buffy l’ammazzavampiri è la migliore serie tv di sempre

Punto.

di Tish Weinstock
|
08 marzo 2017, 9:15am

Sono passati 21 anni dalla messa in onda del primo episodio di Buffy l'Amazzavampiri, eppure sembra ieri che ci aggiravamo tra cimiteri e cripte con Buffy, Willow, Xander e il resto del gruppo, il buon vecchio Giles qualche passo dietro di noi a mormorare incantesimi sottovoce. Li abbiamo seguiti senza fare domande, tra alti e bassi, quando Willow ha scelto di passare al lato oscuro e quando Spike invece si è redento. C'eravamo anche per lo spinoff Angel, che faceva schifo, ma noi eravamo spettatori leali e non ce lo potevamo perdere. Ad un tratto, è arrivato il giorno in cui una Bocca dell'Inferno si è finalmente aperta e ha inghiottito Sunnydale, lasciando finalmente Buffy libera di avere un'esistenza normale e costringendoci a tornare alle nostre vite reali. Certo, non è stata una passeggiata, ma alla fine l'abbiamo superato. Il tempo cura ogni ferita, e quello che ci è rimasto sono solo bellissimi ricordi. Così belli che abbiamo deciso di condividerne alcuni con voi lettori per celebrare la serie TV che ha cambiato le nostre vite.

Ragazzi fighi
Che vi piacciano i capelli scuri o i biondini, i vampiri o i demoni, i bravi ragazzi o gli intellettuali, quando si tratta di personaggi maschili in Buffy l'ammazzavampiri ce n'è davvero per tutti i gusti. Angelus, o Angel per gli amici, è il tipo giusto per voi se siete attratti dalle creature della notte. Alto, scuro, bello e che sembra non invecchiare mai, Angel fa per voi se non vi piace andare a letto al primo appuntamento. A dirla tutta, meglio non andarci proprio a letto con lui, vista la sua tendenza a trasformarsi in un demone dopo aver raggiunto l'orgasmo. E no, con demone non intendiamo lo stronzo di turno che non ti chiama per una settimana, no, intendiamo quello che ha istinti da cannibale.

Poi c'è Spike, il biondino ossigenato con l'aria da bad boy e una passione per gli indumenti in pelle a cui piace passeggiare a lungo durante la notte, assassinare gli ammazzavampiri e bere sangue umano. L'abbraccio tenero e affilato dei vampiri non fa per voi? Non temete, c'è sempre il perdente di turno, Xander, o il lupo mannaro-musicista emo Oz. Insomma, cosa si può volere di più? Per quelle cercano un tipo più secchione, c'è il bibliotecario di giorno-Osservatore di notte Giles con i suoi capelli brizzolati. Probabilmente, l'unico personaggio della serie che è invecchiato nel corso delle sette stagioni. Oh, poi c'era Riley. Il dolce, sensibile, leale Riley - il ragazzo perfetto per Buffy, lo studente-soldato che sapeva cavarsela con le armi ed essere sexy indossando stampe militari. Insomma, non avete che l'imbarazzo della scelta.

L'inimitabile stile di Buffy
Gli anni '90 vi stanno chiamando, rivogliono indietro il loro guardaroba. Dai cool kids di Tumblr agli skater vestiti Supreme da testa a piedi, la moda anni '90 non ha mai smesso di affascinarci. Chi è alla ricerca d'ispirazione dovrebbe semplicemente guardarsi qualche puntata di Buffy l'ammazzavampiri. Dal momento in cui l'abbiamo incontrata sui gradini del liceo di Sunnyvale è stato amore al primo outfit: canottiera bianca abbinata a un cardigan a maniche corte color carta da zucchero, una minigonna marrone e stivali abbinati. Il tocco di classe? La pinzetta bianca tra i capelli. Era carina, ma sotto sotto diceva "sono un'ammazzavampiri." Con il passare delle stagioni l'abbiamo vista abbandonare le minigonne per un look più grunge, caratterizzato da camice di flanella e salopette. Poi c'è stata la fase degli abiti in pelle: pantaloni rossi e canottiera nera vi dicono niente? Al suo ritorno a casa abbiamo assistito all'ennesimo cambio di look: un vestito rosso con bretelle una tiara tra i capelli e un fucile tra le mani. Anche l'ultimo outfit scelto per l'ultimo episodio è stato indimenticabile: mentre la Bocca dell'Inferno inghiottiva Sunnydale, Buffy non ha perso il suo stile presentandosi in jeans a zampa, top bianco e giacca in suede, scegliendo come accessori qualche traccia di sangue e un'ascia. Come dicevo, indimenticabile.

L'amore gay
Proprio come Buffy e Angel, Angel e Darla, e stremante, Buffy e Spike, anche Willow e Tara verranno ricordate come una delle coppie più romantiche della storia della televisione. Certo, sin dall'inizio sapevamo che non sarebbe andata a finire bene, ma è stata comunque una relazione impossibile da cancellare dalla memoria degli spettatori. E la storia della televisione l'ha fatta davvero: è stata la prima coppia dichiaratamente lesbica a comparire regolarmente in uno show in prima serata negli Stati Uniti. Era bello, non ho altre parole per descriverlo. Era l'amore tra due timide donne con una passione per la stregoneria che insieme mormoravano romantici incantesimi. Dolci, tenere, e anche un po' noiose quando si tratta di principi morali, la loro storia ha iniziato a incrinarsi quando Willow ha deciso di approfondire le sue capacità magiche, salvo poi diventarne dipendente. E qui, Tara ha deciso di lasciarla. Certo, sono tornate insieme, ma solo per rendere ancora più struggente la scena in cui Warren, leader del Trio e genio del male, uccide Tara sparandole al cuore, che morirà poi tra le braccia di Willow, scatenando la sua ira più funesta. Se non è questo il romanticismo, allora non ho idea di cosa possa esserlo.

Il musical
Il mondo non sarebbe un posto migliore se vivessimo in un musical, dove per parlare dei nostri sentimento potessimo usare solo allegre canzoncine? Lol, ovviamente no. Ma questo non è stato il caso dell'episodio La vita è un musical, in cui Buffy e gli altri personaggi sono colpiti dall'incantesimo di un demone in completo elegante e scarpe da tip-tap che li costringerà a dover cantare se vogliono esprimere i loro veri sentimenti. Perché? Onestamente, non me lo ricordo, però credo abbia qualcosa a che fare con l'essere troppo sinceri come causa di morte prematura. Una lezione che tutti impariamo, prima o poi. Specialmente in quei venerdì sera al pub, sorseggiando il quarto o quinto aperitivo. Personalmente, credo sia stato uno dei migliori episodi di sempre, insomma, c'è addirittura Spike che si cimenta inRest in Piece e Buffy che canta la struggente Something to Sing About.

Femminismo
Anni prima di Beyoncé, Buffy l'ammazzavampiri ha narrato la storia di una giovane ragazza dotata di super poteri che lotta contro la brutalità di demoni solitamente di sesso maschile. Buffy era una vera dura. Non si tirava indietro di fronte al pericolo e ha addirittura ucciso l'amore della sua vita per poter salvare il mondo. Pensandoci meglio, tutti i personaggi femminili della serie erano delle vere badass: Faith, Kendra, Anya e le altre Cacciatrici in Allenamento (tutte donne ovviamente, tutte fottutamente fiere della loro mentore Buffy). Ok, Dawn non era un granché, ma alla fine non era neanche una persona reale. Il personaggio femminile migliore era senza ombra di dubbio Anya, un ex demone che rifiutava di seguire gli ordini di chicchessia. Odiava i conigli e pensava che Martha Stewart fosse una strega. "Nessuno può fare tutto quel decoupage senza avere dei poteri magici." Cosa si può volere di più da una serie TV?

Crediti


Testo Tish Weinstock

Tagged:
cinema
Best Of
femminismo
Buffy
serie tv
buffy l'ammazzavampiri
storia della televisione