Guida alla 102ᵃ edizione di Pitti Uomo

Guest designer, presentazioni, progetti speciali e gli eventi delle università di moda fiorentine. Dal 14 al 17 giugno, a Firenze.

di Carolina Davalli
|
13 giugno 2022, 10:15am

Via 

Dopo l’edizione dell’anno scorso, PITTI REFLECTIONS, la fiera di brand, trend e talenti emergenti del Made in Italy e dell’eccellenza internazionale torna per la sua 102ᵃ edizione presso Fortezza da Basso dal 14 al 17 giugno 2022. In questo cuscinetto temporale—che spezza il calendario culturale milanese impegnato prima con la Milano Design Week e poi con la Settimana della Moda—Pitti dirotta il baricentro dell’attenzione collettiva a Firenze, città che ospita riflessioni e suggestioni inedite sulla moda maschile contemporanea e del futuro.

Come sempre, il focus di Pitti Uomo sono le novità che riguardano il mondo del menswear, un ambito progettuale in cui si stanno verificando alcuni degli spostamenti e delle sperimentazioni più interessanti rispetto a cosa significhi vestire il corpo, l’atteggiamento, la sensibilità e la performatività maschile.

L’obiettivo della fiera, infatti, è quello di offrire una panoramica sulla moda maschile italiana e internazionale, supportando nuovi nomi della scena globale e rafforzando l’immagine del Made in Italy nel mondo. Sono questi gli intenti che alimentano il fitto programma di eventi, presentazioni, collaborazioni e progetti paralleli che costellano la nuova edizione. Per destreggiarci meglio in questa ramificazione di eventi, abbiamo voluto raccogliere le novità e gli highlight di questa stagione in una breve guida.

PITTI_ISLAND, il tema di Pitti Uomo 102

Il concept e la comunicazione di PITTI_ISLAND è stato affidato al direttore creativo Angelo Figus e prosegue la partnership creativa con Lucio Aru e Franco Erre, in arte Narènte (in sardo, colui che narra), che firmano i video e la campagna pubblicitaria dei tre saloni di Pitti Immagine. L’isola diventa così il nesso concettuale a collegare tutta la programmazione della 102 edizione di Pitti Uomo, simbolo del punto di incontro, di dialogo e di riflessione che è la fiera, intesa come epicentro culturale e snodo per nuove evoluzioni e rivoluzioni della moda maschile. L’isola vista come un punto fermo, un territorio di scoperte ed esplorazioni che si distacca dal resto del mondo per guardare le cose più nitidamente.

La location scelta come sfondo per la campagna assume i connotati di un luogo onirico ma familiare, dove la natura selvaggia vive armonicamente con la presenza umana. Ma il concept dell’isola si districa anche attraverso tutti gli appuntamenti del Pitti: per Pitti Uomo, “l’isola è un luogo circoscritto in cui sperimentare, riflettere, rigenerarsi,” si legge nel comunicato. Per Pitti Bimbo, “si trasforma nell’Isola del Tesoro, luogo di avventure, esperienze sensoriali e gioco,” continua. E infine, per Pitti Filati, “la vegetazione diventa materia prima da intessere, per sperimentare e al tempo stesso ritrovare la naturalità dei tessuti,” conclude il testo di presentazione.

Le Guest Designer e Guest of Honour di Pitti Uomo 102

Dopo il rinvio dello scorso gennaio, la designer belga Ann Demeulemeester è stata nuovamente invitata come Guest of Honour a curare presso la Stazione Leopolda di Firenze il progetto speciale dedicato a lei e all’omonimo brand con un vernissage fissato per mercoledì 15 giugno 2022. La sua è una storia iniziata quarant’anni fa ad Anversa, una parabola ascendente che l’ha vista inserirsi nel pantheon della moda globale a colpi di design innovativi e una visione eterea e sperimentale della moda. Il lavoro curatoriale del progetto si basa infatti in gran parte sulla dissezione dell’archivio del brand, un recupero ossessivo dei codici che caratterizzano il marchio dalla sua fondazione all’acquisizione del brand da parte di Claudio Antonioli. Il risultato è un intervento artistico-estetico che nasce da urgenze progettuali legate al qui e ora, capaci di commentare e incapsulare il presente.

Guest Designer di Pitti Immagine Uomo 102 è invece la designer di origini anglo-giamaicane Grace Wales Bonner, rinomata per la sua ricerca estetica e progettuale che indaga l’esperienza e la sensibilità legate alla mascolinità Black attraverso abiti raffinati e fortemente intellettuali. Martedì 14 giugno 2022, la designer organizzerà una sfilata evento in un palazzo storico fiorentino, location dove metterà in scena le ultime evoluzioni del proprio marchio presentando la nuova collezione S/S 23 dell’omonimo brand, Wales Bonner.

I progetti speciali e le installazioni di Pitti Uomo 102

Tra i progetti speciali di questa edizione, Soulland—brand basato a Copenaghen guidato da Silas Oda Adler—è stato invitato a presentare la propria collezione S/S 23 Pitti Uomo con una sfilata-evento esclusiva. Con la loro visione di una moda senza tempo, Silas Oda Adler e il suo team porteranno a Pitti Uomo una concezione della moda profondamente radicata nel rispetto e la tutela della materie prime, seguendo processi responsabili, sostenibili, inclusivi e trasperenti. 

Oltre ai progetti speciali, a infoltire il programma di questa edizione ci pensa l’installazione ICEBREAKERS II: “ANSWER WITH A QUESTION”, un progetto di allestimento curato da Linda Loppa in collaborazione con Manifattura Tabacchi che si inserisce nella sezione Futuro Maschile al Piano Attico del Padiglione Centrale. Nato all’interno di The NFContainer Project 2022, il progetto si fa piattaforma di connessioni e dialogo, invitando un gruppo di radical thinkers a porre delle domande capaci di stimolare un cambiamento reale e radicale alle urgenze del sistema moda (e non solo). Tra poster, slogan e manifesti, l’allestimento invita il pubblico di Pitti Uomo a rispondere a queste domande e a uscire dalla propria comfort zone mentale e creativa.

Per Fondazione Pitti Discovery, inclusività, dialogo, accoglienza, solidarietà sono valori necessari, urgenti e fondamentali. Per questo motivo, il progetto 11 Ukrainian Designers you need to know—realizzato con il contributo speciale di Fondazione CR Firenze—è interamente dedicato a una selezione di fashion designer e brand ucraini: Bobkova, Guzema, Katerina Kvit, Litkovskaya, Manufacture De Lin, Poustovit, T.Mosca, The Coat, Yulia Yefimtchuk, e le speciali creazioni "arts & crafts" di Gunia e Olk.

Le anteprime di Pitti Uomo

Tra le anteprime esclusive di Pitti Uomo, citiamo il progetto firmato Gore-Tex, From Past to Future, una speciale esposizione immersiva dedicata ai tessuti GORE-TEX che, solamente qualche decennio fa, hanno rivoluzionato il mondo del techwear per sempre. Si tratta di una retrospettiva dei primi prodotti del brand e una presentazione delle nuove proposte GORE-TEX, realizzate con l’innovativa membrana ePE.

Pitti 102 segna anche il ritorno in Fortezza dell'iconico marchio FILA, il quale metterà in mostra le sue ultime sperimentazioni tra moda e sport, lanciando le sue prime scarpe da running high-tech e a un’esclusiva linea di abbigliamento da corsa per uomo e donna.

2022-04-29_KAPPA_ss23_Shot17_0006_R1.jpg

Ma Pitti Uomo 102 è anche lo spazio che ospita sia il debutto della collezione North Sails X Maserati, un progetto che unisce l’anima dei due brand in una collezione di capi performancewear d'avanguardia; sia quello della nuova collezione Robe di Kappa®,che metterà in mostra la nuova collezione S/S 23 ispirata agli ‘90 e all’estetica preppy.

Gli eventi delle scuole e università di moda in occasione di Pitti Uomo

Al di fuori delle mura di Fortezza da Basso, il florido panorama della moda fiorentina celebra i nuovi nomi della moda partendo dagli spot dove questi imparano a conoscersi e a sperimentare con le proprie visioni progettuali. Stiamo parlando delle scuole e delle università di moda della città, che in occasione di Pitti animeranno la città con esposizioni, mostre e sfilate con lo scopo di supportare i nuovi talenti emergenti della moda, dell’arte e del design.

MARANGONI HD - HORIZONTAL NO INFO.jpg

Tra queste, Istituto Marangoni Firenze riunisce i progetti dei Best Multimedia Artist e dei Best Fashion Designer dell’anno con un evento esclusivo il 15 giugno al Museo Marino Marini di Firenze. Sperimentando con un nuovo format ibrido—quello del Fashion & Art Show—la Scuola fiorentina mette in mostra l’armonia e l’approccio multidisciplinare dell’istituto, che invita i propri corsi a collaborare su progetti comuni. L’evento, previsto per le ore 21.30 di mercoledì 15 giugno, vedrà le opere dei corsi immergere il pubblico in dimensioni reali e virtuali, un viaggio alla scoperta dei progetti della School of Fashion & Art che continua attraverso la presentazione del progetto RE:MIXING THE CITY (might delete later). Sotto la guida di Andy Picci, Digital Artist e I’M Mentor, i membri del corso di Multimedia Arts hanno realizzato un progetto site specific su larga scala, opere ibride che si estenderanno su tutto il centro storico di Firenze campeggiando su sette luoghi iconici della città.

Altro centro nevralgico dell’istruzione di moda internazionale, POLIMODA presenta Carpe Noctem: a celebration of talents, la sfilata di fine anno dell’istituto che raccoglie le collezioni più interessanti dei corsi triennali e magistrali in moda, e appuntamento immancabile per segnarsi i nomi che subentreranno nel mondo della moda sovvertendolo dall’interno. Il Final graduation show 2022 avrà luogo il 13 giugno, in occasione di Pitti Uomo.

Ultimo ma non per importanza, IED presenta mercoledì 15 giugno, dalle ore 20.00 in Piazza Ognissanti, REFLECT, un progetto che nasce dall’incontro degli immaginari visionari espressi dalla nuova generazione di designer dell’istituto. Volti, riflessi, prospettive che si moltiplicano saranno i protagonisti della serata organizzata da IED, dove avrà luogo la messa in scena di una selezione di capsule collection realizzate dagli studenti IED di Fashion Design, incarnazione di quel gioco imprevedibile di prospettive che anima tutti i corsi della scuola.

Altre location da visitare in occasione di Pitti Uomo

Firenze = Manifattura Tabacchi, giusto? Se anche tu la pensi così, allora è Pitti Uomo è solamente un’altra occasione per fare il tuo solito pellegrinaggio a Manifattura, per scoprire le novità di uno degli hub creativi più interessanti della città e della scena nazionale. In particolare, tra i progetti artistici che lavorano attivamente nella struttura, ti segnaliamo SUPER DUPER HATS, il progetto di cappelli sostenibili fatti a mano incentrato su una produzione attenta, artigianale e lenta—di cui vi avevamo già parlato qui. Il brand ha appena collaborato con un talento italiano (forse inaspettato?) a una capsule di cappelli esclusiva, quindi quale momento migliore per andare a sbirciare il team all’opera?

Infine, se cerchi ristoro nel caldo fiorentino, Gucci ti invita nel suo nuovo café & cocktail bar Giardino 25 in Piazza della Signoria 37, l'ultima aggiunta della struttura Gucci Garden, lo spazio multidisciplinare ideato dal Direttore Creativo Alessandro Michele che ospita un bookstore, un museo e osteria.

Segui i-D su Instagram e Facebook

Crediti

Testo: Carolina Davalli

Leggi anche:

Tagged:
IED
firenze
Istituto Marangoni
Pitti Immagine
Pitti Uomo
narente
manifattura tabacchi