Immagine di sinistra di 

Carl van der Linde, Immagine di destra di Roger Weiss

A New Focus: ecco i nuovi talenti della fotografia che dovresti conoscere

Dalla fotografia documentaria alla poesia visiva fino a viaggi emozionali, passando ovviamente per la moda. Vi presentiamo i giovani talenti che stanno alzando l'asticella dell'industria fotografica.

di i-D Staff
|
24 agosto 2021, 9:15am

Immagine di sinistra di 

Carl van der Linde, Immagine di destra di Roger Weiss

L’estate sta finendo e, come ogni anno, tutte le tue promesse di leggere quei libri che hai sullo scaffale, recuperare le news di moda, stare al passo con le nuove uscite musicali e imparare qualcosina in più su come adottare uno stile di vita realmente sostenibile ti hanno abbandonato al primo bagno in spiaggia. Ma non c’è da disperarsi. Ci stiamo pensando noi a creare delle guide agili e veloci per farti recuperare tutto quello che è successo nell’ultimo periodo nel mondo della moda, della musica e dell’industria creativa, creando dei percorsi tematici che spaziano dalla sostenibilità alle liste dei film che dovresti recuperare.

Questa volta, parliamo di fotografia e della nuova generazione che sta alzando l’asticella di questo settore complesso e competitivo. Dal reportage documentario alla fotografia di moda, da progetti di poesia visiva ad antologie sociali, da diari visivi a esplorazioni visuali intercontinentali, fino a immaginari surreali, eterei e onirici: c’è tutto questo nell’universo creativo dei nuovi talenti emergenti internazionali.

Così, abbiamo raccolto qui sotto tutti i progetti fotografici intercettati dai nostri radar, realizzati da quei creativi che stanno utilizzando la propria pratica per innescare sovversioni concettuali, rivoluzioni formali e avanguardie progettuali. Dicono che l’industria dell’immagine sia satura, ma ti vogliamo dimostrare che non è così.

1) Federica Iannuzzi

La fotografa italiana vede la propria pratica come catarsi da un mondo vorticoso e alienante, trovando il proprio baricentro in scatti in cui dominano pace e quiete.

Segui Federica Iannuzzi qui.

2) Clelia Cadamuro

L’artista veneta parla la lingua dei dettagli, traducendola in scatti senza tempo. E il suo ultimo progetto su Venezia ne è la conferma.

Segui Clelia Cadamuro qui.

3) Le 8 fotografe protagoniste della docuserie “Le Fotografe” di Sky Arte

Sono Guia Besana, Ilaria Magliocchetti Lombi, Sara Lorusso, Carolina Amoretti, Maria Clara Macrì, Roselena Ramistella, Zoe Natale Mannella e Simona Ghizzoni, e puoi scoprire la loro storia e la loro pratica recuperando le puntate della serie su Sky Arte.

4) Piet Oosterbeek

Per un fotografo come Oosterbeek, documentare le sottoculture e controculture dei giovani di un luogo dice molto di più su un paese che centinaia di antologie o volumi di storia. E in un posto come la Georgia, le nuove generazioni hanno molto da raccontare.

Segui Piet Oosterbeek qui.

5) Giulia Agostini

Il corpo umano (in particolare, quello femminile) è per la fotografa lo spazio fisico da cui si diramano gli immaginari che guidano tutta la sua pratica. E come in un gioco di specchi, le figure che ritrae si riflettono le une nelle altre.

Segui Giulia Agostini qui, e scopri il suo ultimo libro qui.

6) Martha Micali

La fotografia dell’artista italiana esplora i margini percettivi che ci collegano al mondo dei sogni, conferendo una qualità materica a sovrapposizioni di scatti.

Segui Martha Micali qui e scopri il suo ultimo libro qui.

7) Jacob Balzani Lööv

Tra la fotografia documentaria e il romanzo di formazione, lì trovi la pratica del fotografo italo-svedese Jacob Balzani Lööv.

Segui il fotografo qui.

8) La classe 2021 di Raffles Milano

Si chiamano Gianluca Pezzato, Antonio Mantovani, Acyle Beydoun, Arianna Angelini, Alessio Fusi e Aurore Greindl. E dovreste appuntarvi i loro nomi.

9) Arianna Todisco

La fotografa italiana si fa strada in quelle realtà sociali in cui lo spirito di resistenza si confronta con un mondo globalizzato e in continuo mutamento. Ed è di quelle nicchie che scatta ritratti poetici e metafore visuali.

Segui Arianna Todisco qui.

10) Matteo Strocchia e Marco Servina

Mosso dalla necessità di documentare una comunità che, per quanto piccola, è la forza trainante della scena drag calabrese, il duo si è inoltrato nel mondo gioioso e libero del collettivo Portinaie.

Segui Matteo e Marco, qui e qui.

11) Vashish Soobah

Visual Artist di 25 anni nato in Sicilia e cresciuto nel nord Italia prima di spostarsi a Londra, Vashish Soobah utilizza la pratica della fotografia e l’immagine in movimento per raccontare i mille volti della diaspora. I suoi sono scatti in cui documentario e saggi visuali si incontrano.

Segui Vashish Soobah qui.

12) Rosie Marks

Soprannominata già la “Vivian Maier della fotografia contemporanea”, la fotografa inglese scatta ogni sua immagine con il cellulare, alimentando un archivio spropositato di materiale digitale in cui l’umanità (e le sue stranezze) è la protagonista indiscussa.

Segui Rosie Marks qui.

13) Carl van der Linde

Il fotografo sudafricano di 27 anni gravita attorno ai propri soggetti naturalmente, individuando in loro una connessione con la propria pratica. Questi diventano i volti che accompagnano l’artista nel suo percorso tra una fotografia documentaria e un journal visuale, in cui si tesse un diario dei suoi viaggi attraverso le persone che l’hanno costellato.

Segui Carl van der Linde qui.

14) Barbara Arcuschin

Sarà pure nata in Argentina, ma la fotografa si sente una cittadina del mondo, e non ha paura di esplorarlo. La sua è una fotografia globetrotter, capace di stilare un’antologia dell’umanità che popola il nostro pianeta, senza mai cedere agli stereotipi o bias.

Segui Barbara Arcuschin qui.

15) Emma Hardy

Delicata, onirica, sognante: questo è il biglietto da visita della fotografia dell’artista inglese. Hardy utilizza le manifestazioni della dimensione emotiva per tracciare i profili di uno spazio domestico interiore, che a volte sembra contenere l’universo intero.

Segui Emma Hardy qui.

16) Tealia Ellis Ritter 

A volte, per scattare fotografie memorabili, non serve per forza viaggiare, scoprire luoghi incontaminati, documentare sottoculture o nicchie sociali. Anche il Connecticut più rurale può essere la palestra per fotograf* visionari, e la storia di Tealia Ellis Ritter lo dimostra.

Segui la fotografa qui.

17) I 21 fotografi brasiliani selezionati da MJOURNAL

Di quando Igi Ayedun—scrittrice ed editor nata e cresciuta a São Paulo, Brasile—ha stilato per noi una lista di quei fotografi emergenti brasiliani che operano e orbitano attorno a MJOURNAL, "la prima pubblicazione brasiliana ad essere fondata da persone di colore.” 

Scoprili qui sotto!

18) Roger Weiss

Arti distorti, posing plastico e altezze vertiginose. Per creare le proprie già iconiche immagini, il fotografo utilizza una tecnica precisa molto particolare. Ce ne ha parlato, raccontandoci di come questa sia diventata la valvola creativa per dare nuove interpretazioni formali al concetto di corpo femminile.

Segui Roger Weiss qui.

19) Francesco Frizzera

Classe 1992, il fotografo è nato a Rovereto, in Trentino, e ha sempre vissuto immerso agli spazi naturali incontaminati che lo circondavano. Da qui nasce una fotografia nostalgica ed emotiva, carica di quella tensione che lega l’uomo alla natura, e di quel senso di libertà che inevitabilmente sprigiona.

Segui Francesco Frizzera qui.

20) Anais Stupka

La più giovane vincitrice di un Sony Picture Award di sempre, (l’ha vinto nel 2016, quando aveva solo 12 anni), Anais Stupka ha già viaggiato moltissimo per la sua età, vivendo in GermaniaItaliaInghilterraSingapore e Stati Uniti. Un bagaglio visuale e culturale che l’ha portata a voler esplorare il mondo con la propria fotografia, di cui sta ancora gettando le basi per costruire una pratica personale e consapevole.

Segui la fotografa qui.

21) Jo Fetto 

Per il fotografo napoletano di base a Londra, la fotografia è il mezzo attraverso cui autodeterminarsi e indagare la propria identità attraverso una documentazione spontanea delle proprie sensazioni e dei legami che lo circondano. Una pratica intima, che ha permesso all’artista di instaurare nuove connessioni con territori e ambienti che credeva ormai troppo lontani.

Segui Jo Fetto qui.

22) Jenna Westra

Tra performance art, femminismo e female gaze, ecco dove sboccia l’immaginario della fotografa americana.

Segui Jenna Westra qui.

23) Florence Mann

Influenzata dagli immaginari delle campagne di moda degli anni Duemila, Mann ha sempre avuto un debole per la cultura visuale della moda. Così, da Stylist, inizia ad occuparsi delle immagini, per vertere poi dietro alla macchina fotografica. Nei suoi scatti gli abiti (o la loro assenza) giocano un ruolo fondamentale nel calibrare il tone of voice del suo immaginario.

Segui Florence Mann qui.

24) Riccardo Svelto

 Scattato sul litorale di Blankenberge, in Belgio, La Plage è l’ultimo progetto del fotografo italiano, una serie di ritratti che sfondano la parete della realtà per proiettarsi direttamente nel mondo ovattato e onirico dell’artista. Il risultato sono immagini che oscillano tra familiarità e universalità.

Segui Riccardo Svelto qui.

25) Arianna Genghini

Se “Ecofemminismo” avesse una soluzione formale, questa sarebbe il progetto Green Generation di Arianna Genghini, fotografa che incentra la propria pratica nel tracciare i contorni di una nuova fotografia femminista, che sappia riportare il corpo della donna alla natura, immortalandolo senza giudizi o preconcetti.

Segui Arianna Genghini qui.

26) Gloria Berenice Moreno e Pau Beckman Nielsen

Il duo di creator di base a Copenaghen sovverte i pregiudizi legati all’estetica queer, riscrivendo un panorama immaginifico di rappresentazioni uniche e autentiche, slegate da narrazioni imposte dalla società o dalla deriva del mainstream. Il risultato sono un omaggio all’identità fluida e alla sua espressione libera da costrizioni di genere.

27)  Ludovica Anzaldi

Con Human Range, la fotografa ha viaggiato in lungo e in largo per scattare donne di tutte le età, nazionalità, orientamenti ed estetiche personali. Con sguardo oggettivo e mai giudicante, la sua antologia diventa un diario di connessioni ed esperienze, un vero e proprio inno alla sorellanza.

Segui Ludovica Anzaldi qui.

28) Antonio Perrone

Il fotografo partenopeo ora di base a Berlino ha instaurato con il tempo un legame privilegiato con il continente africano, a cui si sente irrimediabilmente connesso. Da qui un percorso che lo ha portato (e continuerà a portarlo) a esplorare questi spazi, le persone che le abitano e le tradizioni che immortala nella speranza che non scompaiano mai.

Segui Antonio Perrone qui.

29) Heather Glazzard e Nora Nord

La macchina fotografica è sempre stata una parte integrante della relazione tra Nora e Heather. Conosciute durante la loro prima settimana del corso MA Fashion Communication alla Central Saint Martins, le creative hanno da subito iniziato a documentare la propria relazione alimentando un corpus di immagini che altro non è se non una densa e dolcissima lettera d’amore verso loro stesse, e l’amore che le unisce.

Segui Heather Glazzard e Nora Nord, qui e qui.

30) Lucia Buricelli

L’assurdità delle situazioni quotidiane prende una forma ancora più reale negli scatti di Lucia Buricelli. Ah, i suoi soggetti preferiti? Senza alcun dubbio, i piccioni.

Segui Lucia Buricelli qui.

31) Alessandro Inches

Tra una pandemia e le conseguenti restrizioni, si potrebbe pensare che la cultura rave abbia subito dei duri colpi. E se questo è pur sempre vero, ci ha pensato il fotografo italiano Alessandro Inches per raccontare e documentare le evoluzioni di questa cultura nel 2020.

Segui Alessandro Inches qui.

32) Olya Ivanova

Olya Ivanova da tempo viaggia nel continente russo e si fa strada negli angoli in cui tradizioni e rituali sembrano ancora intatti. Dove la postura è parte fondamentale del ritratto, e il vestito è quello “buono”. Il risultato sono scatti che sembrano appartenere a realtà secolari tanto quanto alla contemporaneità.

Segui Olya Ivanova qui.

33) Igor Furtado

Basta foto patinate e costruite. Igor Furtado racconta la Tailandia per come è: satura, futuristica, ed essenzialmente contraddittoria.

Segui Igor Furtado qui.

34) Emily Monforte

La fotografa americana scatta i propri soggetti immaginandosi le loro storie, che non devono necessariamente essere quelle reali. Nascono così personaggi bizzarri ma credibili, coperti da una sinistra patina di ironia che caratterizza la fotografia dell’artista.

Segui Emily Monforte qui.

35) Omofolarin Omolayole

Da Lagos alla Parsons di New York, il fotografo nigeriano traccia legami formali tra due città che, seppur lontane, condividono molto più di quanto ci si possa aspettare.

Segui Omofolarin Omolayole qui.

36) Anna Evstigneeva

Interpretare con una serie fotografica la teoria degli 8 archetipi della psiche umana elaborata da Jung si può, ma nessuno ci aveva pensato prima. Anna Evstigneeva, invece, l’ha fatto davvero.

Segui la fotografa qui.

37) Kata Geibl

La fotografa ungherese scatta immagini che sembrano provenire da epoche passate, luoghi sospesi in cui sono il corpo, il bianco e la luce a farla da padroni.

Segui Kata Geibl qui.

38) Haneem Christian

Per Haneem Christian, la fotografia è il veicolo attraverso cui celebrare l’identità queer e trans in tutta la multidimensionalità e fluidità. Con il suo progetto She, infatti, la fotografa ha immortalato la propria sorella River—un’artista queer e trans—per restituire una narrazione autentica della gioia e della libertà che contraddistingue l'esperienza delle donne trans.

Segui Haneem Christian qui.

39) Isabella Convertino

La quotidianità della fotografa americana—di base in Connecticut e New York—viene congelata attraverso scatti puliti e precisi, guidandoci verso un’universo in cui sembra dominare una calma sinistra, un silenzio assordante. Una tranquillità, sì, ma solo apparente.

Segui Isabella Convertino qui.

40) Shaun Pierson

Se vuoi dare il colpo di grazia alla tua serotonina, ci pensano le immagini di Shaun Pierson.

Segui il fotografo qui.


Segui i-D su Instagram e Facebook

Leggi anche:

Tagged:
fotografia di moda
talenti emergenti
fotografi emergenti
a new focus
fotografia documentaria