​abbey lee ci racconta la dura vita di una modella

La cover star di i-D rivela il motivo per cui ha deciso di dedicarsi alla recitazione.

di i-D Staff
|
20 luglio 2015, 10:18am

Quando abbiamo parlato con l'attrice ed ex super modella australiana Abbey Lee Kershaw ci ha confessato di "aver sempre saputo che fare la modella non era solo "quello" che avrebbe voluto fare affermando che "è estenuante non avere l'opportunità di dare di più, specialmente quando pensi di avere molto da offrire".

Adesso ha rivelato alcune delle dure realtà con le quali anche le migliori modelle devono fare i conti. Il mese della moda è particolarmente faticoso, spiega Kershaw. Dopo aver iniziato a New York, le modelle si spostano prima a Londra e poi a Milano e, come dichiarato da Abbey al The Guardian, "nel momento in cui arrivi a Parigi riesci a malapena ad aprire gli occhi; hai la pelle arrossata per il trucco, il cuoio capelluto ti brucia e ti ritrovi affamata, esausta e completamente a pezzi".
Persino dopo tutto quel lavoro non c'è il tempo per rilassarsi. "Come modella devi essere sempre disponibile. Non hai nessuna sicurezza e non c'è nessuno che tenga davvero a te" spiega la giovane, "Se non fossi stata una gustosa novità avrei perso il lavoro". Avendo apertamente riferito di essere stata pagata 100k dollari per una campagna di Chanel, Abbey ammette che, in fondo, tutto quel duro lavoro viene poi ripagato. "È l'unica cosa fantastica dell'essere una modella", ammette, " mi ha dato un tipo di libertà che altrimenti non avrei mai avuto… sono finanziariamente stabile da diverso tempo e non devo preoccuparmene. Di questo sono molto grata".

Nonostante i soldi non siano un problema, Kershaw ha deciso di crearsi una seconda carriera come attrice, trovando la sua vera vocazione. "Sono atterrata sul set di Mad Max ed è stato come se mi fossero aperte le porte del paradiso. Mi trovavo esattamente dove volevo essere: ho capito quanto mi sentissi a mio agio, quanto mi sentissi bene e quanto amassi quel lavoro".

È interessante notare quanto Abbey Lee stia rivisitando la sua vita da modella per il suo prossimo ruolo: in The Neon Demon di Nicholas Refn interpreterà la parte di una "modella più anziana e senza un futuro nell'industria… crivellata da insicurezze". Il ruolo l'ha portata a considerare l'enorme pressione che le modelle - e le donne in generale - si trovano ad affrontare nel tentativo di raggiungere un ideale di perfezione inarrivabile. "È folle"; ci spiega, "non puoi essere più così magra: devi sempre essere magrissima ed emaciata. Ora invece devi essere più tonica e muscolosa: ci sono ragazze che si fanno fare protesi al sedere perché adesso è quello il punto forte". Le parole della modella australiana fanno eco a quelle di una sua collega britannica, Cara Delavigne, che già in precedenza aveva dichiarato: "È orribile vivere in un mondo dove ricevo una chiamata da qualcuno che mi dice 'Tizio e Caio dicono che stai festeggiando un po' troppo e che apparivi in questo modo e che hai bisogno di perdere peso'. È una cosa che mi fa infuriare".

Kershaw ha inoltre suggerito a i-D che spera di ottenere un ruolo con delle problematiche più profonde e con un maggiore grado di introspezione: "tipo, interpretare una detenuta con problemi di dipendenza da meth o cose così… Quello che voglio dire è che esistono così tante personaggi maschili spinti da problemi psicologici che non hanno equivalenti femminili… ancora". 

Tagged:
cinema
abbey lee
Μόδα
modella