Foto dalla TATUAMI Tattoo Convention 2022

Per il decimo anniversario dell'iniziativa, abbiamo esplorato la community che ruota attorno all'arte del tatuaggio.

di Enea Venegoni
|
19 maggio 2022, 1:29pm

Oggetto inglobato dall’immaginario collettivo e di recente assorbito anche dalla moda, il tatuaggio oscilla tra il fascino trasgressivo e ribelle memore delle proprie radici punk, l’estetizzazione pop e l’incarnazione catartica della propria identità che supera il mero ornamento. Che si tratti di un’immagine decorativa o di un’opera carica di simbolismo, da un punto di vista ontologico il tatuaggio mantiene sempre una relazione inscindibile col corpo, e coi concetti correlati di mutazione, fluidità e riappropriazione.

Ancora di più quando si tratta di body modification estreme, scarificazione, tatuaggi brutal o in posti inusuali come sulla sclera dell’occhio, piercing invasivi, suspension o tatuaggi della sclera dell’occhio. Non sono altro che forme di riappropriazione della propria identità che passano attraverso il corpo stesso.

Ed è durante le convention di body modification che si entra in contatto con la community che la anima. Una delle più mainstream, la TATUAMI Tattoo Convention di Milano, esemplifica il tentativo di trovare un equilibrio tra lo svuotamento del tatuaggio in elemento pop e il mantenimento di un safe space inclusivo e accogliente. Il fotografo e tatuatore Rodrigo Garcia Delgadillo è andato a farsi un giro per i-D Italy per raccontarci com’è.

img001.jpg
img002.jpg
img003.jpg
img004.jpg
img005.jpg
img006.jpg
img007.jpg
img009.jpg
img010.jpg
img011.jpg
img012.jpg
img013.jpg
img014.jpg
img015.jpg
img017.jpg
img018.jpg
img020.jpg

Crediti

Testo: Enea Venegoni
Fotografie: Rodrigo Garcia Delgadillo

Leggi anche:

Tagged:
arte
reportage
tatuaggi
TATUAMI