Fotografie courtesy di Yvmin 

Yvmin, il brand cinese che fonde gioielli e protesi

Da accessori surreali per il viso a protesi intricate, il progetto mira a svecchiare la gioielleria rendendola giocosa, d'avanguardia e accessibile

di Zoë Kendall
|
10 marzo 2022, 5:00am

Fotografie courtesy di Yvmin 

Il duo dietro il marchio cinese Yvmin riflette spesso sulla domanda: "Cos'è, effettivamente, la gioielleria?” E, per estensione, “Che ruolo ha un brand di gioielleria oggi?” Più che un marchio tradizionale, i co-designer Min Li e Xiaoyu Zhang hanno sempre considerato Yvmin un “laboratorio di decorazioni per il corpo.” L’obiettivo del loro brand è quello di esplorare la connessione tra corpo e ornamenti attraverso strategie d’avanguardia, pezzi da naso, fermagli per capelli alla Dalí e, più recentemente, vere e proprie protesi. Insieme, mirano a portare la gioielleria oltre i limiti delle proprie tradizioni—per poi puntare ancora oltre. "Penso ai gioielli come parte del mio corpo,” racconta Min. "A volte esprimiamo noi stessi attraverso la danza o il movimento… i gioielli possono aiutare in questo tipo di espressione di sé."

Min e Xiaoyu si sono incontrati alla Central Academy of Fine Arts di Pechino, dove Min ha scelto di specializzarsi in moda, mentre Xiaouy in gioielleria. I due hanno subito trovato un'affinità—Min, con la sua razionalità e Xiaoyu, con la sua sensibilità—stringendo così una partnership creativa. Nell'ultimo anno al CAFA hanno fondato Yvmin, il cui nome è emblema dello 'yin-yang', un mix di entrambi i loro nomi.

ragazza con capelli blu che indossa gioielli yvmin

Nei primi anni del brand, hanno creato quelle che Min descrive come "una sperimentazione di materiali": mini sculture o installazioni tra cui una serie di busti greci e un manichino drappeggiato nel tessuto. Non si trattava né di moda prêt-à-porter né di gioielli, ma erano opere che ricordavano entrambe le discipline. Alla fine, hanno gravitato più verso la gioielleria, ispirati dall'approccio al design concettuale che avevano appreso in Olanda partecipando all'International Graduate Show della Galerie Marzee nel 2012. Questo ethos olandese, che promuoveva nuove interpretazioni dei materiali, era in diretto contrasto con quello dell'industria della gioielleria cinese ed è diventato la base del nuovo approccio di Yvmin verso l’ornamento.

“Per noi, i gioielli costituiscono un veicolo per una pura espressione di sé," racconta Min, paragonando un paio di orecchini o una collana a una “bandiera” che simboleggia—o, forse, dichiara esplicitamente—la personalità, le inclinazioni o gli stati d'animo di chi li indossa. Il gioiello è emblematico: i pezzi indossati sono dispositivi per veicolare la propria personalità e strumenti di auto-espressione. Questa concezione del gioiello come totem è ripreso piuttosto letteralmente in uno dei primi progetti di gioielleria di Yvmin. Un paio di orecchini disegnati da Xiaoyu, dotati di un sensore, di altoparlanti e di una scheda audio che emettevano una registrazione vocale quando chi li indossava si trovava in prossimità di altre persone. “Lo scopo era quello di esprimere come i gioielli funzionano quando ci confrontiamo con la società, come li usiamo per esprimere la nostra identità,” spiega Min.

una collana del brand cinese yvmin su un supporto d'argento
una ragazza con fermaglioa. forma di farfalla che guarda un gioiello argento appeso a un trespolo peloso rosa

La maggior parte dei gioielli di Yvmin è altrettanto intrigante e mette in luce la meraviglia celata negli oggetti quotidiani. Con la sua collezione Pasta Lovers, hanno fuso penne, rotini e persino farfalle in metallo prezioso e rendendole protagonista di una serie di eleganti orecchini e collane pendenti. Gli anelli della collezione Sweet, invece, attingono alle topografie delle carte di caramelle sgualcite e accartocciate e si ispirano a un gioco della loro infanzia. "Spesso avvolgevamo i pacchetti di caramelle intorno alle dita facendo finta che fossero delgi anelli,” spiega Min.

Allo stesso modo, le forme ondulate e ultraterrene di Ripple—la collezione S/S 22 del brand—nascono da un altro passatempo personale: la foto Polaroid. Il pezzo forte della collezione, una collana pendente, ricorda le famose fotografie istantanee, con il suo centro di zircone scintillante racchiuso in una cornice d'argento liquefatto. "Nelle foto, le persone si muovono così velocemente che non si riesce a distinguerli chiaramente. E l'intera collezione è incentrata su quei gioielli che fanno parte della tua memoria. Ricorda delle fotografie sfocate," dice Min. La collezione è composta da orecchini che traslano quella stessa idea di fotografia nel gioiello: una selezione di ipnotizzanti fermagli per capelli e una serie di collane a catena, incrostate di pavé di zirconi che evocano un effetto sfocato.

xiao yang che indossa una protesi di cristallo di yvmin

Oltre a usare uno stile ironico e divertente, l'obiettivo del duo è quello di spingersi oltre i confini della gioielleria tradizionale. In primo luogo, a livello dei materiali: al posto di metalli preziosi e diamanti—lo standard dell'industria della gioielleria cinese—Yvmin sperimenta materiali non convenzionali come il titanio e il nylon. Questi permettono di ottenere quelle silhouette scultoree grazie a cui il marchio si è fatto un nome.

In secondo luogo, la loro visione avanguardista è basata anche sulla forma. “I gioielli sono più liberi,” dice Min, facendo il paragone con l’abbigliamento. “Non hai bisogno di gioielli per tenerti caldo o per proteggerti. Quindi, per certi versi, penso che i gioielli siano essenzialmente inutili. Ma questo fa sì che i gioielli offrano più possibilità di sperimentazione.” Con Yvmin, Xiaoyu e Min esplorano le possibilità apparentemente illimitate della gioielleria, giocando su quella linea sottile che oscilla tra funzionalità e purezza della forma. "Nel 2018, molti dei miei amici indossavano occhiali senza le lenti, solo per il look. Per me, anche quello è un gioiello,” dice Min. Prendendo ispirazione da questo fenomeno, hanno creato una serie di gioielli per il viso per la loro collezione Electronic Girl. Alcuni di questi pezzi poggiano sul ponte del naso, altri sono più astratti—ad esempio, uno più che un occhiale sembra un copricapo che avvolge il retro della testa e culmina in una serie di perle appoggiate sullo zigomo.

mua che mette trucco a modella yvmin
modella che mostra orecchini yvmin lilla

Yvmin si diverte a trovare nuovi modi per adornare parti del corpo che solitamente non vengono accessoriate, come il ponte del naso, la nuca o la schiena. Fin dall’inizio Xiaoyu e Min si sono concentrati sulla relazione tra i gioielli e il corpo. Infatti, è stato proprio durante gli anni della scuola—più di dieci anni fa—che la coppia ha concepito il loro ultimo progetto: una linea di pezzi artigianali che unisca protesi e gioielleria. Dopo un lungo periodo di incubazione, il progetto si è concretizzato quando il duo è andato a Chengdu per incontrare la modella e influencer Xiao Yang. “Le sue foto immortalano il suo forte senso dello stile e quanto non si senta minimamente in difetto a mostrare le sue protesi,” dice Min.

Durante la visita del duo, però, hanno notato che Xiao indossava una protesi diversa da quella delle sue foto più recenti su Instagram. Si trattava di una protesi che Xiao aveva ricevuto un anno prima e da allora aveva postato vecchie foto perché non le piaceva l'aspetto della nuova protesi. "Ho pensato che dovesse avere altre opzioni, proprio come tutte le persone possono scegliere i vestiti o i gioielli che indossano,” aggiunge Min. Ispirato da Xiao, il duo ha quindi creato tre protesi personalizzate per la modella. Una, realizzata in elegante titanio a specchio, presenta una ginocchiera a forma di cuore. Un'altra, invece, si articola intorno al polpaccio in una serie di fiori, foglie e viti stampate in 3D. È un pezzo intricato, a metà tra arte e protesi. O, come dicono i Min e Xiaoyu, proprio “al limite del concetto stesso di ‘gioiello’.”

Guardando al futuro, Yvmin spera di collaborare con organizzazioni che lavorano nella sanità per potenziare la propria produzione. Il loro obiettivo? Fare in modo che ogni persona abbia la sensazione di avere possibilità illimitate nel momento in cui sceglie un gioiello. E che possa giocare con questo concetto nel frattempo. "I gioielli devono poter essere indossabili da chiunque," afferma Min.

gioielo capelli in argentop yvmin
modelle che sfilano con gioielli yvmin
orecchini e collana yvmin
xiao yang che indossa una protesi argentata con cuore yvmin

Questo articolo è apparso originariamente su i-D UK.

Segui i-D su Instagram e Facebook.

Leggi anche:

Tagged:
protesi
gioielleria
inclusività
designer emergenti