Bebe on Her Balcony, dalla serieGeorgian Queer Sexuality

"i giovani qui se ne fottono"—immagini della comunità queer georgiana

Com'è essere gay in Georgia? Difficilissimo, certo. Ma c'è chi vuole cambiare le cose, come il fotografo queer Lasha Fox.

|
05 novembre 2018, 11:50am

Bebe on Her Balcony, dalla serieGeorgian Queer Sexuality

Il fotografo Lasha Fox Tsertsvadze è nato e cresciuto a Tbilisi, capitale della Georgia. Nudità maschile, femminilità, bellezza e non eteronormatività sono temi che farebbero rizzare i capelli a qualsiasi patriarca georgiano, e sono proprio questi i temi che Lasha esplora nel suo lavoro di "fotografa queer". Sebbene non esista una definizione singolare, con questa espressione si indica generalmente un professionista con una visione radicalmente nuova su genere, sessualità e corpi. Nel lavoro di Lasha questo aspetto acquista ancor più rilevanza, perché l'omofobia in Georgia è ancora molto diffusa.

Nel 2013, ad esempio, migliaia di georgiani hanno messo fine con la violenza a una protesta LGBT pacifica. All'inizio del 2018 invece, 500 coppie eterosessuali si sono sposate in pubblico durante una manifestazione contro l'omofobia e la transfobia, ma solo una manciata di manifestanti LGBT ha avuto il coraggio di scendere in piazza. In questo clima politico, Lasha è praticamente l'unica fotografa del suo genere in Georgia.

Ma Lasha si rifiuta di avere paura. "Non sono mai stata picchiata, probabilmente perché sono estremamente fiduciosa e tranquilla in quello che faccio," dice. Questo atteggiamento traspare anche nel suo lavoro. Con un occhio attento per la moda degli anni '90—quella a cui il celeberrimo designer georgiano Demna Gvasalia si ispira—Lasha offre uno sguardo interessante sulla giovane comunità queer della Georgia. Così la abbiamo incontrata nella sua città natale, Tbilisi, per parlare dell'attivismo queer e della mentalità "fottuta" della gioventù georgiana.

1539207223314-lasha1
"Me and My Boyfriend," autoritratto della serie Georgian Queer Sexuality.

Ciao Lasha, cosa ti ha spinto a iniziare a fare fotografie queer?
Viaggio da quando avevo 16 anni, ma sempre su una base molto low-key. Nel 2016 sono stato in Danimarca per otto mesi, dove dovevo scattare alcune noiosissime foto per un progetto scolastico. Quell'esperienza mi ha dato sacco di tempo per pensare a quello che volevo davvero fare una volta tornato in Georgia. Non avevo progetti ben definiti, ma conoscevo molte persone che erano interessate a farsi fotografare nude.

Così dopo un anno ho realizzato la serie Giorgi [la prima mostra fotografica queer in Georgia, tenutasi nel marzo 2018]. Nessuno aveva mai fatto un lavoro fotografico simile nel mio paese, quindi ho pensato che sarebbe stata una grande opportunità per me e per il resto della società. Non ho paura nel dire queste cose, né mi sento in imbarazzo. Non nascondo mai la mia identità. Tutte le persone intorno a me lo sanno già in ogni caso: sono un frocio.

1539207691307-mishel
"Mishel on His Balcony," dalla serie Georgian Queer Sexuality

Come descriveresti il tuo stile?
È difficile dare una definizione a quello che faccio. Finché aumenta la visibilità della comunità LGBT e mostra qualche tipo di vulnerabilità, per me va bene. Scatto ritratti di nudo, ma fotografo anche i giovani con abiti usati che hanno un aspetto più colorato e speciale del georgiano medio. Scelgo anche modelli non binari, persone che con la loro esistenza stanno cambiando la società in cui viviamo. Uno dei miei amici più cari mi definisce come "documentarista di moda". Credo di avere una sensibilità particolare per l'estetica, anche se a volte è difficile guardare oltre ciò che io chiamo "fascismo estetico". A volte ho davvero bisogno di sforzarmi per vedere la bellezza in un soggetto.

1539207771340-self
Self-Portrait Which Represents My Vulnerability and Strength [Autoritratto che rappresenta la mia vulnerabilità e forza, NdT]

Che cosa intendi con "fascismo estetico"?
Sono cresciuto in Georgia, dove persiste un ideale di bellezza maschilista e macho. Per allontanarmi da questo canone ho dovuto lavorare moltissimo. Due mesi fa, ho postato una mia foto online in cui sono truccato. La didascalia era: "Mi scuso con ogni uomo femminile che rifiutato, bloccato o ignorato".

1539207944187-temo
"Temo in His Room With His Golden Fishes," dalla serie Georgian Queer Sexuality

Come si applica questo concetto al tuo lavoro di fotografo?
Cerco di spingere le persone a mostrarsi per chi sono veramente, e di non indebolire il loro corpo e la loro identità nei miei scatti. Naturalmente, il primo modo per fare ciò è essere io stesso un esempio: con i miei autoritratti nudi, ma anche fotografandomi con un rossetto rosso acceso mentre sono in metropolitana e poi condividendo nelle storie di Instagram le reazioni della gente che incontro per strada. Credo davvero che sconvolgere le persone essendo estremamente diverso da loro sia un modo per rendere più facile la vita alle persone che sono "un po' diverse". Se le persone vedono un ragazzo con un orecchino dopo avermi visto, diranno: "Va bene, ho visto di peggio". Normalizzare è il primo passo.

1539208037521-david-mate-nini-levau
"David, Mate, Nini, Levau," dal progetto Don't Worry About Kids

Che tipo di reazione ottieni quando mostri il tuo lavoro in Georgia?
Ho guadagnato un bel po' di fan, ma a parte questo non ho ricevuto molti feedback. Anche se sono abbastanza sicuro che la maggior parte dei georgiani sarebbe assolutamente disgustata dal mio lavoro, se mai lo vedesse. C'è un mio autoritratto che è stato condiviso così tanto online da essere arrivato sulle homepage di persone che non condividono la mia visione della vita, e che ovviamente non hanno il mio messaggio. Ho ricevuto centinaia di commenti come "Questo è orribile", "Gli uomini georgiani devono essere mascolini", "Gli uomini non dovrebbero truccarsi", e via di seguito. Comunque, inizierei volentieri una conversazione con ognuno di loro, magari chiedendo: "Perché la pensi in questo modo?", "Cosa sto facendo di sbagliato secondo te?", "Perché il rossetto mi rende meno uomo?", "Perché mi insulti per il modo in cui mi esprimo?". Quando l'ho fatto, la gente non sapeva come rispondere, perché si aspettavano insulti, non domande.

1539208099166-natia
"Natia," dal progetto Don't Worry About Kids

Il tuo stile personale ti rende difficile trovare lavoro come fotografo?
A volte può essere abbastanza difficile essere un fotografo freelance e queer. Non ci sono assolutamente soldi qui per il tipo di attivismo queer in cui sono coinvolto. Ricevo più richieste da parte di persone stranieri interessate all'acquisto delle mie fotografie che dalla gente del posto, e quindi la mia prima pubblicazione georgiana è avvenuta solo di recente, mentre il mio lavoro è già finito su alcune riviste berlinesi, come ad esempio Pornceptual e Post Pravda. I miei amici a volte mi raccomandano come fotografo per conferenze, ma raramente poi vengo invitato, probabilmente perché hanno dato un'occhiata al mio Instagram.

1541418011867-lasha_fox_self_portrait
Self-Portrait (Womb Vampire)

Come fai a convincere le persone a posare nude per te in un paese così conservatore?
Se si tratta di donne non è un problema, perché la gente non è contro il nudo femminile, ma lo stesso non si può dire dei corpi maschili. All'inizio ho iniziato a cercare modelli all'interno del mio gruppo di amici, persone che sono apertamente gay, queer, o magari solo anticonformisti. Questo si è rapidamente esteso agli amici dei miei amici e agli uomini conosciuti su Grindr. Ad un certo punto sono andato al gruppo Facebook di Horoom [Horoom è il nome delle feste gay a Bassiani, il più grande club techno della Georgia, NdT] e ho scritto un post in cui dicevo che stavo cercando dei modelli. Quel post ha guadagnato così tanta attenzione che ho anche dovuto fare una lista d'attesa per tutte le persone che erano disposte a posare per me. È incredibile che, nonostante la società qui sia così conservatrice, la gente abbia in realtà voglia di farsi fotografare senza veli. La gioventù georgiana ha davvero una mentalità da "fanculo, non mi interessa".

lasha_fox

Cosa c'è nel futuro di Lasha Fox?
In questo momento sto lavorando a un progetto sugli ideali di bellezza, la positività del corpo e le donne anziane. Ma soprattutto, voglio continuare ciò che sto facendo in questo momento, diventando così bravo, che i clienti accetteranno le mie fantasie per quello che sono, e non potranno più ignorarmi.

Segui Lasha Fox su Instagram. Sul suo Tumblr, invece, trovi tutte le immagini senza censura.

1539208182562-natia-2
1539208201325-1538991747749-New-project-about-Beauty-standarts

Questo articolo è apparso originariamente su i-D Netherlands.

Segui i-D su Instagram e Facebook.

E in Italia? Ne parliamo con Yufeng Yang: