è morto peter lindbergh, uno dei più grandi fotografi del novecento (e non solo)

I suoi inconfondibili scatti in bianco e nero hanno plasmato la cultura visuale degli ultimi decenni.

di i-D Staff
|
04 settembre 2019, 11:06am

Fotografia via Wikipedia

A 74 anni, Peter Lindbergh è venuto a mancare, lasciando in eredità al mondo della moda contemporanea alcuni degli scatti di fashion photography più potenti del Novecento. Le sue fotografie sono pietre miliari nella storia della moda, grazie anche a un linguaggio visivo intimo, cinematografico, eterno e a volte quasi onirico. Traslato nel mondo della moda, tale codice estetico ha permesso a Lindbergh di costruire immaginari pionieristici e completamente sradicati dalla fotografia di moda commerciale.

Con il suo sguardo nostalgico e sconvolgente ha raccontato le storie delle dive, ritraendole con drammatica naturalezza, spontaneità e vulnerabilità. La sua è una vera e propria narrazione, la sua più grande preoccupazione quella di raccontare la totalità di una persona in un solo scatto. Un anno fa ci diceva "Sai, ci sono persone che vedi, incontri, di cui senti parlare e percepisci immediatamente che tutte le foto che gli hanno scattato fino a quel momento non rendono loro giustizia, non riescono a raccontarne le storie."

Lui, possiamo dirlo, ci riusciva benissimo.

Segui i-D su Instagram e Facebook

A fine 2017 avevamo intervistato Lindbergh a Torino, in occasione dell'opening della sua ultima mostra italiana. Trovate tutto qui di seguito:

Tagged:
RIP
Fotografia
bw
Peter Lindbergh
Moda
storia della moda