Fotografia di Jesse Fifi Crankson. Il modello indossa look completo Paolo Carzana.

paolo carzana, il designer emergente che dà nuova vita all'estetica del grottesco

Paolo non crea abiti, ma bizzarre utopie ricche di speranza. Ci siamo innamorati del suo lavoro, e oggi finalmente ve lo presentiamo.

di Matilde Cerruti Quara
|
17 settembre 2019, 8:41am

Fotografia di Jesse Fifi Crankson. Il modello indossa look completo Paolo Carzana.

È un pomeriggio di primo autunno. E loro chi sono? Le foglie fruscianti. Increspature arancioni, gialle e dorate che corrugano armoniosamente i fili d’erba, stiracchiandosi in lunghe linee dalle radici alla chioma. In fermento? Brulicanti. Rosso borgogna e verde acido, magenta e rosa. Il genere umano si trasforma in fantastiche creature, diventando tutt’uno con la corteccia del vecchio acero. Come Alice nel Paese delle Meraviglie, possono attraversare lo specchio e viaggiare in dimensioni parallele. Sono simili, ma diversi. Spiano. Persuasivamente, fanno l’occhiolino attraverso l’edera. Sono bizzarri, sono eccentrici. Sono i tipi strani, che ora ti rendono la pariglia. Non avere paura di loro. Riflettono solamente quello che il tuo animo si porta dentro, sono riflessi della mente, compagni di avventura. Sono benintenzionati. Se potessero parlare, ti direbbero che tutto nel loro mondo è esattamente come appare, e così come dev’essere. Lo Spaventapasseri, con convinzione— Tutto è strano nella vita fino a quando non ti ci abitui. Il Cappellaio Matto si spiegherebbe ulteriormente— Talvolta sono riuscito a credere a fino sei cose impossibili prima di colazione. Eppure non hanno parole, solo gesti e visioni utopiche. Avvolti, protetti dalle pieghe delle loro vesti, portano con essi tutta la magia necessaria ad invocare inni di protezione, per incanalare tutta la bellezza dal dentro al fuori, e dal fuori, al dentro (1).

Paolo Carzana Editoriale i-D Italy Jesse Fifi Crankson

Paolo Carzana crede nella determinazione collettiva. Stilista nato in Galles e oggi basato a Londra, Carzana ha debuttato nel 2018 con la collezione THE BOY YOU STOLE, affermandosi rapidamente come enfant prodige durante la London Fashion Week. I pezzi presentati erano audaci, stravaganti e impeccabilmente sostenibili sia dal punto di vista ambientale che etico. La loro concettualizzazione, una rampante presa di posizione contro l’abuso di potere.

La romantica utopia di Carzana risulta abitata da esseri apparentemente mostruosi, perfettamente imperfetti, caratteri incompresi la cui essenziale missione esistenziale è di fare da guardiani, prendendosi cura di (e proteggendo) chi li avvicina. Nessuna risorsa sprecata nel processo creativo, gli abiti sono fatti di filato di banana, cotone di bambù e canovacci naturali riciclati, oltre che di Piñatex (una fattura di pelle di ananas unica al mondo).

"Non ci sono più scuse per non essere sostenibili." Questo, Paolo lo dà per scontato. "Al giorno d’oggi ciascun giovane designer ha un dovere nei confronti del pianeta, al quale non dobbiamo arrecare alcun ulteriore danno nella produzione delle nostre creazioni. Non dovremmo nemmeno stare qui a parlarne—anche se certamente è importante elogiare chi investe sforzi considerevoli a riguardo—perché non dovrebbe essere considerato un plus al posto di quello che è l’intenzione in sé e per sé, vale a dire la manifattura dei vestiti e il loro significato. Dovrebbe essere un’abitudine."

Non ci piace il crowd-pleasing, grazie.

Paolo Carzana Editoriale i-D Italy Jesse Fifi Crankson

Laureatosi alla Westminster University, Paolo sta completando il suo MA alla Central Saint Martins, dove anche insegna per UAL Insights e CSM Short Courses. Carzana ha potuto accedere ad entrambe le scuole grazie a delle borse di studio di British Fashion Council Education Foundation, la fondazione James Pantyfedwen e Kering. Sapendo bene come troppo spesso la semplice possibilità di poter perseguire il proprio sogno sia connessa al privilegio, o meglio alla mancanza di tale, Paolo non si concede nulla di più del necessario e nemmeno si dimentica di far rifluire nel cosmo il suo senso di gratitudine: tutti i suoi ricavati infatti vengono reinvestiti nelle produzioni successive e devoluti ad iniziative umanitarie. Di questi tempi, approfittando della visibilità fornitagli dalla sua imminente presentazione ‘THE ANOTHER WORLD PROJECT: PILGRIMAGE 1’, che avverrà tra iltenutasi tra il 13 e il 17 settembre per la sezione Positive Fashion della London Fashion Week, e della sua partecipazione ad un eccezionale evento di raccolta fondi il prossimo 14 settembre Fashion for Relief, il gala di raccolta fondi di Naomi Campbell sabato scorso, Carzana ha chiesto ai suoi sostenitori di donare a AKT Charity, un’associazione inglese che aiuta i giovani senzatetto LGBTQ+ a trovare uno spazio sicuro, così come Pride Cymru e Arcigay Italia, militanti rispettivamente in Galles e in Italia, le sue due nazioni d’origine.

Paolo Carzana Editoriale i-D Italy Jesse Fifi Crankson

Indumenti nati come armature, articolate impalcature di cappotti oversize sorretti da monumentali croci di tessuto, stanno ora trasmutandosi in qualcosa di indossabile da chiunque ne senta e colga il messaggio. “La sfida è l’accessibilità, come realizzare abiti che facciano sentire le persone più forti e che al tempo stesso possano essere abitati facilmente.” Una dichiarazione di passione. In un momento in cui il political correct sembra perversamente evolvere in censura creativa, Paolo guarda attraverso lo specchio e oltre: ha scelto di produrre abbigliamento da uomo che, pur lasciando certamente ampia libertà di essere portato come fluidwear o genderlesswear, si propone fondamentalmente la sfida di ricreare uno sguardo alternativo su mascolinità e omoerotica. L’attrattiva sessuale dell’energia maschile immaginata da Paolo non è fatta di tweed, completi o machismi. Si apre a tutte le molteplici sfaccettature di sensualità, sex appeal e seduzione. La visione di Carzana è eterea ed primitiva. Si muove naturalmente, danzando contro un fondale di wuthering heights, con Kate Bush che canta dolcemente nel sottofondo di un giorno di pioggia luccicante, accarezzando le colline smeraldo del suo nativo Galles.

Paolo Carzana Editoriale i-D Italy Jesse Fifi Crankson

I corpi dei suoi modelli si venerano a vicenda, scorrendo fluidi nei ruscelli di campagna, abbracciati da camici di cotone di recupero e filati di bambù che, ora pregni d’acqua, aderiscono a morbide curve. Ma ci sono anche linee forti e agili, quelle dei mistici abitanti delle foreste di cemento. E ancora, un occhio ben allenato potrebbe cogliere, tra alcune delle sue surreali camicie e iconiche calzature, un certo qualcosa dei paesaggi e dell’artigianato di Macugnana. Un paradiso perduto e ritrovato tra le valli del Piemonte, al quale Carzana deve non solo metà del suo retaggio culturale ma anche alcune fonti di ispirazione, di manuale maestria. Gli indumenti di Carzana sono concepiti con attenta cura e squisita precisione. Carzana lavora con tinture naturali: dalla curcuma alla barbabietola, ogni visita al suo studio, e appartamento, è rivelatoria nell’imparare pozioni alternative e farmi incantare da nuove sfumature di colore. A volte si trovano delle stoffe che bollono in pentola, mentre altre si cimentano in una psichedelica stratificazione della vasca da bagno.

Paolo Carzana Editoriale i-D Italy Jesse Fifi Crankson

C’è qualcos’altro che il Cappellaio Matto dice in ‘Alice nel Paese delle Meraviglie’— Tutti vogliono una soluzione magica ai loro problemi, ma tutti si rifiutano di credere alla magia. Esattamente un anno fa, Paolo faceva parte dell’ ’EARTHWISE’ issue di iD UK, alla quale aveva prestato il titolo: “IMAGINE YOU COULD BE THE ONE TO CHANGE IT ALL”. Salvo per il fatto che originariamente Paolo aveva scritto, sul suo taccuino “WE”. Nonostante come ogni creativo passi la maggior parte del suo tempo da solo, Carzana è tutto fuorché un individualista. È un tipo che crede nella comunità e nella condivisione della poesia della vita.

Paolo Carzana Editoriale i-D Italy Jesse Fifi Crankson

Ricordo perfettamente quando ci siamo incontrati, qui a Londra. Era una strana serata estiva, il cielo plumbeo di tensione, l’aria soffocante, l’elettricità che caricava l’atmosfera in preparazione ad una tempesta di fulmini. Per le misteriose vie operate dal destino, ci ritrovammo entrambi alla stessa festa—entrambi senza grandi ragioni per esserci. Ad un tratto, vidi questo ragazzo in terrazza e fui colta da un improvviso senso di stupore. Un istintivo senso di antica ricognizione.

Paolo Carzana Editoriale i-D Italy Jesse Fifi Crankson

Forse il preludio di una sincronicità? Uno sguardo d’intesa, mi chiese una sigaretta. Ci raccontammo le nostre storie.

1568708596998-_9-Paolo-Carzana-PHOTO-Jesse-Fifi-Crankson

Avanti veloce, nel tempo, eccoci di nuovo qui.

Paolo Carzana Editoriale i-D Italy Jesse Fifi Crankson

È un pomeriggio di primo autunno.

1568708633502-_11-Paolo-Carzana-PHOTO-Jesse-Fifi-Crankson

Abbiamo organizzato un improvvisato servizio fotografico in uno dei nostri nascondigli preferiti di Londra. Decidiamo di usare queste immagini, scattate dal magnifico Jesse Fifi Crankson, per il nostro servizio su iD Italy. Tra uno scatto e l’altro, mi allontano per osservare quello stesso ragazzo, ora più grande di tre anni. Paolo Carzana per me è come uno spirito antico, dedito e dotato verso un’enorme responsabilità. In primis, la sua missione di vita, come creativo. E poi, l’avere un ruolo attivo e radicale come parte della presente e futura intellighenzia. Paolo è genio, mai spacconeria. È visionario ed è enorme gentilezza d’animo. È una musa. Certo, una mia musa… ma spero che diventerà anche vostra, perché ho la certezza che la vostra vita ne verrebbe arricchita.

Paolo Carzana Editoriale i-D Italy Jesse Fifi Crankson

Prima di tornare a scattare, raccolgo le mie intenzioni e, tra me e me, gli auguro tutto il meglio. A lui, che davvero crede in quella magia di cui raccontano le storie, quella che nessuno di noi dovrebbe mai perdere.

Paolo Carzana Editoriale i-D Italy Jesse Fifi Crankson

Gli auguro di essere quello che cambierà tutto perché, ora lo sapete anche voi, è in grado di farlo.

1568709584156-_15-Paolo-Carzana-PHOTO-Jesse-Fifi-Crankson

1) Parte degli abiti scattati in esclusiva per questo pezzo proviene dal Southbank Centre Cloud Show: un progetto speciale concepito da Tim Yip Studio a cui Paolo Carzana ha partecipato nel 2017; un workshop per, e con, i ragazzini londinesi, volto ad esplorare tematiche di identità, migrazione e ambientalismo. Per esso Carzana aveva creato dei costumi ispirati a personaggi della tradizione letteraria eccentrici in positivo, da cui la referenza al Cappellaio Matto di Alice nel Paese delle Meraviglie e allo Spaventapasseri de Il meraviglioso mago di Oz.

Paolo Carzana Editoriale i-D Italy Jesse Fifi Crankson
Paolo Carzana Editoriale i-D Italy Jesse Fifi Crankson

Segui i-D su Instagram e Facebook

Altro talento che davvero ci ha fatto dire WOW ultimamente per la sua graduate collection presso la Central Saint Martins:

Crediti

Testo di Matilde Cerruti Quara
Direzione Creativa di Matilde Cerruti Quara & Paolo Carzana
Fotografia di Jesse Fifi Crankson
Moda di Paolo Carzana
Modelli William Howell-Jackson e Zoë Thomas
Assistente allo styling Sonia Trefilova
I modelli indossano tutti look completi Paolo Carzana

Tagged:
sostenibilità
fashion stories
nuovi talenti
paolo carzana
moda ecosostenibile