è ufficiale: ci sarà una seconda stagione di "the end of the f***ing world"

La seconda stagione è sempre un rischio, ma questa volta vogliamo essere fiduciosi.

|
06 marzo 2019, 1:46pm

Se avete Netflix, ma anche se non lo avete, sicuramente avete sentito parlare di The End of the F***ing World. Probabilmente l’avete vista e magari siete anche tra quelli che l’anno scorso se la sono sparata nel giro di un weekend o meno—un binge watching comunque non troppo impegnativo, dato che la durata totale della prima stagione è di "sole" due ore e 40 minuti. Accolta come l’ennesima serie adolescenziale un po’ alla Wes Anderson e un po’ alla Gus Van Sant, piano piano TEOTFW si è fatta valere, le opinioni sono diventate sempre più positive e i due protagonisti sempre più amati.

Adolescenti tormentati e disagiati, perfetti per un profilo Tumblr del 2010, lei potenziale sociopatica, lui potenziale psicopatico, James (l’Alex Lawter dell’inquietante puntata di Black Mirror Zitto e Balla, S03, E03) e Alyssa (Jessica Barden) fanno quello che tutti i ragazzi della loro età sognano ma non hanno il coraggio di fare davvero: salire su una macchina, mettersi al volante e guidare senza meta. Scappare via da tutto e tutti. Lasciandosi alle spalle la smorta cittadina dove sono cresciuti e le loro famiglie che odiano a morte. L’adolescenza è un vero casino, e poter (ri)vivere quelle montagne russe emotive in compagnia di personaggi che ci sembrano gli unici a poterci capire è qualcosa di incredibilmente rassicurante.

Ecco perché la prima stagione ci aveva fatto innamorare tutti, anche quelli inizialmente più restii. Tutto finiva con una corsa affannata sulla spiaggia e uno sparo. Stacco a nero. E ora che Netflix ha rivelato su Instagram e Twitter che la sceneggiatura della seconda stagione è pronta, non sappiamo davvero che cosa aspettarci. Speriamo solo che non rovinino tutto.

Segui i-D su Instagram e Facebook

Ma perché ci piacciono tanto le serie sui 16enni disagiati anche quando non siamo più 16enni disagiati da un bel po' di anni? I nostri colleghi di VICE lo hanno chiesto a uno psicologo e le risposte sono molteplici. Tutte interessanti però:

Crediti


Testo di Benedetta Pini
Immagine sulla sinistra: via @teotfw. Immagine sulla destra: screenshot dal trailer della prima stagione.