Pubblicità

fashion tribes ci fa immergere nelle sottoculture di tutto il mondo

Il premiato fotografo italiano Daniele Tamagni ritrae nel suo libro le sottoculture di diversi continenti, dai metal rockers della Botswana alle donne wrestler della Bolivia.

di Cecilia Broschi
|
03 agosto 2016, 9:40am

Ultimamente sentiamo parlare moltissimo di culture e sottoculture diverse, per questo motivo non possiamo perderci Fashion Tribes, il libro fotografico che vede ritratte le vivaci e colorate mode delle subculture di tutto il mondo. Creata dal premiato fotografo italiano di fama mondiale Daniele Tamagni questa raccolta documenta scatti e ritratti di diverse categorie di persone, le donne wrestler della Bolivia, la gioventù blig-blig di Cuba e le modelle del Senegal.

Non è la prima volta che stiamo parlare di Tamagni, infatti nel 2009 l'artista ha pubblicato Gentlemen of Bocongo, che raccoglieva gli scatti di un viaggio in Congo alla ricerca dei dandies più originali del Paese. Questa volta ha deciso di prendere in considerazione più territori sperimentando l'approccio alla moda di diversi continenti ritraendo personaggi come i metal rockers del Botswana e collettivi di ballerini a Johannesburg. Secondo Tamagni infatti questo libro è un mix di situazioni spontanee, "non volevo mostrare solo un quadro generale del fenomeno di globalizzazione della moda, ma la resistenza e la conservazione delle tradizioni,"

Secondo i fondatori di Studio One Eighty Nine -- impresa sociale e di moda che ha lo scopo di promuovere la moda africana -- Rosario Dawson e Abrima Erwiah, "Fashion Tribes rivela come i consumatori locali abbiano la capacità di mischiare i capi d'abbigliamento tradizionali con altri di marca che rappresentano una moda più moderna."

Date un'occhiata ad alcuni degli scatti del libro qui sotto.

Le foto di Daniele Tamagni saranno in mostra alla October Gallery di Londra dal 7 al 30 Settembre 2016, e la mostra includerà' anche degli scatti iconici di James Barnor, grande fotografo Ghanese, che nel suo lavoro ha rappresentato le transazioni di costume tra gli anni 40' e 70'. 

danieletamagni.com

Crediti


Testo Cecilia Broschi
Fotografia Daniele Tamagni