Pubblicità

stefano pilati curerà una mostra su tre decenni di moda maschile

Chi meglio di lui?

di i-D Staff
|
20 dicembre 2017, 1:46pm

Su gentile concessione di SP Studio

Tra gli stilisti più ammirati e conosciuti nell'industria della moda, un posto d'onore va sicuramente riservato a Stefano Pilati. Sarà proprio lui a curare "EVOLUTION -- INVOLUTION -- REVOLUTION," mostra onnicomprensiva che riassumerà più di tre decenni di storia della moda. La data d'apertura è fissata per giugno 2018, durante il Pitti Uomo.

In esposizione ci sarà il mondo del menswear nel suo insieme visto attraverso gli occhi di Stefano Pilati. Come si legge nel comunicato stampa, "si baserà sulla sua esperienza diretta, attraversando flashback, emozioni, collaborazioni ed esperienze del designer. L'obiettivo è di permettere al visitatore di immergersi all'interno della sfaccettata realtà della Moda Uomo negli ultimi trent'anni, sottolineandone la relazione dialettica con un contesto sociale in costante evoluzione.

E se dovremmo vedere il mondo del menswear dal punto di vista di qualcuno, chi meglio di Stefano? Lo stilista miete successi indiscutibili in questa industria dagli anni '80 e ha lavorato per Giorgio Armani, Prada e Miu Miu, per diventare poi direttore creativo di Yves Saint Laurent e successivamente Ermenegildo Zegna.

Lapo Cianchi, Segretario Generale della Fondazione Pitti Immagine Discovery, ha dichiarato che la moda uomo "è stata a lungo sottovalutata nei circoli culturali italiani e internazionali," e che la scelta di Stefano è stata determinata dalla "sua affascinante visione del sistema moda, che definirei eccentrica, conflittuale e a tratti cinica. È un punto di vista preciso, in cui ossessioni e riflessioni di un grande artista si uniscono a quelle del designer e dell'individuo."