Abbiamo visto "The French Dispatch" (e non solo) al Festival di Cannes

Suore lesbiche, star del porno in pensione e il ritorno di Adam Driver. Ecco le nostre recensioni dei film che hanno fatto più discutere nelle ultime settimane, e che vi consigliamo di tenere d'occhio.

di Douglas Greenwood
|
16 luglio 2021, 2:23pm

Immagini su concessione di Memoria/Searchlight Pictures/Robert Viglasky

Dopo essersi forzatamente preso un anno di pausa nel 2020 a causa di voi-sapete-cosa, il Festival di Cannes è tornato nel 2021 armato di una serie oltraggiosa di film chiacchieratissimi che hanno pazientemente aspettato di essere presentati in anteprima all'evento cinematografico più prestigioso del mondo. Il festival ha ospitato alcuni dei più grandi film moderni e classici mai realizzati: qualsiasi cosa, da Parasite a Pulp Fiction, da La Dolce Vita a Taxi Driver, ha trovato qui il suo primo pubblico. Ed è finalmente arrivato il turno di qualcun altro per vincere di nuovo la Palma d’Oro.

Quali sono i titoli in lista quest’anno? Beh, troppi per citarli tutti. Abbiamo quindi creato una lista dei film più discussi di questa edizione 2021 del Festival di Cannes, da The French Dispatch (ovviamente) fino ai progetti più pubblicizzati di A24 per il 2021 (ce ne sono quattro solo in questa lista!).

Eccovi la lista dei film più chiacchierati di Cannes 2021

“Benedetta”, le storia vera della suora lesbica Benedetta Carlini

Paul Verhoeven non è ha calcato il red carpet di Cannes da quando il suo ultimo film—il sublime Elle con Isabelle Huppert—ha sconvolto il festival. Ma adesso è tornato e ha deciso di provocare la stessa isteria con Benedetta, anche conosciuto come “il thriller con le suore lesbiche”. Basato sulla saggio erotico Atti impuri. Vita di una monaca lesbica nell'Italia del Rinascimento di Judith C. Brown, è destinato a essere uno studio polemico quelle donne che, a porte chiuse, facevano sesso e peccavano nel mondo dei Cattolicesimo. Avete la nostra attenzione!

Data di uscita in Italia di Benedetta: n.d.

“Mothering Sunday”, ovvero la reunion del Principe Carlo e della Regina Elisabetta di “The Crown”

Ora, i drammi in costume raramente ci piacciono. Di solito sono soffocanti, troppo lunghi e aggressivamente eleganti. Ma ogni tanto, c'è un certo attore che recita in un period drama e tu dici, 'Sai cosa? Chissene, se tu hai intenzione di farlo, vale sicuramente la pena guardarlo”. Ecco Mothering Sunday, il nuovo dramma della regista francese Eva Husson con protagonista il nostro principe Josh O'Connor. Il film segue una relazione segreta tra una cameriera, interpretata da Odessa Young, e un uomo dell'aristocrazia che sta per sposarsi, Paul (Josh, per l’appunto). Alice Birch, che ha scritto l'adattamento televisivo di Persone Normali con Sally Rooney, ha scritto la sceneggiatura e la presenza di Olivia Colman ha in parte confermato questo film come uno dei primi papabili contendenti agli Oscar.

Data di uscita in Italia di Mothering Sunday: n.d.

“Red Rocket”, la storia di una star del porno in pensione

I film di Sean Baker sono sempre ambientati ai margini della società. La sua commedia natalizia Tangerine, ripresa con un iPhone, ha catturato la storia di una donna trans e del suo fidanzato nel centro di Los Angeles. Il progetto Florida del 2017 era ambientato nei motel fatiscenti che circondano Disneyland. La sua ultima opera, Red Rocket, è un film che racconta il ritorno a casa di una pornostar fallita che riconfigura la sua vita dopo essere tornato nella sua piccola città del Texas. Simon Rex (che era una pornostar prima di diventare un attore) fa il suo grande ritorno sul grande schermo dopo essersi preso una pausa dalla carriera dopo il franchise di Scary Movie. Simon è anche in lizza per il premio come miglior attore, e potrebbe anche portarlo a casa se gioca bene le sue carte. A24 distribuirà al cinema entro la fine dell'anno.

Data di uscita in Italia di Red Rocket: n.d.

“Anette”, il ritorno di Adam Driver a Cannes, ma potrebbe essere un flop

Cannes ha la reputazione di cominciare con film di apertura divisivi. Per ogni Moonrise Kingdom—Una fuga d’amore del sorgere della luna, c'è una Grace di Monaco. La giuria ha atteso di vedere il film di apertura di quest'anno Annette—non perché tutti i segnali indicavano fosse brutto, ma perché è così strano che sarebbe potuto andare o estremamente bene o estremamente male. Il primo film di Leos Carax dopo Holy Motors è un musical dalle sonorità completamente sconvolgenti con Adam Driver e Marion Cotillard rispettivamente nei panni di un comico e di una soprano, le cui vite prendono una svolta inaspettata dopo la nascita della loro figlia Annette. Faun fact: Rihanna è stata coinvolta in questo progetto. Il film di Leos è in lavorazione da quasi nove anni e ha debuttato in Francia lo stesso giorno della presentazione a Cannes, e lo si troverà su Amazon Studios o MUBI entro la fine dell'estate.

Data di uscita in Italia di Anette: n.d.

“The Souvenir: Part II” la dimostrazione che anche i sequel possono essere di qualità

The Souvenir, il film tragico semi-autobiografico di Joanna Hogg, è stata uno dei film più entusiasticamente recensiti del 2019 e, come è da prassi per i film in questi giorni, ne hanno fatto un sequel! Com’era stato per l'originale, che ha racontato la storia di una giovane studentessa di una scuola di cinema (interpretata da Honor Swinton Byrne, la figlia di Tilda) al suo innamorarsi di un uomo più anziano e dai tratti problematici, la trama rimane per lo più nascosta, anche se dovrebbe replicarne la vena malinconica. Interpretato anche da Tilda, insieme a nuove aggiunte come Joe Alwyn e Harris Dickinson, sembra che la qualità dei film in serie si sia alzata.

Data di uscita in Italia di The Souvenir: Part II: n.d.

“Lamb”, l’horror nordico che stavamo aspettando per raggelarci il sangue davvero

Nel suo debutto alla sceneggiatura e alla regia, Valdimar Jóhannsson, noto soprattutto per il suo lavoro agli effetti speciali di Game of Thrones e del franchise di Star Wars, crea quello che sembra uno strano horror di basso profilo. Noomi Rapace e Hilmir Snaer Gudnason interpretano una coppia che vive in una fattoria isolata dal mondo esterno. La coppia scopre un neonato nella loro terra e progettano di allevarlo come fosse loro. Tuttavia, qusto piano si sfalda quando la presenza del bambino inizia a causare conseguenze oscure. L’anteprima di Lamb è stata nella sezione Un Certain Regard del festival, alcova di talenti che in futuro diventano vincitori di Oscar.

Data di uscita in Italia di Lamb: n.d.

“Great Freedom”, l’unico titolo queer in gara

Un altro lungometraggio che debutta nella sezione Un Certain Regard è Great Freedom, uno dei pochi titoli queer del festival, che potrebbe vincere il Queer Palm 2021 (che l’ultima volta è stato vinto da Portrait of a Lady on Fire). Great Freedom è ambientato in Germania all'indomani della seconda guerra mondiale, in cui la liberazione di un gay da Auschwitz lo porta direttamente in prigione per aver violato le leggi anti-LGBTQ+ del paese. Lì, la sua sessualità sarà anche repressa dalla legge, ma trova la liberazione dentro di sé. È il secondo lungometraggio del regista Sebastian Meise, a distanza di un decennio dal precedente.

Data di uscita in Italia di Great Freedom: n.d.

“Memoria”, ancora Tilda Swinton (senza che nessuno se ne lamenti)

Un altro film candidato alla prestigiosa Palma d'Oro di Cannes è il debutto in lingua inglese del precedente vincitore della Palma, Apichatpong Weerasethakul. Il suo film Uncle Boonmee Who Can Recall His Past Lives ha vinto il premio nel 2010, forse Memoria farà lo stesso. Questo film, girato in Colombia e interpretato da Tilda Swinton, è stato tenuto nascosto per un po' di tempo, ma sono emersi alcuni dettagli. Tilda interpreta Jessica, un'insonne donna scozzese che, durante un lungo viaggio per visitare sua sorella a Bogotà, incontra un certo numero di persone che potrebbero scuotere la sua insonnia. Potrebbe esserci in gioco un elemento soprannaturale e spettrale anche qui.

Data di uscita in Italia di Memoria: n.d.

“After Yang”, riscoprire le relazioni umane nell’era degli automi

After-Yang.jpeg

Il film d'esordio del regista Kogonada, Columbus, è stato un grande successo al Sundance nel 2017. Il suo sequel, un dramma di fantascienza adattato da un racconto, potrebbe portarlo nell’olimpo dei registi. Prodotto da A24, After Yang vede Colin Farrell nei panni di un padre che cerca di capire come sistemare le sue relazioni familiari dopo che l'androide arruolato per prendersi cura di sua figlia si è rotto. È un dramma distopico sulla distanza che esiste tra le persone e su come la tecnologia allarghi quel burrone senza che ce ne accorgiamo.

Data di uscita in Italia di After Yang: n.d.

“The French Dispatch”, aka era ora

Data di uscita in Italia di The French Dispatch: 11 novembre 2021

Questo articolo è apparso originariamente su i-D UK.

Segui i-D su Instagram e Facebook.

Crediti

Testo di Douglas Greenwood

Leggi anche:

Tagged:
Film
Festival
Cultură
2021
festival di cannes
we anderson