Geloy Concepcion

“Things You Wanted To Say But Never Did”, fotografie illustrate che danno voce ai nostri pensieri inespressi

Attraverso una vera e propria call to action su Instagram, l'artista filippino Geloy Concepcion ha raccolto tutti quegli stati d'animo, quei sogni e quelle speranze che non siamo mai riusciti a esprimere. E gli ha dato una forma.

di Marco Frattaruolo
|
09 giugno 2021, 4:00am

Geloy Concepcion

Durante questo ultimo anno e mezzo, abbiamo dovuto fare i conti con un vero e proprio blocco emotivo e sentimentale. È uno degli effetti che la pandemia ha avuto sull'essere umano al quale trovare un rimedio efficace non è affatto facile (di altre ripercussioni e di come provare ad affrontarle, ve ne avevamo già parlato in questo articolo).

La distanza, l’isolamento e l'allontanamento fisico dalle persone a cui più teniamo ha fatto sì che ci chiudessimo nei nostri mondi, e la solitudine—soprattutto per chi si è trovato ad affrontarla e gestirla per la prima volta—non ha di certo aiutato nel rapporto con le nostre emozioni. Alcune ricerche nell’ambito della salute mentale hanno rilevato come molte persone, per far fronte a tutto questo, abbiano iniziato a sfogare le proprie emozioni riversandole direttamente sui social media e cercando sempre più un “contatto” virtuale.

“Things You Wanted To Say But Never Did”: il progetto di Geloy Concepcion che rivela quei pensieri che non riusciamo a dire ad alta voce
Artwork di Geloy Concepcion

Esempio emblematico di questa tendenza è il progetto Things You Wanted To Say But Never Did del fotografo filippino di base a San Francisco Geloy Concepcion. Nato sul finire del 2019 per affrontare la solitudine causata dal trasferimento dalle Filippine agli Stati Uniti, Geloy aveva cominciato a postare sul proprio profilo Instagram alcune fotografie accompagnate da testi che descrivevano in modo intimo i suoi stati d’animo. Da lì, il progetto è letteralmente esploso durante la pandemia, e non c’è da stupirsene.

Ma non si tratta di un progetto esclusivamente personale. In quel periodo, infatti, Geloy ha lanciato una call to action su Instagram chiedendo ai propri follower se avessero mai avuto dei pensieri, prese di coscienza, speranze o sogni che non erano mai riusciti a dire ad alta voce. A questa semplice domanda hanno cominciato a rispondere tantissime persone, e l’artista ha iniziato a selezionare alcune di quelle frasi per incorporarle nelle proprie fotografie scattate nelle Filippine.

“Things You Wanted To Say But Never Did”: il progetto di Geloy Concepcion che rivela quei pensieri che non riusciamo a dire ad alta voce
Artwork di Geloy Concepcion

Il progetto è poi cresciuto ulteriormente, aumentando il coinvolgimento del pubblico di Geloy. L’artista ha infatti chiesto al suo seguito non solo di inviare i propri pensieri, ma anche di accompagnarli con delle foto scattate da direttamente da loro. Il risultato sono fotografie “illustrate” da frasi emotivamente fortissime, da richieste d'aiuto a confessioni intime, fino alla verbalizzazione di speranze intime. Ecco che queste specie di cartoline pubblicate da Geloy si fanno veicolo una catarsi totalizzante di paure, dubbi o sogni, tutti estremamente universali.

Things You Wanted To Say But Never Did sembra essere una perfetta sintesi delle tre arti visuali da cui è sempre stato attratto Geloy—illustrazione, street art e fotografia—, grazie alle quali è riuscito ad affrontare le complessità del luogo in cui è cresciuto, Pandacan, una delle aree più difficili di Manila. Per questo, l’artista si è inserito nell’industria creativa presto, già da adolescente, prima come illustratore per il giornale della scuola, poi come street artist e infine come fotografo. Il suo percorso artistico, e in particolare questo suo ultimo progetto, ci hanno così tanto incuriosito che abbiamo deciso di intervistarlo.

“Things You Wanted To Say But Never Did”: il progetto di Geloy Concepcion che rivela quei pensieri che non riusciamo a dire ad alta voce
Artwork di Geloy Concepcion

Ciao Geloy! Raccontaci di te, del tuo background e di come sei arrivato fin qui.
Sono Geloy Concepcion, un fotografo di base a San Francisco, California. Ho cominciato a lavorare come fotografo nelle Filippine prima di trasferirmi negli Stati Uniti. Adesso posso ritenermi un artista a tempo pieno e un padre casalingo.

Sappiamo che hai iniziato come illustratore per poi passare alla street-art ed infine alla fotografia. Come descriveresti il tuo lavoro?
Il mio lavoro riflette sempre il luogo in cui sono nato e cresciuto. In particolar modo è sempre condizionato dalle regole della strada e dalle persone che la frequentano e la vivono.

“Things You Wanted To Say But Never Did”: il progetto di Geloy Concepcion che rivela quei pensieri che non riusciamo a dire ad alta voce
Artwork di Geloy Concepcion

Poi c'è stato il trasferimento negli Stati Uniti. Come lo hai vissuto dal punto di vista umano e artistico?
Sono arrivato negli Stati Uniti il giorno dopo che mia moglie ha dato alla luce mia figlia. Immerso in un nuovo ambiente, mi sono subito reso conto di essere rinato, proprio come fossi un bambino. Ho dovuto fare i conti con una serie di accorgimenti che devi necessariamente prendere quando ti sposti da un paese in via di sviluppo a un paese avanzato. I problemi sono diversi, così come le soddisfazioni.

Parliamo del tuo progetto Things You Wanted To Say But Never Did. Come e quando è nato?
Il progetto è nato nel novembre del 2019, quando per la prima volta ho postato sul mio profilo Instagram la domanda “What are the things you wanted to say but never did?” In quel momento, una trentina di persone hanno risposto, ma non ho toccato quel materiale fino a febbraio 2020, quando ho cominciato a cercare un modo per utilizzare le fotografie su pellicola del mio archivio che fino a quel momento avevo considerato inutilizzabili.

“Things You Wanted To Say But Never Did”: il progetto di Geloy Concepcion che rivela quei pensieri che non riusciamo a dire ad alta voce
Artwork di Geloy Concepcion

Quando hai capito che sarebbe potuto diventare un progetto artistico vero e proprio?
La mia idea iniziale era quella di trarne una piccola serie, una raccolta di 50 immagini. Ma dopo aver pubblicato la prima serie di immagini, ne ho ricevute altre 80 e poi ancora e ancora. È stato in quel momento che ho cominciato a realizzare che il progetto non poteva essere pensato come "temporaneo". La gente ha sempre bisogno di questa forma di catarsi.

TYWTSBND sembra essere nato come un modo per esprimere le tue emozioni, attraverso tue fotografie e pensieri, e poi il progetto si è aperto al tuo pubblico. Come è successo? È stata un’evoluzione naturale?
In realtà penso sia il contrario, di fatto si è sempre trattato dei pensieri del pubblico. Poi, in qualche modo, mi sono reso conto che anche io stesso avrei potuto esprimere a parole alcuni dei miei pensieri che fino a quel momento non avevo mai rivelato.

“Things You Wanted To Say But Never Did”: il progetto di Geloy Concepcion che rivela quei pensieri che non riusciamo a dire ad alta voce
Artwork di Geloy Concepcion

Il progetto nasce nel 2019 ma, come hai dichiarato tu stesso nell’intervista a NPR, la pandemia ha dato una spinta non indifferente. Hai percepito un cambiamento di stati d'animo da parte del tuo pubblico prima e durante la pandemia?
La pandemia ha indubbiamente aiutato il progetto a crescere perché in quel momento era diventato un veicolo necessario. Siamo stati tutti costretti a isolarci, il tempo ha cominciato a rallentare, il che ci ha portato a fare i conti con le nostre vite. Posso dire che il progetto ha aiutato le persone, ma allo stesso tempo anche le persone hanno aiutato il progetto a prendere vita e forma.

TYWTSBND è un progetto che scava a fondo nelle emozioni inespresse delle persone. Come entri in empatia con le emozioni degli altri? E che impatto emotivo ha su di te?
Ricordo sempre a me stesso che dietro ogni messaggio c'è chi si è preso del tempo per scriverlo, sperando che qualcuno legga e ascolti i suoi pensieri. Riguardo agli effetti che questi possono avere su di me, leggere 200 messaggi può essere davvero coinvolgente, quindi mi assicuro sempre di essere nel mood giusto prima di leggerli.

“Things You Wanted To Say But Never Did”: il progetto di Geloy Concepcion che rivela quei pensieri che non riusciamo a dire ad alta voce
Artwork di Geloy Concepcion

Ci sono dei messaggi che più di altri ti hanno toccato?
La "dimora" del progetto è un social media e quindi la maggior parte delle volte chi scrive appartiene alla fascia di età che va dai 18 ai 35 anni. Quando leggo messaggi scritti da persone più anziane—che non mi aspettavo di trovare su quel tipo di social—mi tocca veramente tanto. È come se questo elemento creasse una nuova dinamica all’interno del progetto, il che mi fa venire voglia di espanderlo ancora di più per arrivare alle persone fuori dalle piattaforme social.

Non solo in questo progetto, ma anche in altri tuoi lavori, si percepisce una tua volontà di andare a scavare nei sentimenti e nelle emozioni delle persone. Da dove deriva questo tuo approccio?
Penso che questo sia e sarà sempre il riflesso di quella che è stata la mia vita nelle Filippine. Sono cresciuto in un piccolo quartiere dove le case delle persone sono collegate quasi fisicamente tra loro. Mi piace ascoltare le storie delle persone, capire perché sono quello che sono. Cerco costantemente di creare una connessione genuina con le persone che incontro.

“Things You Wanted To Say But Never Did”: il progetto di Geloy Concepcion che rivela quei pensieri che non riusciamo a dire ad alta voce
Artwork di Geloy Concepcion

Che ruolo credi svolga TYWTSBND all’interno del panorama di Instagram, ormai saturo di progetti artistici? Perché credi che sia riuscito a emergere?
Penso che non solo l'anonimato renda il mio progetto interessante, ma anche la collaborazione tra sconosciuti che per certi, strani, versi riesce a unire le persone. Anche se le persone che partecipano potrebbero non incontrarsi mai, queste continuano a fare cose che possono aiutare uno sconosciuto: per me è magico.

Che impatto e reazione speri di ottenere nelle persone che vedono i tuoi lavori? Che cosa vuoi suscitare in loro?
Mi considero un'artista che basa la sua arte sul processo, quindi davvero tendo a non pensarci. Cerco semplicemente di trarre il meglio da tutto quello che ricevo.

“Things You Wanted To Say But Never Did”: il progetto di Geloy Concepcion che rivela quei pensieri che non riusciamo a dire ad alta voce
Artwork di Geloy Concepcion

Da questo punto di vista ricevi feedback da parte di chi ti segue?
In alcuni post che condivido ai miei lettori, chiedo loro come il progetto li ha influenzati e se c'è qualcosa in particolare che vogliono comunicarmi. Devo dire che i molti messaggi di gratitudine mi hanno dato la forza per portarlo avanti.

Cosa farai nel futuro più prossimo e in quello più remoto?
Il mio sogno è quello di fare di TYWTSBND un libro. Inoltre, nel futuro, mi immagino una mostra itinerante e a una serie di progetti collaborativi.

“Things You Wanted To Say But Never Did”: il progetto di Geloy Concepcion che rivela quei pensieri che non riusciamo a dire ad alta voce
Artwork di Geloy Concepcion
“Things You Wanted To Say But Never Did”: il progetto di Geloy Concepcion che rivela quei pensieri che non riusciamo a dire ad alta voce
Artwork di Geloy Concepcion
“Things You Wanted To Say But Never Did”: il progetto di Geloy Concepcion che rivela quei pensieri che non riusciamo a dire ad alta voce
Artwork di Geloy Concepcion
“Things You Wanted To Say But Never Did”: il progetto di Geloy Concepcion che rivela quei pensieri che non riusciamo a dire ad alta voce
Artwork di Geloy Concepcion
“Things You Wanted To Say But Never Did”: il progetto di Geloy Concepcion che rivela quei pensieri che non riusciamo a dire ad alta voce
Artwork di Geloy Concepcion
“Things You Wanted To Say But Never Did”: il progetto di Geloy Concepcion che rivela quei pensieri che non riusciamo a dire ad alta voce
Artwork di Geloy Concepcion
“Things You Wanted To Say But Never Did”: il progetto di Geloy Concepcion che rivela quei pensieri che non riusciamo a dire ad alta voce
Artwork di Geloy Concepcion
“Things You Wanted To Say But Never Did”: il progetto di Geloy Concepcion che rivela quei pensieri che non riusciamo a dire ad alta voce
Artwork di Geloy Concepcion
“Things You Wanted To Say But Never Did”: il progetto di Geloy Concepcion che rivela quei pensieri che non riusciamo a dire ad alta voce
Artwork di Geloy Concepcion
“Things You Wanted To Say But Never Did”: il progetto di Geloy Concepcion che rivela quei pensieri che non riusciamo a dire ad alta voce
Artwork di Geloy Concepcion
“Things You Wanted To Say But Never Did”: il progetto di Geloy Concepcion che rivela quei pensieri che non riusciamo a dire ad alta voce
Artwork di Geloy Concepcion
“Things You Wanted To Say But Never Did”: il progetto di Geloy Concepcion che rivela quei pensieri che non riusciamo a dire ad alta voce
Artwork di Geloy Concepcion
“Things You Wanted To Say But Never Did”: il progetto di Geloy Concepcion che rivela quei pensieri che non riusciamo a dire ad alta voce
Artwork di Geloy Concepcion

Segui i-D su Instagram e Facebook.

Crediti:

Foto di Geloy Concepcion
Testo di Marco Frattaruolo

Leggi anche:

Tagged:
pandemia
arte
salute mentale
social
illustrazione
Geloy Concepcion