutto di Miuccia Prada e Raf Simons alla Milano Digital Fashion Week Uomo:
Prada AW21: Il debutto di Miuccia Prada e Raf Simons alla Milano Digital Fashion Week Uomo:
Prada AW21: Il debutto di Miuccia Prada e Raf Simons alla Milano Digital Fashion Week Uomo:
Prada AW21: Il debutto di Miuccia Prada e Raf Simons alla Milano Digital Fashion Week Uomo:
Prada AW21: Il debutto di Miuccia Prada e Raf Simons alla Milano Digital Fashion Week Uomo:

Segui i-D su Instagram e Facebook

Leggi anche:

Tagged:
prada
Raf Simons
settimana della moda
MFW
Miuccia Prada
Fashion Week Milano
MENSWEAR FW21
F/W 21