Immagine a sinistra di Simona Mazzara per gentile concessione di Fluidae; immagine di Fabrizio Milazzo per gentile concessione di RES.IN 

15 gallerie, progetti e hub culturali a Palermo che dovresti conoscere

Spazi espositivi, collettivi di musica sperimentale e centri di produzione creativa: ecco alcune delle realtà che stanno plasmando il panorama culturale locale.

di Carolina Davalli
|
30 giugno 2022, 7:41am

Immagine a sinistra di Simona Mazzara per gentile concessione di Fluidae; immagine di Fabrizio Milazzo per gentile concessione di RES.IN 

Apparentemente isolata e slegata da quelli che comunemente—ed erroneamente—percepiamo come gli epicentri della produzione culturale e artistica nazionale (tipo Milano o Roma), Palermo è in realtà una città dinamica e tesa, depositaria di stratificazioni storiche massicce e crogiolo di movimenti culturali.

Dal tessuto urbano in costante fermento, soprattutto per quello che riguarda la controcultura, la scena underground e la comunità queer, Palermo è casa di molte onde d’urto culturali che da lì si propagano su tutto il territorio siciliano, fino al continente.

Per celebrare il retaggio culturale della città e offrire una panoramica dei progetti, delle gallerie e delle community che alimentano la scena creativa e artistica locale, abbiamo passato in rassegna 15 realtà che fanno della sperimentazione tra pratiche, dell’esplorazione creativa e della condivisione culturale il proprio credo.

Fluidae

fluidae collettivo musiciste dj palermo
Fotografia di Simona Mazzara dal party "Destination Babetown" di Fluidae

Nato con l’obiettivo di sensibilizzare sul tema della parità di genere ed esplorare in maniera critica le dinamiche che ancora oggi minano l’ingresso per donne e persone queer nell’industria musicale, Fluidae è un collettivo e piattaforma online alimentata dalle esperienze e pratiche di professioniste creative femminili, queer e non-binary della scena underground (e non solo) siciliana. “Streghe, fate, pastorelle: persone capaci di narrare esperienze ed emozioni attraverso un linguaggio ironico,” si legge sul loro manifesto, ecco chi c’è dietro allo spazio di interazione Fluidae, un luogo in cui la sperimentazione fluida delle pratiche sonore diventa condivisione di capitale culturale, interazione tra discipline ed emancipazione creativa.

Segui Fluidae su Instagram qui.

Cantieri Culturali alla Zisa

Immerse nel quartiere della Zisa, le ex Officine Ducrot sono state un centro nevralgico di sperimentazione e innovazione della città per oltre un secolo. Da fabbrica di mobili a hangar per la produzione bellica di cacciabombardieri, l’area ha vissuto un successo internazionale fino a quando, negli anni ‘70, abusi edilizi e patti con la mafia obbligano l’area—e la città intera—a un tragico cambio di rotta. Fallita la fabbrica e spogliata di molti edifici, dovrà aspettare fino al 1995 perché il comune di Palermo acquisti gli spazi rimasti per trasformarli in “cantiere di Cultura”. Nascono così i Cantieri Culturali alla Zisa, ora casa di oltre 39 spazi culturali, animati da enti del terzo settore, esteri, pubblici e comunali; una rassegna di spazi sociali ed espositivi, hub culturali e studi artistici che offrono una gamma ampia e inclusiva di punti di vista sulla cultura, oltre a organizzare molteplici occasioni d’incontro e condivisione.

Segui Cantieri culturali alla Zisa su Instagram qui.

RES.IN

RES.IN residenza artistica palermo
RES.IN, Marco Giuliano

Acronimo di “Residenze Internazionali”, RES.IN è un programma culturale fondato dall’artista contemporaneo Edoardo Dionea Cicconi nel 2020-2021 che ha come obiettivo quello di “portare il mondo in Sicilia e la Sicilia nel mondo”. Attraverso una call esclusiva, una selezione di artist3 internazionale è invitata a scoprire il territorio siciliano realizzando opere site specific. Alla fine della residenza, viene organizzata una mostra e da lì le opere diventano oggetti itineranti che vengono trasportati anche in altri paesi e gallerie. Tra residenza artistica e scambio culturale, RES.IN è un connettore di talenti che sfida i confini dell’industria artistica e creativa.

Segui RES.IN su Instagram qui.

La Siringe

la siringe galleria palermo
Sospensione Orizzontale, 2022, Giusi Sferruggia

Fondato a novembre 2021 dai tre artisti palermitani Enzo Calò, Gabriele Massaro, Davide Mineo, lo spazio no-profit dedicato all'arte contemporanea deve il suo nome a un organo vocale presente negli uccelli che, produce suoni articolati e complessi—diversi per ogni specie—con il passaggio dell’aria. Allo stesso modo, Siringe vuole amplificare la voce di artist3 e progettisti emergenti, facendosi luogo “dedicato alla creazione, alla contemplazione di ideali concreti, reali e fisicamente esistenti.” Cassa di risonanza, contenitore di visioni e contenuto fluido, lo spazio ospita esponenti dell’avanguardia artistica contemporanea.

Segui La Siringe su Instagram qui.

89books

Heaven is a place on earth with you, Fotografia di Gabriele Alongi, 80books
Heaven is a place on earth with you, Fotografia di Gabriele Alongi

Casa editrice indipendente fondata nel 2018 dal fotografo italiano Mauro D’Agati e dalla curatrice ucraina Kateryna Filyuk, 89books introduce una nuova attività culturale nella scena artistica palermitana, realizzando libri fotografici per giovani talenti emergenti che non hanno ancora avuto accesso all’industria dell’arte istituzionale. Con Folio, una sezione speciale del progetto, la casa editrice soddisfa la richiesta di pubblicare opere estemporanee in edizione limitata, celebrando così i talenti con cui il duo di fondatori sente una forte affinità progettuale.

Segui 89books su Instagram qui.

PARADIGMA

paradigma collettivo musica palermo

Collettivo di dj e cultori di musica elettronica, new media e arti contemporanee, PARADIGMA è un progetto che si misura con il contesto urbano che lo circonda, introducendolo a correnti e influssi internazionali. “Fra le arterie di una città arrugginita, piegata da una crisi antica ma attraversata da energie sotterranee,” il collettivo coinvolge figure della scena locale per tessere un network solido e compatto. Dalla techno più radicale all’Elettronica d’avanguardia, dalle atmosfere raffinate della Deep alle geometrie sonore della Idm, passando per echi di Soul, Noise, Ambient, Glitch, Indie, Gqom, la crew composta da Emiliano Pennisi, Alberto Restivo, Michela Maniscalco, Giuliana Collorà, Giulia Valent mette dj set, live set, vinili, macchine analogiche al centro delle serate che organizza, mantenendo l’accento sulla qualità del suono e delle produzioni.

Segui PARADIGMA su Instagram qui.

Sicilia Queer Film Festival

Nato nel 2010, da più di dieci anni il Sicilia Queer Filmfest offre rassegne, incontri e screening di produzioni audiovisive che hanno come protagoniste le storie della comunità LGBTQAI+. Con sede a Palermo, il primo festival internazionale di cinema queer e nuove visioni in Sicilia ha come obiettivo quello di celebrare la comunità queer stimolando riflessioni critiche, una pluralità di pensieri e la proliferazioni di visioni lontane dalla cultura eteronormativa dominante. “Eterodosso, indipendente, alternativo dal punto di vista delle poetiche e dei linguaggi, degli approcci produttivi o distributivi,” il festival è diventato uno dei poli aggregatori della scena culturale underground locale e internazionale.

Segui Sicilia Queer Film Festival su Instagram qui.

Spazio Rivoluzione

SPAZIO RIVOLUZIONE galleria palermo
FANGO vol_1, SPAZIO RIVOLUZIONE, novembre 2018

Irriverenza, ricerca, coscienza politica, sperimentazione, libertà, entusiasmo, ecco le parole chiave di Spazio Rivoluzione, uno spazio espositivo fondato nel 2018 dall’artista Adalberto Abbate nel cuore del centro storico della città. Il nome attinge dall’eredità storica della piazza in cui è immerso, Piazza Rivoluzione, luogo in cui si consumarono le sommosse del popolo contro il regno borbonico. Nato dalla volontà di offrire uno spazio libero dalle leggi di mercato e da sistemi elitari che dominano l’arte contemporanea, il progetto celebra l'arte come azione politica e fenomeno di insurrezione, risurrezione e risorgimento.

Segui Spazio Rivoluzione su Instagram qui.

Marginal Studio

Marginal Studio palermo
Marginal Studio, FULCRUM, Fotografia di Roselena Ramistella

Fondato in Olanda da Francesca Gattello e Zeno Franchini, il progetto di Social Design si stabilisce nel 2016 a Palermo, città in cui il duo di designer di immerge nelle linee di confine urbane per documentare tramite workshop di co-design, installazioni, scrittura e video gli universi oggettuali e spaziali delle comunità diasporiche locali. Agendo all’interno e in contraddizione con le logiche dominanti del Design e dell’Arte, Marginal Studio produce materiali che reinventano le tradizioni, affrontando problematiche socio-culturali e ambientali contemporanee. Grazie alle pratiche partecipative e a un approccio basato sull’esperienza, il progetto indaga la cultura materiale nelle aree mediterranee e lo sviluppo di processi collettivi in contesti marginali.

Segui Marginal Studio su Instagram qui.

)(

Condizione Beata_Installation View4.jpeg
Condizione Beata, Antonio la Ferlita e Francesca Baglieri, a cura di Ilaria Cascino, maggio 2022

Artist run space diretto da cinque artisti e una curatrice—Francesca Baglieri, Rossella Poidomani, Antonio La Ferlita, Alberto Orilia, Roberto Orlando e Ilaria Cascino—la monoroom è sede di linguaggi visivi e visioni progettuali che hanno come concausa la sovrapposizione, sovversione e inquinamento tra il tempo e lo spazio. Anche lo stesso nome, )( , rivendica l’essenza dell’intervallo tra due parentesi, atmosfera in cui l’opera d’arte “cresce e si espande secondo le sue esigenze.”

Segui )( su Instagram qui.

L’Ascensore

l'ascensore galleria palermo arte
Alice Pilusi, My purble place, 2021, a cura di Alberta Romano ed Enzo Di Marino, visione della mostra a L’Ascensore, Palermo. Ph. Filippo Nicoletti

Nato nel 2015 dalla mente creativa di Alberto Laganà, con il sostegno dei collezionisti Danilo Signorino e Vito Bongiorno, L’Ascensore è uno spazio espositivo con sede nel quartiere storico della Kalsa che ha lo scopo di fare da ponte tra la scena artistica internazionale e quella palermitana, offrendo a giovani artist3 un luogo plastico in cui sperimentare con materiali, visioni e suggestioni. La direzione artistica è affidata al duo Genuardi/Ruta e dal 2020 Carlo Corona collabora alle attività dello spazio, un team creativo che fa del supporto alle nuove generazioni di creativi e alla connessione tra realtà locali ed estere il proprio credo.

Segui L’Ascensore su Instagram qui.

Studio Pica

Studio Pica art wall palermo
Artwork di Studio Pica

Il progetto di illustrazione e self-publishing con sede a Palermo, frutto della visione degli artisti Jessica Adamo e Luca John Nash, è uno spazio che accoglie e mixa diverse tecniche artistiche, dalla stampa artigianale, serigrafia e xilografia, alla ceramica, agli interventi di street art, contraddistinte da un carattere fortemente illustrativo. Organizzando workshop e laboratori dedicati, lo spazio si apre anche a residenze artistiche e collaborazioni multidisciplinari.

Segui Studio Pica su Instagram qui.

PUNKFUNK

Record shop, bar e venue musicale, PUNKFUNK è lo spazio di Bizio Rizzo e colonna portante della scena underground negli anni ‘80 e ‘90 a Palermo. Avamposto delle sottoculture musicali locali e punto di incontro per community sonore d’avanguardia, il locale è parte integrante della storia cittadina e del tessuto culturale che la rende ancora oggi vibrante e attiva.

Segui PUNKFUNK su Instagram qui.

Piano Hoüel

Piano Hoüel coworking palermo

Spazio di progettazione, produzione e ricerca, Piano Hoüel si estende su un piano e ospita 5 stanze, luoghi plastici che vengono manipolati a seconda delle interazioni e interventi artistici organizzati dal progetto. Lo spazio nasce infatti come coworking adatto ad ogni forma di lavoro e collaborazione con l’intenzione di riunire talenti e creativ3 e innescare nuove sinergie tra le loro pratiche, interessi e ossessioni. Come si legge nel manifesto del progetto, “l’intento è di offrire un piano dove appoggiare gli strumenti del vostro lavoro. Perché ognuno dovrebbe avere un piano.”

Segui Piano Hoüel su Instagram qui.

Francesco Pantaleone Arte Contemporanea

Francesco Pantaleone Arte Contemporanea galleria palermo
Milano '90 a cura di Giorgio Verzotti, fotografie di Fausto Brigantino

Fondata nel 2003 con l’obiettivo di diventare il punto di riferimento per l’arte contemporanea locale e internazionale, da oltre dieci anni la galleria rappresenta, celebra e supporta talenti affermati ed emergenti, scalfendo le dinamiche di mercato dell’arte. Nel 2017, la galleria apre una seconda sede a Milano, ampliando il raggio d’azione della gallerie e la missione di calare progetti curatoriali, corpus di opere e immaginari in ambientazioni eterogenee e inedite.

Segui Francesco Pantaleone Arte Contemporanea su Instagram qui.

Segui i-D su Instagram e Facebook

Crediti

Testo: Carolina Davalli
Immagini: per gentile concessione delle piattaforme, spazi e collettivi
Un ringraziamento speciale a Gabriele Alongi e Rodan Di Maria

Tagged:
underground
Palermo
Gallerie
arte
Clubbing
creatività
mostre