This article was originally published by i-D UK.

philip ellis disegna il mondo che sogna, non quello che lo circonda

L'anno scorso la sua collezione anti-Brexit ha sbalordito gli spettatori, ma oggi il clima politico rende più necessario che mai il lavoro di stilisti come Philip Ellis.

di Ryan White
|
25 maggio 2017, 10:45am

This article was originally published by i-D UK.

Per i ragazzi e le ragazze di campagna che sognano di trasferirsi a Londra "per inseguire i loro sogni di moda nella capitale," Philip Ellis è un brillante esempio delle possibilità che questa città offre. Cresciuto in un piccolo paese tra Liverpool e Nottingham, a 18 anni Philip è partito alla volta di Londra per studiare moda alla Central Saint Martins e si è presto ritrovato avvolto dalla scena queer e creativa londinese. "Quando mi sono trasferito qui ho fatto il cameriere al Dalston Superstore; quel posto mi ha messo in contatto con la scena LGBTQ di Londra. Per me, nightlife è sinonimo di moda."

Arrivato all'università senza conoscenze sartoriali specifiche, Philip si è presto ritrovato nella fortunata posizione di lavorare da Meadham Kirchhoff durante il primo anno di corsi. "Tutto quello che so, o quasi, l'ho imparato lì. Creavano i capi da zero all'interno dell'atelier, quindi assistevo all'intero processo sartoriale. È stata un'esperienza fantastica." Philip si è laureato alla CSM lo scorso anno, e la collezione creata per il diploma ha catturato l'attenzione di molti per la sua chiara presa di posizione anti-Brexit. Lo stilista ha decorato i capi in passerella con messaggi come 'non mordere la mano che ti nutre' stampati sul logo dell'Unione Europea. 

Le sue creazioni sono permeate da una voglia di unione e pace che gli permette di catturare più dello spirito attivista, esprimendo anche parte della sua stessa identità nel processo. "La politica gioca un ruolo importante nel mio lavoro perché ciò che creo è una rappresentazione della mia personalità. Non esprimerei mai la mia opinione solo per il gusto di farlo." E siamo sicuri che questo desiderio di cambiare il mondo che lo circonda, ma senza trattare l'attivismo come una moda passeggera, renda ancora più brillante il futuro di Philip come stilista londinese.

Guarda anche: Sogna di dipingere, dipingi i tuoi sogni.

Crediti


Testo Ryan White
Fotografia Tim Walker
Philip indossa maniche, pantaloni e calze Philip Ellis. Anfibi Dr. Martens. 

Tagged:
Brexit
creatività
stilista
Tim Walker
fashion stories
the creativity issue
philip ellis
nuovi creativi
i-d editorial