le sfilate più controverse di tutti i tempi

Certo, le collezioni passano e vengono dimenticate, ma le leggende rimangono per sempre.

di Tish Weinstock
|
18 gennaio 2017, 10:50am

Dalla reinterpretazione artistica dello hijab di Hussein Chalayan ai soldati in gonna e tacchi di Thom Browne, passando per le performance spettacolari di Alexander McQueen e lo sfarzo di Chanel haute couture: le sfilate passano, ma le leggende rimangono per sempre. Negli ultimi anni abbiamo assistito a grandi produzioni che ci hanno fatto dimenticare gli umili appuntamenti in cui venivano semplicemente presentati i vestiti. Le sfilate si sono progressivamente trasformate in degli eventi dal profondo slancio creativo, una fonte d'intrattenimento di spessore culturale.

untitled-article-1484665439-body-image-1484666954

John Galliano primavera/estate 95

Un tempo era necessario essere presenti fisicamente per godersi lo spettacolo: le luci, le installazioni, il set, la musica, la camminata dei modelli, la tangibilità dei vestiti. Questo è cambiato grazie all'evoluzione dei social media. Ora che il futuro dell'industria della moda viene costantemente messo in dubbio, ci sembra giusto celebrare il suo glorioso passato. Per farlo ci affidiamo ad Alix Browne e al suo nuovo tomo, RUNWAY: The Spectacle of Fashion.

untitled-article-1484665439-body-image-1484666976

Thom Browne primavera/estate 14

"Lo stilista non si limita a creare una nuova collezione per ogni stagione: dà vita a un contesto, uno scopo, un desiderio" scrive Browne. "La sfilata è un atto di creatività che riesce a separare chi ha qualcosa di interessante da dire - sulle donne, sugli uomini, sul mondo - da chi si limita a creare belle cose da indossare. È un momento di rivelazione."

untitled-article-1484665439-body-image-1484666983

Comme des Garcon primavera/estate 11

Testimone di un'epoca ancora lontana da Snapchat, quando la realizzazione ultima della visione di uno stilista non si limitava a una story di due secondi e quando la magia di una sfilata non si perdeva con chi la guardava dallo schermo di un iPhone, RUNWAY è una compilation di Polaroid intime, inediti scatti del backstage e appunti scritti in prima persona di alcune delle sfilate più uconiche nella storia della moda. Date un'occhiata in esclusiva ad alcune delle immagini contenute nel libro.

untitled-article-1484665439-body-image-1484666991

Issey Miyaka primavera/estate 99

untitled-article-1484665439-body-image-1484667002

Maison Martin Margiela autunno/inverno 97

untitled-article-1484665439-body-image-1484667043

John Bartlett autunno/inverno 01

untitled-article-1484665439-body-image-1484667070

Maison Martin Margiela autunno/inverno 00

untitled-article-1484665439-body-image-1484667079

Rick Owens primavera/estate 14

untitled-article-1484665439-body-image-1484667087

Raf Simons autunno/inverno 98

Crediti


Testo Tish Weinstock

Tagged:
Fotografia
Cultura
Martin Margiela
Comme des Garçons
Issey Miyake
sfilate
Chalayan