come il nord dell'inghilterra ha influenzato la moda e la cultura visiva

Molto più che prati muschiosi e football.

di Matthew Whitehouse
|
05 dicembre 2016, 12:55pm

Photography Brett Dee, The Anarchy Issue, no. 82, 1990

Il Nord dell'Inghilterra è molto diverso dal resto del Paese: per il suo clima, la sua cultura, la lingua. È un enorme territorio complesso dove la pioggia battente ha la meglio sia in inverno che in estate. Il Nord non è tutto football e prati muschiosi, è poesia, amore, ironia, un mix di bellezza e onestà. La sua influenza indelebile verrà celebrata con una mostra alla Open Eye Gallery di Liverpool il prossimo anno. 

Co-curata da Lou Stoppard di SHOWstudio e dal fondatore di Preston Is My Paris Adam Murray, la mostra esplora a partire dal 6 gennaio come la regione è stata "dipinta, celebrata e vista con una selezione di foto, opere e collezioni di moda."

Foto Jason Evans, Untitled, Manchester, 1997

La mostra include lavori di Jamie Hawkesworth e Alasdair McLellan, assieme alle creazioni di Christopher Shannon, John Skelton e quelle nate dalla recente collaborazione tra Virgil Abloh e Ben Kelly, con lo scopo di consolidare la nostra visione del Nord celebrando i temi che ritroviamo sia nella moda che nei media.

"L'identità del luogo è stata protagonista dei miei lavori per anni," ha detto Murray. "Voglio che la mostra sia un'opportunità per osservare come le creazioni degli artisti che mi hanno ispirato si rifacciano alle loro esperienze di vita. Collaborare con la Open Eye Gallery mi ha dato l'opportunità di fare tutto ciò a Liverpool, una città che ha un ruolo significativo per la cultura britannica."

Raf Simons primavera/estate 03. Image courtesy of Raf Simons.

Foto Alasdair McLellan, Boy at the Saint Leger Fair, Doncaster, Settembre 2005

Foto Stephen McCoy, From the series Skelmersdale, 1984

Crediti


Testo Matthew Whitehouse

Tagged:
inghilterra
Μόδα