Autoscatto di Davide Sorrenti

La famiglia di Davide Sorrenti riflette sulla sua eterna influenza

Due decenni dopo la sua scomparsa, Francesca, Mario, Gray e Arsun Sorrenti continuano a trarre ispirazione dalla visione unica di Davide sul mondo.

di Ryan White
|
13 dicembre 2019, 9:41am

Autoscatto di Davide Sorrenti

Questo articolo è apparso originariamente sul numero cartaceo di i-D The Get Up Stand Up Issue 358, inverno 2019

"La 'e' in Davide è muta, quindi in America veniva chiamato direttamente David,” spiega Francesca Sorrenti, madre del defunto fotografo. “Ma quando lo sgridavo, usciva proprio all’italiana!”

Nato nel 1976 da una famiglia di fotografi, Davide cresce nel cuore di New York. Da adolescente documenta meticolosamente i bordi frastagliati della cultura giovanile di Manhattan, i suoi scontri e tensioni, grazie a un intuito concesso solo a coloro che quel mondo l’hanno vissuto dall’interno.

Il lavoro di Davide è molto apprezzato nel settore della moda, tanto che a metà degli anni '90 gli vengono commissionati numerosi editoriali e campagne che giocano sul suo immaginario crudo e nichilista. Muore all'età di 20 anni, a causa di una complicazione dovuta a un raro disturbo del sangue legato al consumo di eroina; momento che coincide con l'avvento dell'estetica heroin chic, oltre che dei suoi pericoli. In men che non si dica, Davide diventa un esempio delle sue conseguenze più terribili.

milla jovovich photographed by davide sorrenti

"Forse è stato il fatto che stava creando immagini in un momento cruciale della street culture e il modo in cui stava iniziando ad essere finalmente accettata dal grande pubblico", riflette il fratello Mario Sorrenti quando gli chiediamo cosa ha reso il lavoro di Davide così definitivo. "Era circondato da una comunità creativa di persone che lo incoraggiavano a documentare i suoi coetanei e ha riconoscere il suo meraviglioso talento." Negli ultimi mesi, questo lavoro è stato esposto per la prima volta in una galleria ed esaminato in profondità nel documentario di Charlie Curran, See Know Evil. La terza parte di questa trilogia di retrospettive è Davide Sorrenti ArgueSKE 1994-1997, un libro messo insieme da sua madre, Francesca Sorrenti, e IDEA.

"Il modo in cui Davide ha catturato il suo stile di vita con i suoi amici mi ha sempre incuriosito," dice Francesca. "Stava sempre nella sua stanza nel nostro loft con un gruppo di amici, sdraiato sul divano a discutere, gridare, ridere e aveva sempre con sé la sua macchina fotografica per cogliere l’attimo giusto in modo naturale. Non l'ho mai sentito dire: "Stai fermo, voglio fare questa foto."

davide sorrenti's photography from the 90s

Vent’anni dopo la sua scomparsa, trovare la forza di scavare nel corpus di opere di Davide e confrontarsi direttamente con il suo ricordo è ancora estremamente doloroso per Francesca. “Il motivo per cui era così difficile lavorare con gli archivi di Dave è che i ricordi di lui erano proprio lì davanti a me, pronti a tornare in vita," racconta. "Io e David avevamo un rapporto davvero insolito, eravamo molto intimi; durante la sua malattia aveva bisogno costantemente del mio supporto. Eravamo uniti da questo legame e la fotografia era un amore che condividevamo entrambi. Insieme criticavamo i progetti fashion che ci capitavano tra le mani. Come una famiglia, di solito comparivamo l’uno negli scatti dell’altra. Quando andavo a trovare Mario trovavo lì Davide o Vanina, e viceversa.”

Per Mario e Vanina, guardare Davide che scopriva il mondo della fashion photography nella sua tarda adolescenza era una gioia, non solo da osservare ma anche di cui essere parte. “Io e mio fratello avevamo un rapporto molto stretto," racconta Mario. "Sono più grande di lui di cinque anni ed ero molto emozionato quando ha deciso di voler diventare un fotografo di moda come me." A quel punto, Mario aveva già una carriera avviata come artista e fotografo, e Davide si sarebbe potuto affidare a lui come guida. "Gli spiegavo quale pellicola usare, come regolare l’esposizione e poi gli dicevo 'vai e fotografa i tuoi amici, è lì che c’è la vera roba interessante.'"

harold photographed by davide sorrenti in the 90s

C’è un’evidente somiglianza tra Davide e i suoi nipoti, Gray e Arsun, i figli di Mario. Entrambi giovani, cool kid di New York immersi nella scena creativa della città, hanno un qualcosa che trascende i vent’anni di gap tra loro, una sorta di energia, di vibrazione. “Il lavoro di Davide parla a tutti noi," commenta Gray. "Quando il documentario uscì ho invitato tutti i miei amici a vederlo, perché sentivo che si sarebbero potuti sentire vicini a lui, alla sua passione per la fotografia, alla sua crew, alla sua vita, alla sua arte, allo struggimento della crescita. Quando sei un ragazzino e sei di NYC tutti le cose ti arrivano addosso alla velocità della luce. Anche se le cose sono cambiate drasticamente rispetto agli anni ‘90, i ragazzi di NYC sono rimasti gli stessi."

Per Arsun, un musicista che ha pubblicato il suo singolo di debutto proprio l’anno scorso, il lavoro di Davide è stato un modello a cui rifarsi costantemente. “Ho un suo dipinto nella mia stanza da sempre, fin da quando ho memoria," afferma Arsun. "Mi piace molto il suo lavoro, credo sia stupendo. Non sono sicuro di come mi faccia sentire, ma sono sempre stato circondato dalla sua arte e mi ha permesso di avere uno scorcio di quella che è stata la sua vita. Credo che quando un lavoro è buono risuoni nell’anima delle altre persone, non importa a che decade appartenga."

"Lui ha sempre vissuto il momento, forse con più foga di quanta io e te ne potremmo mai avere, ma non aveva tempo da perdere," aggiunge Gray. "Non aveva altra scelta se non quella di credere che le cose erano nel modo in cui dovevano essere, e questo è importante per rimanere onesti verso se stessi e verso il proprio cuore. So che è questo che Davide mi ha spinto a voler fare."

ArgueSKE 1994-1977, edito da Francesca Sorrenti è acquistabile in Italia da Slam Jam Milano e in Corso Como 10 (Milano) ed è edito da IDEA.

1574094259562-06-Davide-Sorrenti-Jaime-Hangin
Davide-Sorrenti's journal
1574094266942-17-Davide-Sorrenti-Jaime-Nude
davide sorrenti photography from the 90s
1574094335729-14-Jaime-and-Davide-in-Omaha
1574094381468-09-Davide-Sorrenti-Jaime-Flashing-Bum
1574094462489-07-Davide-Sorrenti-Showtime-Carolyn-and-Chris
1574094498798-11-Davide-Sorrenti-Popcorn-Jaime

Segui i-D su Instagram e Facebook

Crediti


Fotografia Davide Sorrenti

Tagged:
Cultură
davide sorrenti
the get up stand up issue
The Get Up Stand Up Issue 358