pietro

Ieri sera l'apertura del Club to Club era tutta per l'uomo del momento, quel timido romanticone di Chet Faker. Absolut e #C2C14 gli hanno organizzato un live all'Hiroshima Mon Amour e noi non potevamo mancare: vi presentiamo i tipi più interessanti che...

di Marta Stella
|
10 novembre 2014, 4:40pm

Alice Guarini

Ieri sera l'apertura del Club to Club era tutta per l'uomo del momento, quel timido romanticone di Chet Faker. Absolut e #C2C14 gli hanno organizzato un live all'Hiroshima Mon Amour e noi non potevamo mancare: vi presentiamo i tipi più interessanti che abbiamo incontrato a Torino.

Come ti chiami?
Pietro.

Quanti anni hai?
26.

Da dove vieni?
Sono nato a Torino, ma vivo in giro.

Cosa fai nella vita?
Freelancer tutta la vita. Studio cinese e faccio il modello a volte per sbaglio.

Cosa indossi?
Maglia e camicia Cos, sciarpa del nonno e un orecchino comprato in Cina.

Come mai sei qui stasera?
Perché sono uno dei magnifici 17 dello staff del Club to Club!

Cosa ne pensi della scena clubbing di Torino?
Non sono un vero clubber ma nei club torinesi mi sento sempre a mio agio, cosa che non accade in tutte le città. Poi a Torino c'è una vivissima attività di ricerca artistica, che interessa ovviamente anche il settore musicale su molti generi diversi.

Cosa ti viene in mente se ti dico la parola "trasformazione"?
Lo spazio.

Se potessi trasformarti in questo momento in qualsiasi cosa, in cosa ti trasformeresti?
In un uccello, ma solo per una paio d'ore perché probabilmente i vermi non mi piacciono.


Crediti


Foto Alice Guarini

Tagged:
Club to Club
#C2C14
torino
alice guarini