Quantcast

gli angeli di L.A.

Dii-D Stafffoto diDan Martensen

Dietro le mille luci e stereotipi di Hollywood, Los Angeles è un melting pot di culture, creatività e comunità.

Questo articolo è originariamente apparso sul numero di i-D The Acting Up Issue 349, Autunno 2017

Justin Carpenter

Cosa significa casa per te? Essere una persona di colore e queer negli Stati Uniti è davvero difficile: trovare stabilità e una vera casa è stato un processo lungo e stancante. Non ho una dimora fissa da quando ho 17 anni. Per me, oggi non esiste una vera casa, ma spero di trovarla presto. Qual è l'aspetto che più ti ispira di L.A.? È come un'enorme tavoletta del water, oppure un circo a cielo aperto, e la amo. L'icona definitiva di L.A. per te? TOTAL FREEDOM, un incredibile DJ e producer. Non c'è nessuno come lui, sa prendere il controllo della situazione e un giorno spero di diventare come lui.

Ryon Wu, Cameriere

Cosa significa casa per te? Divido casa mia con il mio ragazzo, il mio gatto e i miei videogiochi. È l'unico posto dove posso andare e rilassarmi sul serio. Qual è l'aspetto che più ti ispira di L.A.? Tutti i miei amici mi spingono a fare cose che non avrei mai pensato di poter fare. L'icona definitiva di L.A. per te? La mia vera icona di Los Angeles sono gli Universal Studios LOL.

Jazmin Garcia, Regista

Cosa significa casa per te? Casa è qualcosa che ti manca, un luogo mistico che ormai è stato cancellato dai miei ricordi, così come da quelli dei miei antenati. Forse, posso trovare la mia vera casa solo nei sogni. Qual è l'aspetto che più ti ispira di L.A.? La comunità di immigrati che hanno lasciato i loro paesi per venire qui, in un posto completamente diverso, nella speranza che i loro figli avranno un futuro migliore. L'icona definitiva di L.A. per te? Mio papà, Leonidas Augusto Garcia. È arrivato a L.A. quando era un adolescente, ma non ha mai avuto l'opportunità di vedere quanto questa città sia bella perché ha sempre lavorato troppo. Lui è l'icona per cui vivo ogni singolo giorno della mia vita.

Jimmy Valdez, Stilista

Cosa significa casa per te? La casa è un santuario, un luogo d'amore pieno di energie positive. Qual è l'aspetto che più ti ispira di L.A.? È un luogo in cui puoi far avverare i tuoi sogni. Gli edifici, le strade, i quartieri, tutto mi ispira, in un modo o nell'altro. Los Angeles è davvero il luogo giusto in cui vivere. L'icona definitiva di L.A. per te? Monsignor Lloyd Torgerson, il sacerdote della Chiesa Cattolica di Santa Monica. Accoglie tutti, poco importa chi si ritrovi davanti. Ci insegna ad amarci e, soprattutto, a essere d'aiuto, non conta quale sia il tuo credo o la tua religione.

Mike Davis,

Poeta e Organizzatore di Progetti per la Comunità

Cosa significa casa per te? Tutti siamo alla costante ricerca di una casa, di uno spazio sicuro in cui sentirci a nostro agio. Casa per me è dove posso respirare, dove posso guardare a tutte le difficoltà con un senso di pace. Qual è l'aspetto che più ti ispira di L.A.? Sono la mia comunità, la mia gente e la mia L.A. a ispirarmi. È il motivo per cui faccio il lavoro che faccio, per cui lotto contro la gentrificazione, per cui sono così determinato nel cambiare l'intollerabile clima in cui viviamo oggi, per cui voglio smantellare il sistema che ci opprime. L'icona definitiva di L.A. per te? I miei genitori. Da quando sono piccolo, la gente mi ferma per strada chiedendomi se sono io il figlio di Canela e Mike. I miei genitori sono due persone incredibili, senza di loro L.A. non sarebbe la stessa. Se sono la persona che sono, lo devo completamente a loro.

Ramdasha Bikceem, DJ

Cosa significa casa per te? La mia famiglia queer è la mia casa. Le persone in cui mi posso rispecchiare e che creano uno spazio anche per me. Qual è l'aspetto che più ti ispira di L.A.? I fantasmi sono ancora qui. È una città in cui i pazzi continuano a fare le loro cose da pazzi, nonostante la gentrificazione voglia allungare i suoi terrificanti tentacoli anche verso di loro. C'è una vibrazione unica in questa città, forse perché nasce nel deserto. Mi sembra di essere in una dimensione secondaria, a volte. L'icona definitiva di L.A. per te? Ho scoperto da poco che una delle mie scrittrici di sci-fi preferite, Octavia Butler, è di L.A.. Nei suoi romanzi, le donne di colore sono tutte eroine e hanno il potere di trasformarsi in delfini e viaggiare nel tempo. Il suo lavoro ha dato vita a un immaginario potente, e l'ha fatto in un genere in cui di solito sono gli uomini bianchi i protagonisti. Una sognatrice incredibile.

Aaron Sanford, Skateboarder

Cosa significa casa per te? Casa è dove sono i miei amici. Qual è l'aspetto che più ti ispira di L.A.? Crescere facendo skateboard a South Central è stato davvero stimolante. Non solo perché si è rivelato un modo per incontrare altre persone che avevano interessi simili ai miei, ma anche perché facendo skateboard ho esplorato la città in lungo e in largo. L'icona definitiva di L.A. per te? Mia madre. È lei ad avermi reso la persona che sono oggi.

Mario Lopez, Fotografo

Cosa significa casa per te? Casa per me è tutto. È il motivo per cui lavoro sodo, è dove passo il mio tempo serenamente. Per me, casa è il luogo in cui tutti dovrebbero trovare la loro pace. Qual è l'aspetto che più ti ispira di L.A.? Le comunità queer, quelle che contribuiscono a renderla così eterogenea. Credo sia esattamente questo il motivo per cui tutti sono così attratti da Los Angeles. L'icona definitiva di L.A. per te? Cesar Chavez. Rappresenta la forza e l'energia che scaturisce da un fronte contatto. È questo che deve fare una vera icona, secondo me.però