35 modi in cui è cambiata new york dal 1980

Diamo un’occhiata ai modi in cui NYC si è evoluta da quando nel 1980 è nato i-D.

di i-D Staff
|
21 luglio 2015, 3:25pm

Quando Terry e Tricia Jones hanno creato i-D è nel 1980 come zine reazionaria, il mondo era un posto molto difficile. Non c'è bisogno di menzionare il fatto che non c'era Internet, ma non c'era neanche MTV, la fecondazione assistita, il 3-D, il Prozac, e i virus del computer (davvero). La madre di Justin Bieber aveva 4 anni. Guardiamo come è cresciuta New York durante l'era di i-D.

1. Potevamo permettercela.
Chiunque viva a New York ha sentito molte storie irritanti sulla zia di qualche artista figo che aveva un loft da 3000 dollari su Crosby Street. Negli anni '80, l'affitto medio era 1700 dollari al mese, che suona ancora un po' caro a essere sinceri, ma non è nulla in confronto ai 3500 dollari di oggi e le situazioni assurde con i compagni di stanza.  

2. La metropolitana non fa più (tanta) paura.
Nelle foto iconiche di John Conn della metro nei primi anni '80, ci sono coltelli e suore aggressive. Puzzava di urina (okay ancora oggi). Ma era anche il covo di fantastici graffiti di artisti come Keith Haring e Fab 5 Freddy. Oggi i treni hanno dei cartelli, come quelli di Singapore, che informano le donne di non spazzolarsi i capelli e gli uomini di non aprire le gambe.

3. Essere un broker è molto meno sexy.
Ricordate quando lavorare a Wall Street sembrava qualcosa di cool? Adesso non tanto.

4. Non abbiamo più furetti come animali domestici (spero).
Il sindaco Giuliano ha bandito i roditori nel 1999, e De Blasio non è riuscito ad annullare il decreto quest'anno.

5. Non pensiamo che i pattini siano un mezzo di trasporto accettabile, o divertente. Anche se una volta lo erano.

6. I gettoni della metro erano di moda. Ora utilizziamo Metrocard convenienti di cui Jay Z ignorava l'esistenza fino a poco fa.

7. Rischiamo meno di essere ammazzati (evvai!)
Sono stati registrati 328 assassinii nel 2014 rispetto ai 1814 del 1980.


Foto John Blower via Flickr

8. Non ci sono più cabine telefoniche. A parte una, a Union Square, che uso regolarmente quando il mio telefono muore. C'è il progetto di trasformarle tutte in hot spot wi-fi. Ma poi come chiameremo i ghostbusters?

9. Chinatown era abitata solo dai cinesi, e non c'era posto per comprare cibo vegetariano gourmet o Jil Sander.
Vedete?

10. Potevi rimorchiare qualche uomo figo e pericoloso a Central Park. Stando al film di Al Pacino Cruising. Ora puoi rimorchiare mamme fighe con i passeggini.

11. Potevi fumare ovunque. Compreso alla tua scrivania. Ora puoi fumare solo a casa, o per strada.

12. Questa è di mia madre, che viveva a New York negli anni '80:
"Tutti avevano un assistente. Chi rispondeva al telefono, che suonava sempre. Nessun messaggio registrato negli uffici. Quello era l'anno in cui iniziavano ad apparire le segreterie, ma MAI al lavoro. Era una cosa brutta e così da inferiori non avere qualcuno che rispondesse al telefono per te." (Torniamo al 2015: Non ho un'assistente, e nemmeno una segreteria).

13. Non c'era il sushi. Beh c'era UN ristorante di sushi, Hatsuhana. Ma nessuno lo sapeva. E ora puoi ordinare sushi nei luoghi più remoti di Brooklyn. Con mozzarella dentro.

14. Studio 54 ora è un teatro. E' probabile che tua nonna se ne sia andata durante una puntata di Cabaret esattamente nello stesso luogo in cui Truman Capote è morto sul palco nel momento di massimo splendore del club.

15. Le tazze di caffè erano così e ora sono così.

16. Potevi comprare un Basquiat per pochi dollari - se lo incontravi per strada che vendeva i suoi disegni. Oggi varrebbe  49 milioni di dollari.

17. Woody Allen è passato da eroe di città a criminale controverso e a una specie di bleh. Nel 1980 Allen aveva appena iniziato la sua relazione con Mia Farrow, ed era fresco del successo del suo capolavoro Manhattan. Nei seguenti 35 anni sarebbe diventato un presunto molestatore di bambini e avrebbe fatto più di 38 film, alcuni belli altri brutti. Ora è un papà dell'Upper West Side che indossa chinos e porta sua figlia a giocare nei Knicks.

18. L'esercizio fisico è passato da non esistente a stile di vita. Alcune persone degli anni '80 facevano jogging a Central Park, spesso indossando shorts in jeans. Gli inverni erano fatti per sciare, con jeans lunghi. 

19. I media sono stati conquistati dagli editori inglesi.
Quando Terry Jones ha lasciato British Vogue per iniziare i-D, Anna Wintour stava ancora lavorando al suo ora defunto Savvy, e Tina Brown editava Tatler nel Regno Unito. Quelle donne, assieme a Glenda Bailey, avrebbero preso il timone dei magazine più importanti di NYC.

20. I sex club sono in discesa.
Il distretto dell'industria della carne era quel luogo in cui andavi per provarti il tuo nuovo anello per il pene, ora l'ultimo modello di Jeffrey Campbell. Il leggendario Playpen di Times Square è ora Shake Shack. La crisi dell'AIDS si è bloccata e le orge si fanno al coperto.

21. Ma le cimici da letto sono in crescita. Le succose piccole bestioline erano davvero problematiche nel periodo tra la seconda guerra mondiale e gli anni '80, ma sono tornati alla grande grazie all'aumento dei viaggi internazionali.


Foto Wally Gobetz via Flickr

22. Bowery.
Lasciamo la situazione com'è.

23. Brooklyn è diventato figo.
Jay Z ci è cresciuto sniffando coca e infilandosi in risse a mano armata con suo fratello nello stesso quartiere di Bedford Stuyvesant che ha ora degli eleganti negozi di design e ville da 5 milioni di dollari. Il quartiere generale di Hillary Clinton è a Brooklyn Heights e l'icona di East Village Chloe Sevigny si è spostata a Park Slope.

24. Ci sono centinaia di negozi 7-11 a Manhattan oggi (anche a Bowery, vedi #22) vs. nessuno degli anni '80.

25. I club erano davvero divertenti.
Limelight, Danceteria, e Area erano tutti dei mega club ma secondo quanto si dice erano estremamente divertenti. Oggi, i giovani preferiscono andare nei bar del quartiere, o ballare sobri prima del lavoro. 

26. La gente pensava che la coca fosse stupenda. E poi è arrivato il crack, raggiungendo il picco alla fine degli anni '80 (guardate il terrificante documentario di Eugene Richard Cocaine True, Cocaine Blue). Ora, i ragazzini e gli artisti a Staten Island sono tornati tragicamente all'eroina.

27. Le persone chiamavano davvero i taxi fischiando.
Come saprete probabilmente se avete visto un film degli anni '80. Ora prendono solo Uber.

28. I giovani sognatori arrivavano in città con i bus Greyhound.
O per lo meno lo facevano in 'New York State of Mind' di Billy Joel e in Desperately Seeking Susan. Il mito del bus è rimasto fino a che la gente non ha iniziato ad aver paura di essere decapitata andando a Broadway.

29. Il cabaret sono decisamente meno fighi.
Caroline del famoso club Caroline's ha definito il cabaret la "roccia degli anni '80". Caroline's e il leggendario Improvisation club ospitavano leggende come Richard Pryor e Eddie Murphy in una scena che divenne ancora più incredibile che Louie C.K. con il suo fisico da papà alla Comedy Cellar.

30.Tutto sembra più pulito. Guardate le foto a confronto di Larry Racioppo per averne la prova.

31. Era davvero da sfigati andare a vivere a LA.
Nonostante Goodbye to All That (1967). Ora tutte le persone che si proclamano "creative" vanno là, il che va benissimo.

32. La moda si è spostata dai quartieri alti a quelli bassi. Prima di Opening Ceremony c'era Fiorucci. Chiamato "lo Studio 54 del giorno", l'iconica 59esima strada ispirò il giovane Marc Jacobs a entrare nella moda. 

33. Meno mimi. Guardate il bellissimo film sperimentale di Rick Liss dei primi anni '80 a New York per avere un'idea della città a quel tempo, inclusi i mimi in azione e la vista inquietante delle torri gemelle.

34. Sarah Jessica Parker è cambiata.
Ma davvero tanto ragazzi. E' passata da cantare nei panni di Annie a Broadway nell'anno 1979-80 a fare vestiti ornati di ostriche e look con patatine fritte in Sex and The City ad essere una delle tante mamme del West Village. La carriera di SJP rispecchia in un certo senso l'evoluzione della città da luogo senza fronzoli, ideale per far risplendere giovani talentuosi, al centro materialista dell'intero universo fino a parco giochi per mamme milionarie. 

35. Siamo più nostalgici che mai.
Ovviamente. Un blog come Jeremiah's Vanishing NY sarebbe esistito negli anni '80?
New York city è cambiata un sacco (duh). Ma c'è anche una buona probabilità che sia rimasta la stessa: puoi ancora vedere un film insolito all'Anthology Film Archive, limonare a South Street Seaport come Alvie e Annie, prenderti un egg cream al Gem Spa o un buon martini all'Odeon (anche se di questi tempi senza una riga ci coca). È ancora una figata.

Crediti


Immagine principale Tom Thai via Flickr