20 documentari di moda che puoi guardarti subito su YouTube

Tra chicche ormai dimenticate e grandi classici, ecco la lista che ti serviva per superare indenne il weekend.

di i-D Staff
|
17 aprile 2020, 7:55am

Tra siti streaming che nascono praticamente ogni giorno e altri a cui siamo ormai affezionati, spesso ci si dimentica del buon vecchio YouTube, sottovalutando le potenzialità di questa piattaforma e del suo archivio virtualmente infinito. Se sai muoverti bene, su YT puoi trovare davvero di tutto. Anzi, più lo usi, più l'algoritmo affina la profilazione e ti proporrà quindi dei correlati sempre più in linea con i tuoi gusti (ci rendiamo conto di quanto sia inquietante, certo, ma hey this is 2020).

Anche noi ci siamo messi nelle mani di YouTube, partendo da alcuni punti fermi di cui avevamo sentito parlare o che eravamo andati a vedere al cinema, da consigliarvi assolutamente. Da lì si è innescata una ricerca a catena che ci ha fatto scoprire contenuti che riflettono sul mondo della moda davvero a 360°: dai designer agli stilisti, dai fotografi alle modelle, dall'haute couture al fast fashion. Ne abbiamo selezionati 20 per voi, ma non sono gli unici.

Appunti di viaggio su moda e città (Notebook on Cities and Clothes), 1989

Il regista di Paris, Texas e Il cielo sopra Berlino ha fatto la storia del cinema con i suoi lungometraggi di finzione, ma anche con i documentari. Questo è proprio uno dei primi di Wim Wenders, che indaga la personalità dello stilista giapponese Yohji Yamamoto e ne restituisce il processo creativo, alternando momento di vita quotidiana e intimi a pensieri filosofici ed esistenzialisti. Strutturato come una sequenza di appunti e frammenti, riflette sul mondo della moda, sulla società contemporanea e sui suoi mutamenti, sul rapporto tra città, identità e arte nell'era digitale.

Models: The Film, 1991

Girato dal fotografo Peter Lindbergh, il documentario è una sorta di diario autobiografico in cui è il fotografo stesso a raccontarsi, condividendo la sua esperienza artistica nel mondo della moda degli anni '90. La macchina da presa segue così le sue cinque muse ispiratrici, nonché modelle iconiche di quegli anni: Naomi Campbell, Cindy Crawford, Linda Evangelista, Tatjana Patitz e Stephanie Seymour. Se volete approfondire questo filone, vi consigliamo anche Catwalk, il documentario del 1995 diretto da Robert Leacock, e che potete trovare qui, sempre su YouTube.

Fame, Fashion and Photography: The Real Blow Up, 2002

Il film di Antonioni del 1966 Blow-up, ispirato al racconto Le bave del diavolo di Julio Cortázar, ruotava attorno al personaggio fittizio di un fotografo londinese di moda (e se non l'avete mai visto, recuperatelo). The Real Blow Up , invece, è un documentario che parte da premesse simili, ma racconta le storie vere di fotografi realmente esistiti che hanno immortalato l'immagine della swinging London e inciso in modo indelebile sulla storia della moda. Uno su tutti, Antony Armstrong-Jones, il primo ad abbattere le barriere culturali del decennio precedente attraverso le sue foto sfacciate e irriverenti. Qui trovate la seconda parte.

Christian Dior: The Man Behind the Myth, 2005

Siamo nel 1947 e la Francia si sta faticosamente ricostruendo dopo la seconda guerra mondiale. Un giovane designer inizia a farsi largo nel mondo della moda, attirando l'attenzione di tutto il globo con la sua nuova visione dell'eleganza femminile. Grazie a lui Parigi torna a splendere come capitale della moda, e da quel momento la faccia dell'haute couture non sarebbe più stata la stessa. Si chiama Christian Dior, e questo documentario ne percorre l'intero percorso.

Obiettivo Annie Leibovitz - Life Through a Lens, 2006

Dal suo obiettivo sono passate le icone di un'epoca: Keith Richards, Patti Smith, Hillary Clinton, Whoopi Goldberg, Andy Warhol, Fleetwood Mac, Rolling Stones, Demi Moore, Arnold Schwarzenegger, Mikhail Baryshnikov, John Lennon (hai presente la foto nudo abbracciato a Yoko Ono vestita? Ecco, è sua) -- giusto per citarne alcuni. Annie Leibovitz, fotografa americana di origini ebraiche, ha immortalato intere generazioni di artisti, musicisti, scrittori, attori e politici, sapendone restituire l'essenza grazie al suo talento visivo innovativo, maniacale ed estremamente empatico. Il documentario, girato dalla sorella Barbara, racconta con materiale d'archivio, riprese della fotografa sul set e interviste la sua storia.

Lagerfeld Confidential, 2007

Morto poco più di un anno fa, Karl Lagerfeld è stato uno dei personaggi più iconici della storia della moda. Noto per i suoi capelli bianchissimi, gli occhiali da sole scuri, i guanti senza dita e i colletti alti inamidati. Ma anche per i suoi abiti incredibili, le sue diete improbabili, il suo amore per i gatti e le sue idee assolutamente non pacate. Questo documentario restituisce un ritratto sfaccettato e personale del dirompente stilista.

Valentino: The Last Emperor, 2008

Film presentato alla 65a Mostra del Cinema di Venezia, è arrivato al cinema nel 2009, e ora è disponibile su YouTube. Il documentario racconta gli ultimi due anni di attività dello stilista Valentino Garavani, attraverso filmati inediti, immagini d'archivio e interviste ad altre figure cardine del mondo della moda e dello spettacolo, tra cui Tom Ford, Karl Lagerfeld, Meryl Streep, Gwyneth Paltrow, Anne Hathaway, Claudia Schiffer, Donatella Versace, Giorgio Armani, Anna Wintour.

Yves Saint Laurent: L'amour Fou, 2010

"Se Coco Chanel ha liberato la donna, Yves Saint Laurent le ha dato il potere", afferma Pierre Bergé. E questo documentario racconta esattamente questo: la storia di uno degli stilisti più importanti del XX secolo, facendo rivivere la sua arte e le sue creazioni, cariche di una vitalità dirompente. Ne emerge una personalità geniale ma anche fragile e complessa, malinconica e ombrosa, visionaria e dissoluta.

The Next Black: A Film about the Future of Clothing, 2014

Un documentario che esplora i possibili sviluppi futuri del settore della moda attraverso gli interventi, i contributi, le interviste e le opinioni di alcune delle figure più innovative del pianeta: ci sono i paladini della sostenibilità come Patagonia, i leader del tech di Studio XO, l'icona dello sportswear Adidas e Bioculture, un progetto che esplora le potenzialità di organismi vivi - come i batteri - per produrre vestiti e accessori. Saranno questi i player del futuro? Che cosa indosseremo? Come possiamo smettere di sprecare tutte queste risorse?

Dior and I, 2014

Maison Dior, Parigi, 2012. Arriva il nuovo direttore artistico. Si chiama Raf Simons e arriva con un bagaglio di esperienze notevoli, tra cui un periodo da Jil Sander. Ma non è facile onorare una tradizione così incisiva riuscendo al contempo a innovarla; soprattutto se non conosci bene il francese e non disegni bozzetti. A questo punto, ha sole otto settimane per realizzare la nuova collezione haute couture di Dior. Un documentario pieno di passione, adrenalina e bellezza.

Tom Ford, 2015

Stilista, sceneggiatore e anche regista (del conturbante Animali notturni, disponibile su Netflix), Tom Ford è stato il Direttore Creativo della svolta sexy e femminile di Gucci negli anni '90, molto prima che arrivasse Alessandro Michele a ribaltare i dogmi del brand. Dopo l'ultima sfilata del 2004, Tom Ford ha lanciato un suo brand; il documentario Tom Ford ripercorre questa seconda fase, restituendo tanto l'uomo quanto il marchio.

The Artist Is Absent : A Short Film On Martin Margiela, 2015

Cortometraggio su Martin Margiela, cerca di indagare una delle personalità più misteriose e affascinanti del mondo della moda, fautore della rivoluzione decostruttivista degli anni '90. Una personalità che emerge sempre di sfuggita, attraverso gli interventi delle persone che l'hanno incontrato in qualche modo, come Jean Paul Gaultier, Raf Simons e Suzy Menkes. Forse finalmente sapremo chi è davvero Martin Margiela?

Azzedine Alaïa, 2017

Uno degli stilisti più controcorrenti della storia della moda, Azzedine Alaïa è morto nel 2017, lasciandoci con un vuoto incolmabile e una frase chiave per capire il suo processo creativo: “Osservo spesso il mondo in cui gli abiti ondeggiano sul corpo. Vedo come il tessuto cambia a seconda di chi lo indossa e dal modo in cui si muove.” E fu per questo che venne ribattezzato "The King of Cling", per la sua attenzione al modo in cui l'abito cade sul corpo assecondandone le forme. Questo documentario racconta tutto questo, ma anche e soprattutto un suo lato sempre un po' nascosto: i pensieri intimi e le riflessioni sul sistema moda.

Balmain, 2017

Anche se si è liberato del titolo di "enfant terrible", rimane tra i più giovani stilisti con un ruolo importante all'interno del mondo della moda nonché capofila della generazione internet. Questo documentario parla proprio di Oliver Rousteing, la guida della maison parigina Balmain, senza rinunciare a qualche tuffo nella storia precedente del brand.

McQueen, 2018

Presentato in anteprima al Fashion Film Festival del 2018, il documentario ripercorre la vita di uno degli stilisti più rivoluzionari di sempre, restituito in tutto il suo genio tramite un lavoro di montaggio di video amatoriali, filmati inediti o privati e materiale d’archivio. Ne emerge appieno l'estetica, tra il magnifico e il grottesco, lo chic e lo scioccante, alla base di sfilate che avevano la potenza di performance artistiche. In parallelo, viene indagata anche la sua personalità morbosa e oscura, sempre tesa a sconvolgere e a mettere in discussione ciò che l’industria della moda considerava “sacro” e “bello”. Girato da Ian Bonhôte e Peter Ettedgui a soli otto anni dalla scomparsa di McQueen, il film è approdato nelle sale italiane nel 2019, e se ve lo siete persi è arrivato il momento di recuperarvelo, vi assicuriamo che ne vale la pena.

Fashion in the 1990's, 2018

Un decennio folle, affascinante, sensazionale e trasformista in cui tutto è stato messo in discussione e ribaltato: è in questo momento che nascono il grunge, il cattivo gusto, lo streetwear, la sensualità ed il minimalismo. Questo documentario dimostra una volta per tutte quanto la moda non sia solo effimera ma sappia incidere nella storia politica e culturale di un'epoca, plasmando il gusto e le idee della società.

Renegades of Fashion: Vivienne Westwood, 2019

Vivienne Westwood, l’ultima vera ribelle dei nostri tempi nasceva l’8 aprile 1942 in un piccolo villaggio del Derbyshire, in Inghilterra, decisa a ribaltare ogni forma di conformismo. Qualche anno dopo decideva di rivoltare l'industria del fashion come un calzino, e da quel momento la moda non è più stata la stessa. Una figura del genere non poteva non finire al cinema: a febbraio 2019 nel film Vivienne Westwood. Punk, icona, attivista e anche in questo documentario su YouTube, parte di Renegades of Fashion, una serie di mediometraggi che raccontano le storie di alcune figure iconiche del mondo della moda - li trovate quasi tutti su YouTube.

Renegades of Fashion: Rei Kawakubo, 2019

Anche questo parte della serie Renegades of Fashion, il documentario racconta la storia della founder di Comme Des Garçons, nonché pilastro della triade degli artisti giapponesi che alla fine degli anni '70 hanno rinnovato radicalmente la moda europea -- gli altri due sono Yohji Yamamoto e Issey Miyake. Un percorso difficile il suo, perché quando proponi innovazioni troppo visionarie per i tempi, il mondo non è pronto e reagisce con critiche e disprezzo. Ma invece che farsi abbattere ha trasformato tutto questo nella sua forza.

Click - The History of Fashion Photography, 2019

La moda è fatta di designer, stilisti, modelle, sarti, tecnici di settore e anche fotografi. Sono spesso proprio loro a restituire i pensieri e le emozioni di un momento, una sfilata, un'epoca con una sola immagine, arrivando dove le parole non riescono. In un periodo storico saturo di immagini e fotografi che si accalcano su Instagram, questo documentario sottolinea come siano davvero in pochi quelli capaci di emergere ed essere davvero influenti, soprattutto oggi, in cui tutto scompare nel giro di un click e viene sommerso nel massiccio flusso costante dei social network.

War on Waste: Fast Fashion and Climate Change, 2019

Il titolo parla chiaro: un documentario che indaga l'impatto del fast fashion sull'ambiente, che rientra tra i principali fattori dell'attuale crisi climatica ed è strettamente connesso alla società turbocapitalistica in cui viviamo e che assecondiamo senza neanche rendercene conto. Se ti interessa l'argomento, ti consigliamo altri tre documentari, tutti disponibili su YouTube: Luxury: Behind the Mirror of High-end Fashion, BBC: The Price of Fast Fashion e Fashion Factories Undercover.

Segui i-D su Instagram e Facebook

Non è abbastanza? Qui un'altra lista da spulciare attentamente:

Tagged:
cinema
YouTube
Streaming
storia della moda
documentari di moda
cosa guardare