gaspar noé: l'amore è una droga

Abbiamo incontrato il regista più controverso della nostra generazione per parlare del suo ultimo film, Love.

di Piotr Czerkawski
|
01 settembre 2015, 8:35am

Il tuo ultimo film si intitola, semplicemente, Love. Come mai non hai scelto un titolo più complesso?

Perché? Sono sorpreso che non ci siano molti film con titoli come questo. Non molti registi deciderebbero di intitolare i loro film "Vita", "Cosmo" o "Umano". Forse solo Terrence Malick sarebbe abbastanza presuntuoso da farlo. Nel frattempo, continuiamo a pensare e a parlare dell'amore, stampiamo la parola amore sulle t-shirt… Ma ne siamo spaventati se è titolo di un film?

I tuoi eroi se ne escono con diverse definizioni di amore. Alcune ciniche, altre romantiche. Tu come definiresti l'amore?

Qualcuno una volta ha detto che "l'amore è come una droga pesante." E io sono d'accordo. Non è neanche qualcosa che ha a che fare con il collegamento che hai con una persona - riguarda il sentimento stesso. Puoi strafarti del tuo stesso desiderio, perché quando lo senti i tuoi ormoni impazziscono, come se fossi fatto. Un drogato si sveglia e pensa solo all'eroina - l'unica differenza è che con l'amore, non puoi smettere di pensare a quella ragazza. Scopi, vai al cinema, scopi ancora e ancora, e i tuoi impegni e le tue relazioni smettono di essere importanti. L'amore crea una fortissima dipendenza, e anche uscire da una relazione può essere duro come smettere con la droga.

Love mi ricorda Irréversible. Mentre il film va avanti noi andiamo indietro e indietro nel tempo, e guardando i protagonisti non siamo consci della loro sfortuna e delle cose che gli succederanno nel futuro.

Le idee che ho avuto per Irréversible, Love ed Enter The Void sono state tutte concepite più o meno nello stesso periodo. Mi interessavo soprattutto a Enter The Void, ma sapevo anche che sarebbe stato il più costoso da realizzare. E per questo motivo ho deciso di fare prima qualcosa di più economico. Avevo scritto un breve riassunto di Love, e poco dopo incontrai per caso Vincent Cassel in un club a Parigi. Era interessato e disse "forse io e Monica Bellucci potremmo interpretarlo?" Ero deliziato, e mi detti una mossa a scriverne il copione. Quando Vincent e Monica realizzarono che avrebbero dovuto fare sesso durante le riprese pensarono che io fossi matto. Ma vollero lo stesso lavorare con me, e quindi nacque Irréversible.

Il Protagonista di Love è un giovane regista, Murphy, ed è un po' uno stronzo narcisista.

Beh… Ok, lo ammetto. Murphy è un specie di parodia di me a più o meno 20 anni. Se fossi un po' meno talentoso sarei probabilmente proprio come lui. Parla un sacco della sua potenziale carriera ma non credo che sarebbe mai capace di fare un bel film, perché è abbastanza vuoto e non ha molti pensieri interessanti. Spero che sia questa la più grande differenza tra noi, perchè per un sacco di tempo ho pensato che la mia vita fosse corta e terribile e quindi avessi bisogno di uno pseudonimo. Ogni tanto mi presentavo alle ragazze come Murphy. Pensavo suonasse figo, inglese e avesse un'aria da regista.

Cos'altro hai in comune con Murphy?

Quando avevo la sua età i miei amici mi convincevano a fare un sacco di cose stupide. Per esempio mi dissero : "Dai, devi assolutamente provare a fare sesso con un travestito !" Abbiamo anche gusti molto simili in fatto di film. Amiamo entrambi Pasolini, Fassbinder e Kubrick. Credo che tu sia un po' troppo severo con lui.

Davvero?

Ok, lo so che ha un senso dell'umorismo particolare e che spesso fa battute sgraziate, ma chi non lo fa ogni tanto? E inoltre ha una passione per le droghe, e certe volte non sono la cosa giusta per lui. Io ho un sacco di amici che quando sono sobri sono molto dolci e gentili, ma che diventano intollerabili anche solo dopo un po' di liquore. Altri non hanno problemi con l'alcool, ma dopo aver provato le droghe la loro vita può trasformarsi in un inferno. Come un partner che all'inizio sembra perfetto ma che dopo un po', dopo una situazione estrema, rivela la sua vera natura.

A un certo punto Murphy dice alla sua ragazza:"spero che non faccia diventare nostro figlio un frocio." Non pensi che la gente possa trovarlo omofobico?

Beh, sicuramente qualcuno se la sarà presa, ma non è un mio problema. Mi ci sono abituato dopo Irrèversible. Non capisco cosa sia tutto questo clamore. Sono etero, ma non ho niente contro gay e lesbiche. La battuta di Murphy mi faceva solo ridere.

Mi piace molto la scena in cui Murphy e la sua ragazza invitano a casa loro la vicina bionda per fare una cosa a tre. Le chiedono la sua età, e lei dice "17.. quasi". Murphy, che è americano, risponde "mi piace un casino l'Europa !"

In Francia è legale fare sesso se hai 15 anni; io credo che in Spagna o in Olanda l'età sia ancora più bassa. Love è in parte una parodia dei film adolescenziali americani. Uso il 3D per raccontare una storia cliché in cui un ragazzo viene in Europa per fare il viaggio che lo farà diventare grande. Ma allo stesso tempo provo a mettere nel film tantissime cose che gli americani non oserebbero mai metterci.

Quindi quale film è riuscito a farti eccitare di recente?

Spring Breakers !! Finalmente un regista americano che non ha paura di mostrare che anche i ragazzi americani amano fare sesso. Sono perfettamente consci della loro sensualità e vogliono divertirsi.

Cosa ne pensi della pornografia tradizionale?

Credo che dovrebbe essere tolta dal suo stesso ghetto. Se i cinema ormai mostrano qualsiasi aspetto della nostra vita di tutti i giorni, perché abbiamo un problema così grande nel mostrare il sesso? Perché se voglio vedere due persone scopare devo andare su RedTube ?

Perché pensi che il sesso sia ancora così un tabù? Colpa della religione?

In parte si, credo. Cattolici ed ebrei sono ossessionati dal sesso, ma i peggiori sono i musulmani. Guarda cosa costringono le loro donne ad indossare. Ma la religione è solo una parte di un problema più complesso e più grande. La sessualità è una di quelle categorie, represse in molti modi. I genitori controllano la vita sessuale dei figli, i ricchi controllano la vita sessuale dei poveri. A me sembra tutto parte di un enorme sistema patriarcale, che, nonostante l'illusione della modernità, continua a rimanere piuttosto forte.

Secondo te c'è anche nel mondo del cinema?

Certo. Basta guardare alla censura. E alla base c'è il fatto che le autorità credono di avere il diritto di decidere cosa possiamo vedere. Ed è veramente arrogante. Questo genere di persone è lo stesso che ha impedito le proiezioni di Love in Russia. Ma c'è ancora speranza che l'intero sistema possa cadere grazie al potere di internet. Censure e avvisi sono insignificanti se un ragazzo qualsiasi può semplicemente andare in camera sua e trovare ciò che vuole in 5 secondi.

Quando hai girato Enter The Void hai detto che ti eri stancato di Parigi. Quindi perché ci sei tornato per Love?

A un certo punto iniziavo a sentirmi come quel tizio in Groundhog Day. Ogni giorno iniziava allo stesso modo, sapevo chi mi avrebbe chiamato e quando, potevo sapere in anticipo cosa che i tizi delle news mi avrebbero chiesto. Ma dopo essermi trasferito a Tokyo per girare Enter The Void, ho pensato che sarebbe stato okay tornare a Parigi. Ci sono un sacco di musei, di cinema, di posti da cui trarre ispirazione. Un sacco di miei amici vivono lì, e molti altri ci passano di tanto in tanto. Questo non cambia il fatto che dopo Love avrei voglia di cambiare aria per un po'. Mi piacerebbe molto andare in Africa per un paio di settimane, giusto per schiarirmi le idee.

Parli spesso del tuo distacco dal cinema francese conservatore e borghese. L'ambiente cinematografico parigino ti odia per questo?

Non credo. Dico soltanto che c'è un tipo di film francese che per me è estremamente noioso. D'altro canto ci sono registi francesi che adorerò per sempre. Ad esempio Jean Vigo, Jean Eustache o Jean-Luc Godard.

Un'ultima cosa, sei d'accordo con la ragazza di Love che dice che "non c'è niente di meglio del sesso dopo l'eroina" ?

Non so se non ci sia niente di meglio, però l'ho provato qualche volta e ammetto che sia stato sempre molto piacevole. Ma l'MDMA e l'eroina assieme sono ancora migliori. Ti giuro, ti sembra di essere con due ragazze allo stesso tempo !

Crediti


Testo Piotr Czerkawski

Tagged:
gaspar noe
Cultură