Fotografia di Alice Joiner

la salute mentale delle donne è roba seria. serissima.

I modi per parlarne sono molti. Emmy Brunner, ad esempio, lo fa attraverso le sue fotografie.

|
05 aprile 2018, 7:00am

Fotografia di Alice Joiner

La salute delle donne, e la loro salute mentale in particolare, è un tema che per secoli gli uomini hanno minimizzato, mal interpretato e messo in ridicolo. Oggi—complice la nascita di movimenti come #MeToo e Time's—sempre più donne decidono però di rompere il silenzio che gravita attorno alla sanità femminile, facendo tutto ciò che è in loro potere per abbattere stereotipi e luoghi comuni. Una di loro è la psicoterapeuta e coach spirituale Emmy Brunner, che ha recentemente fondato WomanToWoman, piattaforma che mira a unire e dar voce alle donne che soffrono di disturbi alimentari, e non solo.

Photography Lucy Jones

"L'obiettivo di WomanToWoman è quello di creare una comunità di donne che sappia celebrare la femminilità, ma anche fornire supporto ai suoi membri," racconta Emmy ad i-D. "Il sistema sanitario spesso non riesce a gestire in modo adeguato le richieste d'aiuto. Le liste d'attesa sono lunghissime e spesso anche i risultati delle terapie non sono soddisfacenti. Vogliamo cambiare le cose, e vogliamo farlo offrendo fondi e sostegno alle donne che vogliono disperatamente stare meglio, ma non hanno i mezzi per farlo."

Photography Alice Joiner

Tra i loro progetti c'è una mostra fotografica dedicata alla celebrazione della creatività femminile, specie quando ispirata a esperienze traumatiche legate alla salute mentale. Tra gli artisti ci sono Emily Garthwaite, Kimbra Audrey, Alice Joiner ed Eliza Hatch. Qui trovate alcune delle immagini in esibizione.

Photography Kimbra Audrey
Photography Emily Garthwaite
Photography Eliza Hatch

Questo articolo è originariamente apparso su i-D UK.