​secondo nick knight la censura su instagram è roba da medioevo

Knight ha mostrato il suo supporto per una fotografa donna che ha dovuto censurare tutti i suoi autoritratti senza veli.

|
11 novembre 2015, 10:06am

@erotic_n_texas

Il leggendario fotografo Nick Knight ha postato un'immagine sul suo account Instagram usando @erotic_n_texas come esempio per affermare che i social media dovrebbe smetterla di censurare l'immagine del corpo femminile. Il profilo citato è pieno di fotografie senza veli ma con parti intime e capezzoli accuratamente censurati. @erotic_n_texas ha dichiarato in uno dei suoi ultimi post, "Sono stata segnalata per la seconda volta," e Knight ha commentato: "Hai la mia stima @erotic_n_texas, non capisco proprio perché vogliano censurare il seno di una donna! Stanno demonizzando il corpo femminile. Bisognerebbe essere orgogliosi del proprio fisico e non vergognarsi."  

Come molti fotografi di moda, Knight immortala le forme femminili in modo artistico, raffinato e celebrativo, perciò è facile intuire perché si stia schierando contro le regole patriarcali del social network. Ha fatto uno screenshot dei suoi commenti per poi parlare della faccenda sul suo account: "Questo è per te @erotic_n_texas e per tutti coloro a cui vengono censurati i profili. Non so per quanto potrò rimanere su una piattaforma con queste regole. Basta censurare i corpi delle donne! Dovremmo far tutti parte di una società intelligente e illuminata. Tutto ciò è da medioevo. Il sesso non è peccato e uomini e donne dovrebbero essere incoraggiati a sentirsi orgogliosi dei propri corpi e non a vergognarsene."

Il dibattito continua, ma Instagram ha ribadito che non cambierà le cose. Tutte le app dell'App Store app sono destinate ad un determinato pubblico con una specifica età. Se Instagram si aprisse a immagini esplicite di nudo, allora l'età richiesta per scaricare l'app dovrebbe passare dal 12 ai 17 anni, perdendo così un immenso bacino di utenti. Forse è giunto il momento per i sostenitori di #FreeTheNipple di lasciare da parte Instagram e affrontare direttamente Apple, e capire qual'è la loro definizione di "esplicito"...