supreme vince in tribunale: la versione italiana è contraffazione, non legal fake

Tempi duri per Supreme Barletta.

|
gen 25 2018, 2:22pm

Aggiornamento: una precedente versione dell'articolo affermava erroneamente che il Tribunale di Milano avesse emesso una sentenza di carattere definitivo. Trattandosi invece di un'ordinanza ed essendo questa non completamente risolutiva, l'articolo è stato modificato di conseguenza, su richiesta di Supreme IBF.

Secondo Aggiornamento: una precedente versione dell'articolo riportava la notizia del sequestro di oltre 120.00 capi da parte del Tribunale di Milano. La decisione è stata successivamente revocata dallo stesso organo, che ha ordinato il dissequestro della merce.

La diatriba sul legal fake tra Supreme e il suo corrispettivo Made in Italy continua con l'ordinanza del Tribunale di Milano, che parla di "distribuzione di capi contraffatti da parte di Supreme, Supreme Kids e Supreme Italia"; tuttavia, come indicato dai legali di IBF, la vicenda non è comunque risolta in via definitiva.

Conosciuta su internet anche come Supreme Barletta, l'azienda italiana commercializza da tempo capi in tutto e per tutto simili a quelli del brand di streetwear newyorkese giocando sulle sottigliezze del cosiddetto legal fake. A spiegarci come funziona è Mattia Salvia su VICE già nel 2016:

Per quanto possa sembrare buffo, l'esistenza di Supreme Italia—che ha registrato il marchio nel nostro paese e produce magliette con un logo e un font diversi ma abbastanza simili a quello dell'originale da ingannare un occhio inesperto—è perfettamente legale. Supreme, infatti, non ha mai registrato il marchio nel nostro paese. Per cui, nella pratica, Supreme Italia è un'altra azienda che per caso si chiama come un'azienda americana dello stesso settore e i cui prodotti sono per caso simili a quelli di Supreme. Da qui il termine "legal fake" per riferirsi a Supreme Italia—anche nota come Supreme Barletta tra gli appassionati del marchio.

E proprio mentre si intensificano i pettegolezzi sulla possibile apertura di uno store a Milano, il brand nato a NYC decide di chiedere (e poi ottenere) tutela in sede cautelare nei confronti di Supreme Italia per "attività di contraffazione e di concorrenza sleale." L'impresa italiana infatti "aveva distribuito indumenti recanti la pedissequa riproduzione del segno Supreme e caratterizzati, più in generale, dalla ripresa degli stili, dei colori e delle forme dei capi originali" come si legge nell'ordinanza.

La decisione del Tribunale di Milano conferma in primo e secondo grado la contraffazione di merci da parte di Supreme Barletta. Le collaborazioni del Supreme "originale" con altri brand di rilievo come Nike, The North Face, Louis Vuitton e Stone Island, la presenza di testimonial piuttosto celebri e, più in generale, l'essere ormai un fenomeno di comunicazione globale, fanno sì che la notorietà del marchio sul piano internazionale si traduca in "riconoscibilità del segno" e tolga dalla zona grigia del legal fake i suoi corrispettivi italiani. Insomma, Supreme è per la legge italiana troppo conosciuto per avere un omonimo.